Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

POSIZIONE DEL DOLORE NEL GATTO. COME RICONOSCERLA?

2023-12-04
POSIZIONE DEL DOLORE NEL GATTO. COME RICONOSCERLA?

Un umano vi dirà cosa c'è che non va, un cane ve lo mostrerà, ma un gatto? Un gatto nasconderà i suoi problemi di dolore in modo che voi lo scopriate il più tardi possibile. Questo perché anche nei gatti domestici esiste un istinto che non permette loro di mostrare le proprie debolezze. Riconoscere che il gatto soffre e identificare la fonte del dolore può essere una sfida. Vale la pena di sapere a cosa prestare attenzione. Come si presenta la posizione del dolore in un gatto?

Quale può essere la causa del dolore in un gatto?

Il dolore che accompagna un gatto può avere molte cause diverse. Problemi intestinali, cistite, dolore osteoarticolare o dolore post-operatorio sono solo alcuni esempi. Ogni malattia sarà associata a un comportamento leggermente diverso dell'animale. A ciascuna di esse può essere attribuita una serie di sintomi diversi. Nonostante ciò, in molti casi la posizione assunta dall'animale sarà simile. La sofferenza o il disagio in tutti i gatti si esprime in modo simile, indipendentemente dalla causa. L'insieme ci fornisce un quadro abbastanza concreto che dovrebbe guidarci alla fonte del problema.

Come capire quando il gatto soffre?

Altri sintomi

Innanzitutto, i gatti che soffrono evitano per lo più il contatto con l'uomo. Si nascondono in luoghi tranquilli, sono riluttanti a muoversi e sono apatici, come se volessero separarsi dall'ambiente esterno. Inoltre, in molti casi gli animali mangiano meno. Capita anche che si rifiutino del tutto di consumare i pasti.

È importante osservare se il gatto effettua la toelettatura quotidiana. Molto spesso la toelettatura viene trascurata a causa del dolore. Il mantello si presenta quindi a chiazze, sporco, opaco e lunatico. Tuttavia, ci sono casi in cui l'animale si lava regolarmente e lo fa in modo regolare: si potrebbe dire che non c'è alcuna indicazione di dolore. Un problema può essere suggerito dal fatto che un punto del corpo viene trattato in modo eccezionale. L'osservazione di un simile comportamento, o il ritrovamento di peli danneggiati dal leccamento, o addirittura di aree completamente prive di peli, ci dà una chiara indicazione di dove si trovi la fonte del dolore.

Tali situazioni si verificano, tra l'altro, in caso di infiammazione della vescica (in questo caso il leccamento intensivo dell'addome) o di dolore alle articolazioni (il gatto si striglia eccessivamente, ad esempio, nella zona del polso o in un'altra zona dolorosa).

Posizione dolorosa

Oltre ai vari sintomi associati, la posizione dolorosa nel gatto è la più caratteristica. L'animale colpito ha la schiena inarcata, è ingobbito, ha le palpebre leggermente socchiuse e i baffi sensoriali abbassati. A volte muove la coda con impazienza e quando ci avviciniamo o lo tratteniamo, sibila o attacca.

Se viene toccata un'area dolorosa, il gatto può reagire in modo apparentemente inappropriato, tendendo fortemente i muscoli, scappando o attaccando con le zampe o i denti. Spesso i proprietari di gatti molto attivi quotidianamente sono preoccupati dall'apatia e dalla letargia dei loro animali, mentre se si occupano di un gatto calmo e distaccato riferiscono impazienza e diffidenza.

Alcune persone sono in grado di riconoscere i segni di dolore in un gatto anche dall'espressione del muso. Un cambiamento nell'espressione facciale, uno sguardo meno acuto, un minore interesse per i suoni o gli odori dell'ambiente. Tutto questo può essere riconosciuto da chi sta quotidianamente con il proprio animale domestico e può cogliere cambiamenti discreti nel suo aspetto.

Quali malattie contribuiscono alla posizione del dolore?

Si tratta di una varietà di problemi. In molti casi si tratta di problemi scheletrici, ma non solo: anche legati agli organi o alla pelle. In ogni caso, i sintomi che li accompagnano ci guideranno e ci indirizzeranno all'origine della malattia.

Problemi ortopedici

Quando un gatto ha problemi scheletrici o articolari, raramente osserviamo zoppia. A volte l'animale si muove su tre arti, ma più spesso cammina in modo cauto, più lentamente, su zampe più rigide e, soprattutto, evita di saltare.

Nel caso di problemi ortopedici, possiamo anche avere a che fare con un intenso leccamento dell'area interessata. La lingua del gatto, irritando ripetutamente la stessa zona della pelle, diventa la causa della rottura del pelo, dell'assottigliamento del mantello e persino della formazione di lesioni sulla pelle stessa. Ovviamente, più a lungo il gatto si lecca, maggiori saranno le lesioni da affrontare. Purtroppo, a volte basta una notte perché il nostro animale porti la sua pelle a una condizione che richiede un intervento immediato.

Quando il dolore è localizzato alla colonna vertebrale, i gatti assumono una postura ingobbita, si muovono in modo goffo e trascurano la toilette, soprattutto nelle zone più difficili da raggiungere. Anche quando dormono, dispongono il corpo in modo da stare il più possibile comodi, ma spesso si tratta di posizioni innaturali.

Disturbi agli organi

Il dolore viscerale, spesso porta alla tipica posizione di dolore del gatto. Inoltre, in queste situazioni gli animali perdono completamente o parzialmente l'appetito. Possono aggiungersi altri sintomi come vomito o diarrea.

Dolore associato a procedure

Il dolore post-operatorio o post-incidente è un dolore a cui siamo preparati e che ci aspettiamo di provare. Naturalmente deve essere contrastato, ma a volte i farmaci somministrati non sono sufficienti. In questi casi, gli animali possono rifiutarsi completamente di mangiare, bere o cambiare la posizione del corpo. È tipico anche il desiderio di leccare la ferita.

Problemi di pelle

La posizione di dolore del gatto viene adottata anche quando l'animale avverte un disagio a livello cutaneo. Il prurito costante che accompagna varie condizioni dell'apparato boccale può contribuire alla completa cessazione dell'attività e alla diminuzione o alla mancanza di appetito. In questo caso, oltre a cambiamenti nel comportamento del gatto, si osservano varie lesioni sulla pelle. Anche il mantello può essere interessato.

Come procedere quando vediamo che il gatto adotta una posizione di dolore?

Le ragioni per cui i gatti adottano una posizione dolorosa sono molteplici. Per riconoscerli, è necessario osservare attentamente i sintomi che li accompagnano. Questi sono di solito i principali segnali.

Nell'ambulatorio veterinario, un esame clinico di base fornisce le risposte a molte domande. Molto spesso, tuttavia, sono necessarie ulteriori analisi per formulare una diagnosi completa.

Il veterinario esaminerà l'animale e, se necessario, eseguirà ulteriori test. In molti casi, un esame radiografico o ecografico chiarirà ogni dubbio sull'origine del problema. Tuttavia, questa non è sempre la regola. L'esame delle urine, ad esempio, è fondamentale per la diagnosi di cistite. D'altra parte, per identificare un'infezione nella cavità orale, oltre a un esame molto accurato (che, nel caso dei gatti, non è sempre possibile fare a casa), può essere necessaria una citologia o una radiografia dentale.

Come possiamo aiutare un animale malato?

Alcune malattie possono essere curate completamente e questo è sempre il nostro obiettivo. Purtroppo, però, con alcune malattie l'animale rimane a vita. Tuttavia, conoscendo la causa delle cattive condizioni del nostro animale, siamo in grado di agire in modo mirato. In questo modo, possiamo migliorare significativamente il suo comfort o addirittura prolungare i periodi asintomatici della malattia.

Dobbiamo inoltre ricordare che gli antidolorifici utilizzati nell'uomo sono pericolosi per i gatti e non devono essere somministrati.

Posizione del dolore nel gatto - riassunto

I gatti sono riluttanti a mostrarci che qualcosa non va in loro. Spesso chi si prende cura dell'animale nota cambiamenti nel suo comportamento quando il processo patologico è già avanzato. È quindi utile sapere come i gatti manifestano il dolore. Un'attenta osservazione del comportamento dell'animale è una cosa, ma anche regolari esami preventivi sono estremamente importanti.

Un gatto che soffre adotta una posizione caratteristica. Quando lo si nota, non bisogna rimandare la visita all'ambulatorio veterinario. Solo un trattamento mirato può aiutare a liberare l'animale dalla malattia e a ripristinare il benessere.

Fonti:

  • I. Rodan,Come sapere se il paziente felino prova dolore, Veterinary Postgraduate, 2015.
  • S. J. Wooten, Miracolosamente efficace nella gestione del dolore nei gatti - dite addio al gatto epilettico!, Medicina veterinaria dopo il diploma 2017.
pixel