Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

PAPPAGALLI ONDULATI - ADDOMESTICARE PASSO DOPO PASSO

2022-09-06
PAPPAGALLI ONDULATI - ADDOMESTICARE PASSO DOPO PASSO

I colorati e giocosi pappagallini sono una scelta popolare come animali domestici. Domarli è una vera e propria arte. Convincere le creature selvatiche, quali sono i pappagalli, non è un compito facile né rapido. Come sono le parrocchette? Scoprite le informazioni dettagliate sul loro addomesticamento!

Addomesticare un pappagallo ondulato è un processo lungo che implica la costruzione di una fiducia reciproca. Per gli esseri umani questo processo è più facile da realizzare con i gatti o i cani, ad esempio. Gli uccelli sono molto più distanti dall'uomo. Tuttavia, è sempre possibile addomesticare un pappagallo da soli. Basta armarsi di tanta pazienza e imparare qualche trucco.

La scelta del pappagallo influisce sull'addomesticamento?

Molti fattori influenzano l'addomesticamento dei pappagalli. Anche la scelta del pappagallo è importante, anche se in questo caso la specie di pappagallo è piuttosto secondaria. Un'eccezione è rappresentata dallo żako, una specie estremamente difficile da addomesticare. D'altra parte, domare un pappagallo Calopsitta non è diverso dal domare un pappagallo ondulato.

Entrambe le specie sono molto intelligenti e hanno un forte bisogno di socializzazione. Tuttavia, alcuni allevatori ritengono che le ninfe siano più facili da addestrare. Tuttavia, tutto dipende dalle caratteristiche del singolo pappagallo. Come specie, sono intelligenti e socievoli per natura. Tuttavia, ci sono pappagalli che sono timidi e più resistenti all'addomesticamento rispetto agli altri fratelli.

Molto più importante è l'età del pappagallo. Il processo di addomesticamento è meglio iniziare con uccelli molto giovani. Una volta raggiunta la maturità sessuale, il compito sarà già molto difficile, anche se non impossibile.

Anche il modo in cui il pappagallo viene alimentato è molto importante. Si possono trovare sia quelli nutriti a mano sia quelli nutriti dai genitori dei pappagalli. I primi sono talvolta anche più costosi. Questo perché i pappagalli nutriti a mano si abituano alla presenza dell'uomo e delle sue mani fin dai primi giorni di vita. In questo modo il processo di addomesticamento è più semplice, perché non si deve partire da zero.

Pappagalli ondulati: domare richiede tempo

Anche se avete intenzione di acquistare un pappagallo giovane che è stato alimentato a mano, non potete contare sul fatto che l'addomesticamento sia una questione di ore o giorni. Sarà un processo lungo che richiede molta pazienza da parte vostra. Tutti questi fattori positivi in più possono solo accorciare un po' i tempi.

Inoltre, sarà molto più facile addomesticare un singolo pappagallo. Se ne comprate subito una coppia, molto probabilmente non si interesseranno affatto a voi, ma si prenderanno cura di loro stessi. I pappagallini ondulati sono creature da gregge, se fornite loro la compagnia di compagni non vedranno alcun motivo per perseguire i loro bisogni sociali con voi.

È necessario essere preparati a questo per non rimanere delusi. Il vostro pappagallo dalla coda ondulata non è affatto più riluttante o meno intelligente di altri: ha solo bisogno di tempo per orientarsi in un ambiente e in una situazione completamente nuovi. Come si addomesticano i pappagalli ondulati passo dopo passo? Provate voi stessi!

La preparazione della gabbia

La gabbia è molto importante. È in questo luogo che il pappagallo ondulato trascorrerà molto tempo. Soprattutto nelle prime fasi di addomesticamento, quando non la farete ancora uscire, in modo che possa volare liberamente per la stanza. Non riempite la gabbia di giocattoli e altre "distrazioni". Date al vostro pappagallo la pace e la tranquillità di cui ha disperatamente bisogno. È una buona idea somministrare cibo, come il miglio del Senegal, ai pappagalli ondulati sul fondo della gabbia - questo viene spesso fatto dai custodi dei pappagalli. L'uso di mangiatoie può indurre il pappagallo ondulato a non mangiare, perché non saprà che c'è del cibo ad attenderlo: lo cercherà semplicemente sul fondo della gabbia, seguendo le vecchie abitudini.

Primi giorni in una nuova casa

All'inizio, concedete al vostro pappagallo la pace e la tranquillità di cui ha tanto bisogno. Collocate la gabbia in un luogo tranquillo e silenzioso. Non fate rumore, non parlate a voce alta, dite ai membri della famiglia di non indagare o di non turbare ulteriormente la situazione. La cosa migliore è limitare le interazioni al solo cibo. Non riorganizzare la gabbia e non spostarla in un altro luogo.

Alcuni allevatori consigliano addirittura di non pulirlo affatto per la prima settimana. Il pappagallo ondulato deve avere il tempo di abituarsi a condizioni completamente nuove.

Come imparare ad arrampicarsi sul bastone

Prima che il vostro pappagallino ondulato inizi ad arrampicarsi sulle vostre mani, potete insegnargli ad arrampicarsi su un bastone. Non fate nulla con la forza, non costringete il vostro pappagallo a farlo e non stancarlo con continui tentativi. Basta far scorrere il bastone sotto i suoi piedi e aspettare che reagisca. Procedete con cautela e lentamente per non spaventare l'uccello.

Non cambiate nemmeno il bastone, mantenetelo sempre uguale. Il parrocchetto ondulato si abituerà e alla fine sarà felice di usarlo. Questo trucco sarà utile per insegnare al pappagallo ad arrampicarsi già sulle mani. In questa fase, astenetevi comunque dal tendere le mani al vostro pappagallo.

È ora di uscire dalla gabbia

Il pappagallo deve ambientarsi nella gabbia e sentirsi al sicuro. Lo noterete dal cambiamento del suo comportamento. Diventerà più allegra, curiosa e desiderosa di esplorare la gabbia. A questo punto, dovrebbe anche aver recuperato completamente l'appetito e dovrebbe persino iniziare a giocare.

A questo punto è possibile aprire la gabbia. Non preoccupatevi se all'inizio il vostro pappagallo non è affatto interessato a uscire. Non forzare assolutamente e non minacciatela di farla uscire dalla gabbia. È destinato a essere il suo asilo.

Può accadere che il pappagallo ondulato decida di uscire solo dopo qualche giorno di tentativi. Prima di far uscire dalla gabbia il pappagallo , è essenziale creare un ambiente di volo sicuro e confortevole. Chiudete le finestre e le porte, mettete in sicurezza anche tutti i luoghi pericolosi per i pappagalli: lo spazio tra il muro e il termosifone, eventuali spazi vuoti, coprite gli specchi e le finestre, preferibilmente con tende alle finestre.

Se il vostro parrocchetto ondulato è in grado di arrampicarsi su un bastone, potete "guidarlo" nella stanza in questo modo. Posizionate anche le ciotole dell'acqua e del cibo nel punto in cui volete che il vostro pappagallo atterri, ma assicuratevi che siano posizionate abbastanza in alto.

Fate attenzione alle mani!

I pappagalli, per il loro stesso aspetto, incoraggiano ad accarezzarli. Non fatelo subito, anche se l'uccello è stato nutrito dalla vostra mano, si spaventerà. Se prima avete insegnato al parrocchetto a sedersi su un bastone, abituarlo alle vostre mani sarà più facile. Se non l'avete mai fatto prima, fatelo subito.

Una volta che il pappagallo si è seduto sul bastone, incoraggiatelo con dei bocconcini ad avvicinarsi un po' di più. Ogni giorno, ridurre la distanza tra il pappagallo seduto sul bastone e la mano. Rallentate il passo e allontanatevi lentamente se notate i primi segni di nervosismo del vostro pappagallo.

Alla fine arriverete al punto in cui il pappagallo è proprio accanto alla vostra mano. Incoraggiatelo ulteriormente posizionando il bocconcino in modo che debba salire sulla vostra mano per prenderlo. Non abbiate paura e non ritirate bruscamente la mano quando il pappagallo vi becca. È molto probabile che lo faccia, ma non preoccupatevi: essere beccati da un pappagallo ondulato o da una ninfa ondulata non è doloroso.

Il pappagallo tratterà la vostra mano come un altro pungiglione. Se la tirate indietro rapidamente o fate qualsiasi altro movimento improvviso, il pappagallo si spaventerà e penserà che la vostra mano non è un terreno stabile e sicuro per lui, quindi non vorrà sedersi su di essa.

Trascorrere del tempo insieme

Addomesticare un pappagallo ondulato, come una ninfa o qualsiasi altro pappagallo, è un processo a lungo termine. È importante che trascorriate più tempo possibile con il vostro pappagallo. Parlategli con voce gentile, non gridate mai, non mostrate segni di nervosismo e non inviate segnali che il pappagallo potrebbe considerare aggressivi.

Una volta che ha imparato a sedersi sulla vostra mano, potete iniziare ad accarezzarlo lentamente con le dita. Fermatevi quando notate che il pappagallo si sente a disagio. Si abituerà presto e verrà a prenderne altri da sola. Le prime carezze possono essere fatte con una piuma di pappagallo per abituare il pappagallo a queste carezze.

Accarezzare i pappagalli ondulati lentamente e sempre di lato. Se cercate di farlo dall'alto, si spaventerà. Ricordate anche di parlare spesso con il vostro pappagallo. Questi uccelli tollerano molto male la solitudine e contano molto sulla vostra compagnia.

Addomesticare i pappagalli: una breve sintesi

Tra i piccoli pappagalli da riproduzione più popolari ci sono i pappagalli ondulati. Addomesticare questi splendidi animali è un compito difficile che richiede molta pazienza. L'intero processo dura da qualche settimana a qualche mese, a seconda delle predisposizioni naturali dei pappagalli ondulati.

I pappagalli giovani e ondulati e quelli che sono stati precedentemente nutriti a mano da un allevatore sono i più facili da addomesticare, ma questo trucco può avere successo anche con i pappagalli nutriti dai genitori. I pappagallini ondulati sono animali da branco e con un forte bisogno di socializzazione. Se ne acquistate un paio o più di uno in una volta, molto probabilmente vi mostreranno un interesse minimo, perché si concentreranno solo su se stessi. È quindi meglio addomesticare le cocorite ondulate una alla volta.

Siate pazienti, calmi e non mettete fretta al vostro pappagallo, lasciate che conosca voi, gli altri membri della famiglia e l'intero ambiente al ritmo che si imporrà da solo. Ciò contribuirà a creare fiducia.

pixel