Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

SINDROME DI CUSHING NEL CANE: COS'È E COME SI CURA?

2023-12-07
SINDROME DI CUSHING NEL CANE: COS'È E COME SI CURA?

Sia la carenza che l'eccesso di alcuni ormoni possono causare una serie di disturbi o malattie. Esempi di tali disturbi nel cane sono l'ipotiroidismo, l'incontinenza urinaria dipendente da carenza di estrogeni, l'iperadrenocorticismo (sindrome di Cushing) nel cane o il diabete mellito. In questo articolo cercherò di introdurre un'entità patologica dal nome misterioso: la sindrome di Cushing.

Che cos'è la sindrome di Cushing?

Gli ormoni sono composti chimici secreti nel sangue o nella linfa dalle cosiddette ghiandole endocrine. Il funzionamento delle ghiandole endocrine può essere paragonato a quello di un automobilista che, quando guida in città, deve alternativamente frenare e accelerare per mantenere una velocità relativamente costante. Lo stesso vale per le ghiandole che, attraverso la secrezione di ormoni, rallentano gli organi o li stimolano all'azione.

Negli organismi dei mammiferi, molte funzioni regolate dagli ormoni sono decise dal centro di comando, l'ipofisi, controllata dall'ipotalamo (entrambi gli organi si trovano nel cervello). L'ipotalamo controlla se gli ormoni sono sufficienti. Se ne manca qualcuno, ordina all'ipofisi di iniziare a secernere un ormone stimolante per stimolare una particolare ghiandola a lavorare di più. Se c'è una quantità eccessiva di qualcosa, l'ipotalamo dice STOP. Il tutto avviene, ovviamente, attraverso reazioni chimiche.

La sindrome di Cushing, o iperfunzione surrenalica, è una delle malattie endocrine più comunemente diagnosticate nei cani. Si manifesta più comunemente nei cani anziani e di mezza età. Durante questa malattia, vengono prodotte quantità eccessive di cortisolo, un ormone coinvolto nella regolazione del metabolismo. L'eccesso di questo ormone può avere un effetto dannoso su diversi organi e alterare la regolazione dell'intero organismo. Il cortisolo è prodotto dalle ghiandole surrenali. L'ormone ACTH ne controlla la produzione e il rilascio dalle ghiandole surrenali. L'ACTH è prodotto dall'ipofisi.

Tipi di iperfunzione surrenalica

La sindrome di Cushing può manifestarsi in modo iatrogeno o spontaneo. I casi iatrogeni sono dovuti alla somministrazione cronica di glucocorticosteroidi. I casi spontanei sono dovuti a un'eccessiva produzione di glucocorticosteroidi da parte delle ghiandole surrenali.

Possiamo dividere l'iperfunzione surrenalica in ipofisaria e surrenalica. La causa della maggior parte dei casi di sindrome di Cushing è l'eccessiva secrezione di ACTH da parte di una lesione localizzata nell'ipofisi. Questo porta alla proliferazione della corteccia surrenale e all'aumento della secrezione di glucocorticosteroidi. Meno comunemente, l'iperattività surrenalica è causata da lesioni localizzate nella corteccia surrenale stessa.

In quali cani si manifesta la sindrome di Cushing?

L'iperadrenocorticismo può manifestarsi in qualsiasi cane, ma si notano alcune predilezioni di razza. Più comunemente, la malattia può manifestarsi in barboncini, bassotti, terrier (Yorkshire Terrier, Jack Russell Terrier, Staffordshire Bulterier, Foxtrot), pastori tedeschi, labrador, boxer e Boston terrier. Circa il 55-65% dei casi è di sesso femminile.

Sindrome di Cushing nel cane - sintomi

I sintomi della sindrome di Cushing possono variare notevolmente. I più comuni includono:

  • polidipsia (aumento della sete),
  • poliuria (aumento della minzione)
  • aumento dell'appetito,
  • ansimare,
  • ingrossamento del contorno addominale (caratteristica silhouette del cosiddetto "barile su un fiammifero", causata dall'ingrossamento del fegato, dall'accumulo di grasso nella cavità addominale e dall'atrofia muscolare che colpisce gli arti),
  • alopecia,
  • debolezza muscolare,
  • ipertensione,
  • apatia,
  • iperpigmentazione,
  • scarsa ricrescita dei capelli,
  • calcinosi cutanea (deposito di sali di calcio insolubili nella pelle e nel tessuto sottocutaneo),
  • difficoltà di guarigione delle ferite,
  • incontinenza urinaria,
  • diabete mellito.

Possono comparire anche segni neurologici, come paralisi di parti del muso, rigidità degli arti, problemi di mobilità, demenza, vagabondaggio, circolazioni, alterazioni comportamentali, sindrome di Horner, convulsioni.

Sindrome di Cushing nel cane - diagnosi

Oltre ai sintomi sopra menzionati, la sindrome di Cushing presenta anomalie caratteristiche negli esami morfologici e biochimici del sangue e delle urine. All'esame morfologico, i risultati possono essere i seguenti: leucociti elevati, linfociti ridotti, eosinofilia ridotta, trombociti elevati. All'esame biochimico, i livelli di fosfatasi alcalina, alanina aminotransferasi, colesterolo, trigliceridi e glucosio sono aumentati in modo significativo. Nelle urine possono comparire proteine e caratteristiche di infezione delle vie urinarie.

Per confermare l'iperfunzione surrenalica, vengono eseguiti diversi esami per confermare o escludere la malattia. I più importanti sono tre:

Test di inibizione del desametasone a basso dosaggio

In questo caso si valuta l'asse ipofisi-surrene, che nella sindrome di Cushing è anormalmente resistente alla stimolazione steroidea esogena. Il vantaggio di questo test è che si può differenziare la causa, cioè stabilire se si tratta di una forma ipofisaria o surrenalica della malattia. Il test consiste nel determinare i livelli di cortisolo prima e dopo l'iniezione di glucocorticosteroidi. La normale risposta dell'organismo alla somministrazione di steroidi è un calo dei livelli di cortisolo nel giro di poche ore. Questo test coinvolge il paziente per un lungo periodo di tempo: si preleva il sangue, si somministra il desametasone per via endovenosa e si effettuano altri prelievi 4 e 8 ore dopo l'iniezione di steroidi.

Test di stimolazione dell'ACTH

Si tratta di determinare i livelli di cortisolo del cane prima e dopo la stimolazione surrenalica con iniezione di ACTH. Primo prelievo di sangue per stabilire i livelli di cortisolo di base. Iniezione di ACTH per via intramuscolare o endovenosa alla dose di 0,25 mg. Secondo prelievo di sangue un'ora dopo l'iniezione e determinazione dei livelli di cortisolo dopo la stimolazione con ACTH.

Rapporto cortisolo/creatinina urinario

I cani affetti da sindrome di Cushing presentano livelli elevati di cortisolo nel sangue ed espellono maggiori quantità di cortisolo nelle urine. Il proprietario raccoglie un campione di urine del mattino nei due giorni successivi e lo conserva in frigorifero. Si calcola quindi il rapporto tra cortisolo libero renale e creatinina.

Sindrome di Cushing - il cane e il suo trattamento

Il trattamento dell'iperfunzione surrenalica può essere chirurgico (asportazione delle ghiandole surrenali o asportazione trans-fenoidale dell'ipofisi), ma anche radioterapico o farmacologico. Poiché i primi due metodi sono piuttosto invasivi e rischiosi, non resta che il trattamento farmacologico. Una volta attuato il trattamento, è molto importante che il proprietario presti attenzione ai sintomi del cane, come sete, appetito, attività e umore. Se il proprietario nota sintomi preoccupanti, deve contattare immediatamente il medico.

Monitoraggio

È molto importante monitorare l'animale colpito per scegliere la dose corretta del farmaco. Una volta attuato il trattamento, il monitoraggio deve avvenire dopo 10 giorni, 4 settimane, 12 settimane e poi ogni 3 mesi. Il monitoraggio è molto importante perché spesso il cane richiede dosi minori di farmaco nel corso del tempo.

Cosa posso fare a casa se il mio cane soffre di iperfunzione surrenalica?

Oltre al regolare monitoraggio del sangue di cui ho parlato sopra e a tenere sotto controllo i sintomi del cane, è importante anche una buona dieta. I cani con iperfunzione surrenalica soffrono spesso di problemi dermatologici. È opportuno fornire loro una dieta ricca di concentrazioni più elevate di acidi grassi omega 3 e 6. È importante anche l'uso di shampoo appropriati, studiati per la pelle problematica.

La sindrome di Cushing nel cane è una malattia molto grave e, se non trattata, può portare rapidamente alla morte. Può derivare da complicazioni dovute a diabete, ipertensione sistemica, pancreatite, urolitiasi e malattia embolica polmonare. Ricordate di osservare sempre con molta attenzione il vostro cane. Se notate segni preoccupanti indicativi della sindrome di Cushing, consultate sempre il veterinario.

pixel