Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

UN GATTO SPAVENTATO: COME AIUTARLO?

2023-12-04
UN GATTO SPAVENTATO: COME AIUTARLO?

L'ansia è uno stato emotivo (fisiologico) del tutto naturale che ha un'importante funzione biologica. Consente ai gatti, come ad altri animali, di evitare potenziali pericoli che minacciano la loro salute o la loro vita. Tuttavia, stiamo parlando di una paura occasionale, che stimola l'animale a fuggire o a difendersi e poi passa.

Quando la sensazione di paura accompagna il gatto in modo continuativo per un lungo periodo di tempo, diventa causa di disturbi comportamentali e persino di gravi problemi di salute. Quali sono le cause dell'ansia a breve e permanente nei nostri animali domestici? Come possiamo aiutare un gatto spaventato? E come possiamo sapere se il nostro animale ha paura di qualcosa?

Due tipi di paura nei gatti

La paura è una pulsione molto forte che guida il comportamento degli animali. I piccoli gattini inizialmente hanno paura di quasi tutto: rumori forti, persone sconosciute, altre creature e così via. Con il tempo, tuttavia, imparano a capire cosa li minaccia davvero e cosa non deve essere temuto. La fonte di queste conoscenze è la madre (i bambini imparano per imitazione) e le esperienze di vita individuali.

Esistono due tipi di ansia nei gatti: quella a breve termine e quella permanente. Nel caso dell'ansia cronica, lo stimolo che la scatena accompagna costantemente l'animale. Purtroppo, questo è spesso il caso dei pelosi confinati tra le quattro mura di un appartamento o di una casa. Un gatto libero spaventato può scappare, un animale domestico tipicamente domestico no.

Un gatto spaventato: i sintomi che si possono osservare

La paura nei nostri animali domestici si manifesta, tra l'altro, nelle espressioni facciali e nella postura del corpo. Un gatto spaventato può stare fermo, cadere a terra, raggomitolarsi e abbassare le orecchie. Gli occhi possono essere spalancati e le pupille dilatate. Anche il sibilo, lo sbuffo, il mangiarsi il pelo e l'inarcamento della schiena (il cosiddetto dorso del gatto) sono segni di paura.

L'immobilizzazione è tipica della cosiddetta paura passiva. In casi estremi, con una paura estremamente grave, si possono verificare anche svenimenti o paralisi muscolare temporanea che impedisce qualsiasi movimento. I gatti spaventati possono anche reagire in modo più attivo, ad esempio scappando. I nostri pelosi sono di piccola taglia, quindi - pur essendo predatori ben armati - non è raro che scelgano proprio questa soluzione. Ciò accade soprattutto quando la minaccia è più grande e più forte di loro. A volte un gatto fortemente spaventato può anche attaccare il nemico.

Di cosa hanno paura i gatti?

L'ansia in un gatto può essere scatenata da molti fattori che è difficile anche solo elencare. I pelosi, ad esempio, provano un'innata paura dell'acqua, anche se sanno nuotare. Gli animali hanno anche paura dei predatori più grandi e più forti di loro, come i cani o i grandi rapaci. Sono anche estremamente cauti quando incontrano i serpenti.

Tutti i gatti che vivono in libertà scappano dagli esseri umani. Questo perché siamo molto più grandi e forti di loro. Anche i gatti domestici, sebbene abituati al contatto con l'uomo, possono reagire con paura alla vista di estranei. Un gatto può spaventarsi quando qualcosa lo sorprende, anche se normalmente non ne ha paura.

I grandi cambiamenti nell'ambiente possono essere la fonte della paura di un gatto. Gli animali provano paura quando sono costretti a cambiare luogo: ecco perché i gatti di solito non amano viaggiare, soprattutto se la destinazione è un ambulatorio veterinario. Si tratta di una paura acquisita, in quanto hanno un'associazione spiacevole con la visita dal veterinario.

Un gattino spaventato: come aiutarlo?

Come aiutare un gatto spaventato? Se si tratta di un'ansia a breve termine, cioè improvvisa, nella maggior parte dei casi non è necessario fare nulla.

Se, ad esempio, il nostro gatto peloso è spaventato dai rumori della strada, dai nostri ospiti o persino dai fuochi d'artificio di Capodanno, è meglio non cercare di confortarlo. Senza volerlo, non faremmo altro che perpetuare le sue paure. Possiamo invece offrire al nostro animale dei nascondigli in cui si sentirà al sicuro in queste situazioni.

Lo stress in un gatto, ad esempio a causa di visitatori o fuochi d'artificio, non dura a lungo e passa senza il nostro intervento non appena il fattore di stress scompare. A volte, quando il fattore di stress si ripete sistematicamente, ma non danneggia l'animale, quest'ultimo si abitua e smette di avere paura. Questo tipo di fenomeno si chiama assuefazione, o assuefazione.

Purtroppo, questo non funziona sempre. Alcuni pelosi non si abituano mai a un fattore di stress. Ad esempio, sono pochi i gatti che si abituano alle visite dal veterinario, senza dubbio perché le visite sono poco frequenti e non sono esperienze piacevoli.

In situazioni specifiche come la visita dal veterinario, possiamo rassicurare un gatto spaventato con carezze dolci o parole calde. Soprattutto, però, dobbiamo comportarci con calma e non essere nervosi. Ricordate che i gatti percepiscono molto bene il nostro nervosismo, che aumenta il loro stress.

Ansia cronica nel gatto: quali sono le cause?

La paura felina passa non appena la sua causa specifica scompare. I nostri animali domestici che fanno le fusa non sono afflitti dalle paure irrazionali che spesso proviamo noi. Tuttavia, come ho già detto, anche loro possono sviluppare ansia cronica quando sono costantemente sotto l'influenza di un fattore di stress.

Una fonte di ansia cronica nei gatti può essere il conflitto tra i pelosi che vivono sotto lo stesso tetto. Non tutti gli animali domestici possono vivere in armonia tra loro. A volte competono intensamente l'uno con l'altro e uno di loro è fortemente dominato dall'altro. Intimorito da un rivale, l'individuo non ha dove scappare e vive quindi sotto costante stress.

I gatti cronicamente spaventati sono talvolta turbati dall'arrivo in casa di un nuovo membro della famiglia, come un bambino, un cane o un altro animale. A volte la fonte di stress è l'animale domestico di un vicino. Anche un trasloco o una ristrutturazione generale che comporta la sostituzione dei mobili hanno un effetto stressante sui nostri pelosi. Un altro motivo può essere rappresentato dalle visite molto frequenti dal veterinario nel caso di animali cronicamente malati.

Purtroppo, può anche accadere che la causa dell'ansia permanente nei gatti sia il loro proprietario. A volte il comportamento di chi se ne prende cura, spesso inconsapevolmente, induce paura nel proprio animale. Questo può sorprendere e risultare difficile da credere, ma dobbiamo esserne consapevoli.

Come si manifesta l'ansia cronica nei gatti?

I principali sintomi dell'ansia cronica nei nostri pelosi sono vari tipi di disturbi comportamentali. Non è raro che un gatto spaventato defechi fuori dalla lettiera. Se urina sul letto o fa la pipì su scarpe e vestiti, possiamo presumere che si tratti di un conflitto con la persona che si prende cura del gatto. La lettiera nell'appartamento è un segno di conflitto tra gatti: l'individuo più debole e dominante ha paura di usare la stessa lettiera del compagno di casa più forte.

Altri disturbi comportamentali associati allo stress permanente sono l'abbassamento dell'umore e l'apatia, l'esecuzione esagerata di alcune attività, come la toelettatura eccessiva, i miagolii notturni, i movimenti nervosi o i frequenti nascondigli. Nei gatti spaventati si osservano anche disturbi del sonno e dell'alimentazione. Inoltre, lo stress provoca un abbassamento delle difese immunitarie, per cui un animale stressato è più suscettibile alle malattie.

Come si può aiutare un gatto che soffre di paura cronica?

Lo stress a lungo termine è dannoso per i gatti sotto tutti i punti di vista, quindi dobbiamo aiutarli a gestirlo. Come è facile intuire, questo non è sempre un compito facile. Innanzitutto, è necessario identificare la causa della paura cronica, cosa che di per sé può essere difficile. Tuttavia, in questo modo sarà più facile sviluppare una terapia efficace per il gatto spaventato. In alcuni casi, la semplice eliminazione della fonte di stress può risolvere efficacemente il problema.

Nel trattamento dell'ansia cronica nei gatti, dobbiamo tenere conto anche del modo in cui si manifesta nell'animale, oltre che della predisposizione psicologica del peloso e delle specificità del suo ambiente. Lavorare con un gatto timoroso significa, tra l'altro, indebolire la reazione allo stimolo stressante e rafforzare il suo senso di sicurezza. Questo obiettivo può essere raggiunto accarezzando e giocando: vale la pena di investire in giocattoli interattivi e altre attrezzature per aggiungere varietà alla vita del vostro animale, che può essere molto monotona in casa.

Le misure sopra descritte prepareranno il nostro animale alla fase finale della terapia, quella di modificare o eliminare i comportamenti indesiderati, se presenti.

I sedativi appropriati possono aiutare nel processo di trattamento di un gatto spaventato, ma è meglio ricorrervi solo in casi estremi e dopo aver consultato un veterinario. Per conto nostro, senza tale consultazione, possiamo utilizzare speciali feromoni per gatti, che hanno un effetto calmante e aumentano la fiducia nei pelosi. Di certo non fanno male e possono essere d'aiuto.

Un gatto spaventato: un problema che può essere risolto

Da un lato, la paura del gatto è del tutto naturale, ma dall'altro, in certe situazioni, può essere un grosso problema sia per il peloso che per il suo proprietario. Purtroppo, a causa dell'ampia varietà di stimoli che la scatenano e di diversi altri fattori che la accompagnano, è difficile dare consigli univoci su come aiutare un gatto spaventato. Le terapie devono essere adattate ai casi specifici per essere il più efficaci possibile. Ciò che possiamo dire, tuttavia, è che dovremmo sempre cercare di instaurare un rapporto corretto tra noi e i nostri animali. La chiave del successo è comprendere il comportamento dell'animale e soddisfare i suoi bisogni naturali, oltre a tanta pazienza. Un gatto spaventato è un problema che può essere risolto!

pixel