Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

OTITE NEL GATTO. CAUSE E TRATTAMENTO

2023-03-25
OTITE NEL GATTO. CAUSE E TRATTAMENTO

Anche se il più delle volte associamo l'infiammazione dell'orecchio ai cani con le orecchie lunghe e pendenti, anche i nostri gatti possono essere colpiti da questa patologia. L'infiammazione dell'orecchio nel gatto è molto meno comune che nel cane, ma non dobbiamo sottovalutare il problema, poiché se non trattata la malattia può portare a gravi conseguenze per la salute. Come viene costruito l'orecchio del gatto? Quali sono le cause più comuni e come si riconosce l'otite nel gatto? Come si cura l'otite? Quando andare dal veterinario? Tutto questo è riportato nel seguente articolo.

Come è costruito l'orecchio nel gatto?

L'orecchio del gatto è diviso in tre parti principali: l'orecchio esterno, l'orecchio medio e l'orecchio interno. Il padiglione auricolare è la parte esterna dell'orecchio. È costituito da cartilagine ricoperta da una pelle abbondantemente vascolarizzata. Il condotto uditivo inizia nella regione cocleare del padiglione auricolare. Inizialmente scorre verso il basso, poi cambia direzione diventando orizzontale. Contiene epidermide, peli e ghiandole che producono cerume.

Alla fine del condotto uditivo esterno si trova il timpano, che costituisce il confine dell'orecchio esterno. La parte ossea dell'orecchio medio è chiamata cavità timpanica. Ha due camere, nei gatti separate da un setto. La parte più grande funge da amplificatore acustico. Nella parte centrale si trovano gli ossicini (malleo, incudine e staffa) responsabili della conduzione diretta del suono dal timpano all'orifizio vestibolare, situato all'ingresso dell'orecchio interno. L'organo vestibolare si trova nell'orecchio interno. La sua funzione è quella di convertire i segnali sonori in impulsi nervosi.

Quali sono le cause dell'otite esterna nei gatti?

L'otite esterna può essere causata da diversi fattori. Possiamo dividerli in fattori primari, predisponenti e di supporto. I fattori primari sono quelli che contribuiscono direttamente all'infiammazione del condotto uditivo: parassiti esterni, corpi estranei, disturbi della cheratinizzazione, malattie autoimmuni, reazioni da contatto con detergenti auricolari e farmaci.

Fattori predisponenti: modificano il microambiente del condotto uditivo esterno, cioè favoriscono la comparsa dell'infiammazione: forma dell'orecchio, tumori dell'orecchio o polipi che chiudono il condotto uditivo, errori nel trattamento e nella medicazione, temperatura e umidità dell'ambiente, stile di vita.

Fattori di supporto: si verificano all'interno del condotto uditivo esterno come risultato dei fattori primari e predisponenti. Esacerbano il processo infiammatorio e impediscono la guarigione: crescita eccessiva della microflora, otite media, cambiamenti progressivi dell'epidermide che riveste il condotto uditivo.

Otite nel gatto - sintomi

I sintomi più comuni sono:

  1. Scuotimento della testa - il gatto, provando fastidio, scuote la testa, talvolta inclinandola verso l'orecchio interessato dall'infiammazione.
  2. Graffio. I gatti, sentendosi a disagio, spesso si grattano le orecchie. Il grattarsi può essere così intenso da portare l'animale all'automutilazione: si verifica un danno all'epidermide, al sangue, cioè una porta d'ingresso ideale per ulteriori microrganismi. Pertanto, il grattamento intenso può portare a infezioni secondarie.
  3. Mal d'orecchio nel gatto. L'infiammazione dell'orecchio è spesso dolorosa: l'orecchio può essere rosso, caldo e molto sensibile al tatto.
  4. Odore sgradevole dall'orecchio. L'infiammazione dell'orecchio nel gatto può avere varie cause. A volte, in caso di infiammazione causata da lieviti o batteri, l'orecchio inizia a emanare un odore sgradevole.
  5. Scarico eccessivo dall'orecchio. L'orecchio di un gatto sano è di colore rosa pallido, può contenere una piccola quantità di cerume, è asciutto, non doloroso quando viene toccato e ha un odore debole (tuttavia, ogni orecchio di gatto ha un odore). Se notiamo uno scarico eccessivo nel nostro gatto, questo può essere il primo segno di un'infiammazione emergente.

 

Se notiamo nel nostro gatto i sintomi qui elencati, è necessario recarsi rapidamente dal veterinario. Se notiamo un corpo estraneo nell'orecchio del nostro gatto, non rimuoviamolo da soli, perché potremmo accidentalmente spingerlo più in profondità e causare problemi ben più gravi. Non rimandiamo la visita di uno specialista, perché un'otite non trattata può portare a dolore e disagio molto gravi per il nostro animale.

Infiammazione dell'orecchio nel gatto: le cause più comuni

Una delle cause più comuni sono i corpi estranei, come i fili d'erba, che sono chiaramente visibili all'esame otoscopico. Un'infestazione da scabbia auricolare è molto caratteristica e si manifesta con un'abbondante secrezione marrone scuro e vari gradi di infiammazione. È particolarmente comune nei gattini piccoli.

Le infezioni batteriche sono un'altra causa: le infezioni da Staphylococcus, Streptococcus e Proteus sono comuni e caratterizzate da uno scarico giallo chiaro. I batteri Pseudomonas sono spesso riscontrati in casi di infiammazione molto dolorosa con lesioni erosive e ulcerative concomitanti e perdite di colore giallo pallido o verde dall'odore sgradevole. Infezioni da lievito - queste infezioni, più comunemente infezioni da Malassezia, sono caratterizzate dalla presenza di uno scarico scuro e ceroso. Nei gatti, l'infezione si presenta come un'infiammazione purulenta cronica del condotto uditivo esterno con una piccola quantità di essudato.

Prima di recarci nell'ambulatorio veterinario, non puliamo l'orecchio del nostro gatto in modo che il veterinario possa prelevare il materiale da esaminare. Il veterinario esaminerà attentamente l'orecchio e il condotto uditivo con un otoscopio, preleverà un tampone (lo scarico può essere utilizzato per distinguere l'infiammazione batterica da quella fungina al microscopio), controllerà la presenza di parassiti o corpi estranei. Pulirà accuratamente le orecchie e sceglierà il trattamento appropriato. A volte l'infiammazione delle orecchie nel gatto è un sintomo di un'altra malattia, come le allergie, nel qual caso è necessario trattare la malattia primaria.

Infezione dell'orecchio nel gatto: quale antibiotico scegliere e come trattare?

Il trattamento dell'orecchio dipende dalla causa, per cui è importante eseguire esami citologici appropriati. Il modo migliore per farlo è prelevare materiale dall'orecchio, posizionarlo su un vetrino, colorarlo adeguatamente e osservare il preparato citologico al microscopio. Se si sospetta la scabbia auricolare, è possibile prelevare il materiale su un vetrino, aggiungere una goccia di paraffina e visualizzare il vetrino al microscopio. Se i parassiti sono presenti, si può notare il loro intenso movimento. Se la causa è la scabbia auricolare, è necessario utilizzare agenti antiparassitari topici. Questi includono preparati somministrati direttamente nell'orecchio e preparati spot-on da versare sul collo.

È importante anche la pulizia quotidiana delle orecchie. Sebbene una singola applicazione di spot-on sia spesso sufficiente, lo scarico scuro può accumularsi nell'orecchio anche per un mese. Questo deve essere rimosso delicatamente. Se la causa è un corpo estraneo, questo deve essere rimosso. Se l'infiammazione dell'orecchio del gatto è causata dalla candida, è opportuno applicare per via topica preparati contenenti acido acetico o acido borico. Questi ingredienti creano condizioni sfavorevoli alla candida. In questo caso, non è necessario utilizzare antibiotici topici.

Se l'otite è causata da batteri, è necessario utilizzare antibiotici topici. A volte l'otite può essere mista, causata da batteri e lieviti, nel qual caso è necessario utilizzare preparati antimicotici e antibatterici. A volte, in caso di otite molto dolorosa, si possono usare analgesici e antinfiammatori generali.

Come misura preventiva per l'otite del gatto, saranno sufficienti i rimedi casalinghi: soprattutto, prendiamoci cura dell'igiene del nostro animale. Ricordiamoci anche di tagliare gli artigli del gatto, soprattutto nelle zampe posteriori. I gatti che si grattano da soli possono provocare autolesionismo e peggiorare l'infiammazione con la comparsa di infezioni batteriche secondarie.

Quali possono essere le conseguenze di un'otite non trattata nei gatti?

Le lesioni croniche possono portare a un'infiammazione profonda e, di conseguenza, al restringimento permanente del lume del condotto uditivo e al peggioramento del problema. Quando viene diagnosticata un'infezione all'orecchio del gatto, è essenziale trovare la causa principale, trattarla in modo appropriato e gestirla per ridurre le recidive. Nei casi avanzati, l'otite esterna non trattata può causare l'otite media nel gatto.

Per questo motivo è importante tenere sotto controllo l'animale e, in caso di sospetto di otite, è indispensabile una visita dal veterinario. Se la casa è adatta a noi, è probabile che lo sia anche per il nostro cane.

pixel