Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

QUANTE VOLTE AL GIORNO DEVO NUTRIRE IL MIO GATTO E QUANTO CIBO DEVO DARGLI?

2023-04-11
QUANTE VOLTE AL GIORNO DEVO NUTRIRE IL MIO GATTO E QUANTO CIBO DEVO DARGLI?

Un tempo era opinione comune che i gatti non avessero bisogno di essere nutriti: bastava versare loro del latte e tenerli all'aperto e si sarebbero procurati le cose da soli. Fortunatamente, questo pensiero appartiene ormai al passato. Il modo giusto di nutrire i gatti è molto importante. Quante volte al giorno bisogna dare da mangiare al gatto? Cosa influisce sulla quantità di cibo che il gatto deve mangiare? Come si fa a curare la sua dieta e a fornirgli i pasti migliori?

Alimentazione del gatto: perché è così importante?

Non si può contare su un gatto sano e felice se non viene nutrito correttamente. C'è un motivo per cui l'aspettativa di vita dei gatti che vivono in libertà è molto più breve di quella dei gatti che vivono in casa. Questo è influenzato, ovviamente, anche da uno stile di vita più pericoloso, ma anche l'accesso al cibo e l'alimentazione fanno una differenza enorme.

Solo un gatto nutrito correttamente ha la possibilità di rimanere in salute, perché la dieta gli fornisce tutte le vitamine e gli altri nutrienti di cui ha bisogno per vivere. Anche la quantità di cibo è importante. Un gatto che vive in libertà, se non viene nutrito da brave persone, mangia solo quando caccia qualcosa. Un gatto di casa ha il lusso di non soffrire mai la fame, il che ha un effetto positivo sulla sua salute e sul suo benessere, a condizione, ovviamente, che non venga nutrito in modo eccessivo. Troppo cibo è anche dannoso. Con quale frequenza devo nutrire il mio gatto?

Cosa influisce sulla quantità di cibo per gatti?

La quantità di cibo per gatti al giorno che rappresenta una dose sufficiente è una cosa molto fluida. Dipende da molti fattori, quindi non si può presumere che tutti i gatti possano mangiare la stessa quantità e reagire allo stesso modo. Tuttavia, è possibile utilizzare alcuni criteri per determinare la quantità ideale di cibo che dovrebbe finire nella ciotola del gatto. Quali sono questi criteri?

La taglia

La taglia del gatto influisce in modo determinante sulla quantità di cibo da somministrare. I gatti di razza grande, come i Main Coon, mangiano di più rispetto ai rappresentanti delle razze più piccole. Molto dipende anche dallo stato di salute, la situazione cambia, ad esempio, nel caso di gatti in sovrappeso che devono perdere peso per motivi di salute o, al contrario, nel caso di un gatto che deve prendere qualche chilo per uscire dal sottopeso. Quando si sceglie la quantità di cibo, occorre tenerne conto.

Età

Inizialmente i gattini si nutrono esclusivamente del latte materno e lo cercano da soli quando hanno fame. A partire da circa quattro settimane di età, i gattini possono passare lentamente al cibo solido. Tuttavia, il loro stomaco è molto piccolo e non può contenere molto, quindi devono mangiare porzioni più piccole, ma con la stessa frequenza dei gatti adulti. In questo caso, con quale frequenza bisogna nutrire un gatto di piccola taglia? Una frequenza comunemente adottata dagli allevatori è quella di piccole porzioni somministrate ogni quattro ore.

I gatti anziani, d'altra parte, possono avere una minore assimilazione delle sostanze nutritive dal cibo, quindi spesso dovrebbero mangiare di più, anche se in questo caso bisogna fare particolare attenzione che il gatto non aumenti di peso. L'ideale sarebbe comunque un alimento di alta qualità specificamente studiato per i gatti anziani.

Lo stato di salute

Lo stato di salute è di notevole importanza per la quantità di cibo che il gatto dovrebbe assumere. I gatti post-sterilizzazione dovrebbero di solito mangiare meno, poiché tendono a ingrassare dopo l'intervento chirurgico - il loro fabbisogno energetico diminuisce. I gatti in convalescenza, invece, hanno bisogno di recuperare le forze, quindi vale la pena di somministrare loro cibo di buona qualità e assicurarsi che mangino.

I gatti malati mangiano poco, quindi non preoccupatevi se riducono le porzioni di cibo. Se il gatto è malato, temporaneamente o cronicamente, è opportuno discutere attentamente la sua dieta con il veterinario e, se necessario, consultare un nutrizionista veterinario.

Quante volte al giorno devo dare da mangiare al mio gatto?

Oltre alla quantità di cibo, anche la frequenza dell'alimentazione è molto importante per la salute del gatto. Quante volte devo dare da mangiare a un gatto con diabete o altre malattie? In realtà, tante volte quanto un gatto sano. Cambia solo il tipo di cibo. Questa conoscenza va a vantaggio della loro salute.

Alcuni indicano come modello la dieta ideale dei gatti selvatici. Questi gatti mangiano solo quando cacciano qualcosa e passano molto tempo a farlo. Secondo questo modo di mangiare, il gatto mangia poco ma spesso e gli vengono serviti fino a sei o più piccoli pasti.

Altri ancora sostengono che due pasti più abbondanti al giorno e l'accesso costante a snack e cibo secco siano la soluzione migliore, ma si tratta di un mito e di una cosa sbagliata. Esiste anche una visione simile che presuppone che il gatto abbia accesso costante a tutti i tipi di cibo, senza avere tempo per un pasto più abbondante. In poche parole, il gatto mangia quando ne ha bisogno. Tuttavia, questo non funziona con i gatti sovrappeso e golosi, poiché l'accesso costante al cibo secco può essere troppo allettante per loro: potrebbero non resistere all'impulso di mangiare l'intero contenuto della ciotola in una volta sola.

La questione si complica quando il vostro animale ha esigenze dietetiche particolari. Quante volte al giorno devo dare da mangiare al mio gatto dopo la sterilizzazione? Questi gatti sono spesso inclini ad aumentare di peso e vogliono mangiare di più. È quindi opportuno aumentare il numero di pasti, mantenendo o, se necessario, riducendo la porzione di cibo giornaliera.

Le informazioni sul dosaggio del cibo del gatto sono spesso riportate sulla confezione.

Cattive abitudini alimentari: perché sono pericolose?

Tutti vogliono che il proprio gatto sia il più sano e felice del mondo. Spesso questo desiderio è accompagnato dalla convinzione che un sacco di cibo gustoso sia un indicatore di felicità. Se il gatto impara che gli date da mangiare tra un pasto e l'altro e che condividete con lui il contenuto del piatto, potrebbe rifiutarsi di mangiare il cibo che gli spetta, e da lì la strada è dritta verso il sovrappeso e i problemi di salute.

Ciò che si insegna al gatto all'inizio rimane con lui per molto tempo. Un gatto può imparare a mendicare il vostro cibo perché, dopo tutto, glielo avete dato prima e quindi non capisce perché ora sia diverso.

Sovralimentare il gatto o condividere il cibo umano con il gatto non è indice di amore per l'animale, è pericoloso per la salute del gatto e a lungo andare diventerà molto problematico anche per voi.

Alimentazione corretta del gatto - sintesi

La corretta alimentazione del gatto è uno dei fattori chiave per la sua salute. Un gatto adulto può consumare diversi piccoli pasti al giorno. Quante volte al giorno bisogna dare da mangiare a un gatto piccolo? Il loro stomaco è minuscolo, quindi le porzioni devono essere molto piccole, ma somministrate frequentemente in modo che il gatto mangi a sufficienza e non sviluppi problemi di pancia.

Anche la quantità di cibo influisce sulla salute del gatto. Deve essere adeguata all'età, al livello di attività, al peso e alla salute del gatto.

pixel