Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

SVERMINARE IL GATTO: COME, QUANDO E CON COSA? 7 CONSIGLI DEL MEDICO!

2022-12-13
SVERMINARE IL GATTO: COME, QUANDO E CON COSA? 7 CONSIGLI DEL MEDICO!

In quanto custodi dei nostri animali domestici, siamo responsabili della loro salute e sicurezza. Uno degli elementi fondamentali per prendersi cura della salute dei nostri animali domestici è una corretta prevenzione. Oltre alle vaccinazioni regolari raccomandate dal veterinario, dovremmo anche sverminare regolarmente il nostro gatto. Ogni quanto tempo bisogna sverminare? Quali sono i preparati da utilizzare? È necessario sverminare un gatto che non ha l'aria condizionata? Quali parassiti minacciano i nostri gatti? In questo articolo cercherò di rispondere a tutte queste domande.

Parassiti pericolosi per i gatti

Purtroppo i parassiti interni sono comuni nel nostro ambiente. I parassiti appartenenti a protozoi (ad esempio lamblia, coccidi), vermi rotondi (ad esempio verme rotondo felino) e vermi piatti (tenie) sono comuni nei gatti. I parassiti interni sono più comuni nei gatti giovani (i gattini possono infettarsi quando sono ancora nel grembo materno o succhiando il latte di una madre infetta). In età più avanzata, c'è il rischio che i gatti si infettino attraverso le forme invasive che si trovano nel terreno (uova di vermi tondi, tricocefali, anchilostomi).

Gli stadi larvali dei parassiti possono essere trovati nella carne cruda (cisti di toxoplasma, soprattutto nella carne di maiale) o nei tessuti di piccoli animali (roditori, uccelli) che sono prede dei gatti (larve di verme rotondo, cisti di toxoplasma). Spesso il problema dell'infestazione si presenta anche in gruppi di animali più grandi: canili, fondaci, rifugi.

Quali sono i segni dell'infestazione?

La diarrea è il segno più comune di un gattino infestato e può contenere muco e sangue. I gattini infestati dai vermi perdono l'appetito, non aumentano di peso, perdono peso, possono vomitare e sono letargici. Spesso un'infestazione è del tutto asintomatica, quindi ricordate sempre che l'assenza di sintomi non sempre significa che il nostro gatto non sia infestato.

Con quale frequenza devo sverminare il mio gatto?

Di seguito indicherò i programmi di sverminazione, mentre la regola generale per la sverminazione dei gatti adulti dipende dal fatto che il nostro gatto sia all'aperto o meno. I gatti in uscita dovrebbero essere sverminati ogni 3 mesi e quelli non in uscita ogni 6 mesi.

Preparati per la sverminazione

Oggi esistono numerosi preparati per la sverminazione dei gatti. Sono inoltre disponibili in diverse forme: paste, compresse o formulazioni spot-on. In realtà, funzionano tutti in modo molto simile.

Se non riusciamo a contrabbandare una compressa per il nostro gatto, tanto vale versargli sul collo un preparato spot-on. Recentemente sono comparsi i cosiddetti prodotti spot-on 2 in 1, che sono sverminanti e proteggono anche da zecche e pulci. Si tratta di un metodo molto conveniente per proteggere il gatto, soprattutto quello che vive all'aperto: è sufficiente utilizzarlo una volta ogni tre mesi.

Programmi di sverminazione per i gatti

  1. Gattini - a partire da 3 settimane di età ogni 2 settimane fino allo svezzamento (fenbendazolo, flubendazolo, pyrantel). Poi ogni mese fino a 6 mesi di età con i preparati sopra citati, emodepside o milbemicina, moxidectina, selamectina.
  2. Gatte gravide - con emodepside o selamectina al termine della gravidanza.
  3. Gatte in lattazione - fenbendazolo, febantel, flubendazolo, pyrantel, emodepside, mlibemicina, moxidectina, selamectina - una somministrazione durante il periodo di allattamento in concomitanza con la prima sverminazione dei gattini.
  4. Gatti adulti di provenienza sconosciuta - sverminazione due volte con i preparati di cui sopra a un intervallo di 2 settimane, poi dopo un mese.
  5. Poi sverminazione regolare dei gatti adulti (ben sverminati in precedenza) in uscita ogni 3 mesi, non in uscita ogni 6 mesi.

Profilassi

Ricordiamoci di sverminare regolarmente i nostri gatti. Se il gatto è ospitato in casa, il rischio di invasione è basso, poiché è improbabile che mangi roditori. Un gatto di questo tipo rientra nel gruppo di rischio A. In questo caso, le feci del gatto devono essere analizzate due volte all'anno e sverminate a seconda dei risultati, oppure il gatto deve essere sverminato profilatticamente due volte all'anno contro i nematodi.

Se il gatto è all'aperto e si muove liberamente, il rischio di invasione è elevato a causa della possibilità che mangi roditori o uccelli. Il gatto rientra quindi nel gruppo di rischio B. Per ridurre al minimo il rischio di escrezione di uova di verme rotondo e tenia, le feci devono essere esaminate ogni tre mesi e sverminate a seconda del risultato, oppure sverminate regolarmente ogni tre mesi con preparati di nematodi e tenie.

Zoonosi pericolose

Dobbiamo ricordare che i parassiti interni dei nostri gatti possono essere pericolosi anche per l'uomo. Un esempio di zoonosi, cioè di malattia trasmessa dagli animali all'uomo, può essere la toxocariasi. La toxocariasi è una pericolosa malattia zoonotica causata dall'invasione di larve di vermi tondi canini o felini (Toxocara canis, Toxocara cati). Le fonti di infezione da toxocariasi includono il suolo contaminato, l'ingestione di cibo contaminato, il contatto con animali infetti e le loro feci. La contaminazione ambientale con uova di verme rotondo canino e felino è comune in tutto il mondo. I più vulnerabili sono i bambini, che si infettano giocando con animali infetti e nelle sabbiere in cui si trovano le uova del verme rotondo invasivo.

Anche la mancanza dell'abitudine di lavarsi le mani contribuisce all'infezione. Nel corpo umano (nel duodeno), le larve lunghe circa 0,4 mm si schiudono dalle uova invasive ingerite. Attraverso le pareti intestinali si fanno strada nel flusso sanguigno. Con il sangue, migrano e si insediano in vari organi del corpo (fegato, occhio, cervello). Rimanendo nei tessuti, provocano una reazione infiammatoria e la distruzione dei tessuti infetti.

La sverminazione sistematica dei nostri animali domestici aiuta quindi a proteggere non solo il vostro animale, ma anche il resto della famiglia dalla minaccia dei parassiti. Consultate il vostro veterinario per conoscere il rimedio e il regime di sverminazione più adatto al vostro animale.

Gatti e sicurezza delle donne in gravidanza

Con un'igiene di base, nessun gatto (nemmeno un gatto da caccia!) è un pericolo per l'uomo! Non è nemmeno un pericolo per una donna incinta! Il rischio di toxoplasmosi può essere rappresentato da un gatto infetto che espelle oocisti, cioè forme di sviluppo del Toxoplasma gondii, nelle sue feci. Si tratta di casi estremamente rari, che riguardano gatti giovani di pochi mesi di età con immunità incompleta, che possono aver contratto la malattia mangiando uccelli o roditori cacciati o carne cruda o organi interni di animali infetti di allevamento (maiali, pecore, capre) o selvatici (polli, cinghiali, caprioli, lepri). Questi animali fungono da ospiti intermedi per il Toxoplasma, cioè il parassita è presente sotto forma di cisti tissutali nel loro corpo.

Gli esseri umani possono essere infettati dopo aver ingerito oocisti dalle feci di un gatto infetto (si possono trovare nel terreno, nell'acqua, nelle verdure e nella frutta) o dopo aver ingerito cisti contenute nella carne. La carne di maiale in particolare può rappresentare un rischio, ma anche la carne di cinghiale, di lepre e di uccelli selvatici. Ricordate di svuotare la lettiera del gatto ogni giorno (le oocisti non si sporcano), di impedire ai gatti di cacciare roditori e uccelli, di non somministrare carne cruda, di utilizzare mangimi specializzati e di sverminare regolarmente gli animali domestici.

Come prevenire il rischio di contrarre la toxoplasmosi? Lavarsi le mani - sempre dopo il contatto con gli animali, prima di preparare il cibo e prima di mangiarlo, dopo aver pulito la lettiera del gatto e dopo qualsiasi contatto con il terreno, assicurarsi che il bambino si lavi le mani dopo il contatto con gli animali e il gioco nella sabbiera, usare i guanti quando si fa giardinaggio, lavare la verdura e la frutta prima di mangiare, non assaggiare la carne cruda (maiale! ) quando si preparano gli alimenti, lavare taglieri, utensili e mani dopo aver maneggiato carne cruda e verdure e frutta sporche, proteggere gli alimenti dagli insetti, se si sta pianificando di avere un bambino o si è incinta, ricordarsi di fare un esame del sangue per il Toxoplasma gondi.

Se abbiamo un animale domestico in casa, dobbiamo sverminare regolarmente?

Non è necessario "sverminare" le persone. Gli esseri umani si infettano con i parassiti zoonotici mangiando prodotti contaminati da feci di cani e gatti o mettendo in bocca mani o oggetti sporchi (contaminati da terra o sabbia in cui si sono depositati animali infetti).

Osservando le norme igieniche di base (lavarsi regolarmente le mani, soprattutto prima dei pasti, dopo aver giocato nei giardini e nelle sabbiere, lavare la frutta e la verdura consumate crude, non mettere le mani o gli oggetti in bocca), ci si protegge dal contrarre la malattia. La sverminazione degli animali deve essere effettuata solo in base alle raccomandazioni del veterinario. La più importante è la sverminazione di cuccioli e gattini.

pixel