Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

MALATTIE INFIAMMATORIE INTESTINALI NEL CANE - SINTOMI, TRATTAMENTO E PROGNOSI

2022-08-17
MALATTIE INFIAMMATORIE INTESTINALI NEL CANE - SINTOMI, TRATTAMENTO E PROGNOSI

La malattia infiammatoria intestinale è una condizione abbastanza comune che si verifica sia nei cani che nei gatti. Se il vostro cane soffre di diarrea cronica, dolori addominali, flatulenza frequente, gas o perdita di peso nonostante un appetito normale, visitate il veterinario. Tra l'altro, questi sintomi possono indicare un'infiammazione intestinale nel cane.

Malattia infiammatoria intestinale nel cane: di cosa si tratta?

L'enterite può essere causata da diversi fattori. Possono essere infezioni virali (parvovirus, coronavirus, cimurro), infezioni batteriche (Campylobacter, Clostridium, Salmonellae), infezioni fungine, infezioni parassitarie (presenza di vermi tondi, tenie, lamblia, coccidi).

I sintomi sono molto simili tra loro e si manifestano principalmente sotto forma di diarrea ricorrente. Se notate diarrea ricorrente nel vostro cane, è consigliabile una visita dal veterinario, che determinerà la causa della malattia e regolerà la terapia appropriata.

Quali sono le malattie intestinali croniche più comuni nei cani?

Sindrome dell'intestino irritabile

È stato riscontrato che il 10-15% dei cani con diarrea colonica cronica soffre di sindrome dell'intestino irritabile. I cani malati presentano diarrea ricorrente, muco nelle feci e possono avere un bisogno più frequente di movimenti intestinali. Altri sintomi sono il vomito o il dolore addominale. I cani predisposti sono una volta cani di piccola taglia molto attaccati a un proprietario (i sintomi sono esacerbati durante la separazione), cani nervosi, cani alimentati con cibi poveri di fibre alimentari, cani con ipersensibilità alimentare.

Intestino sensibile alla dieta

Si verifica più comunemente nei cani giovani. I sintomi sono: defecazione più frequente, sforzi per espellere le feci, muco, sangue nelle feci, grandi quantità di cibo non digerito nelle feci. Per le enteriti sensibili alla dieta, introdurre alimenti con una maggiore biodisponibilità degli ingredienti per ridurre i detriti non digeriti, introdurre una flora intestinale adeguata, prebiotici e un rapporto più elevato di acidi grassi omega3: omega6.

Diarrea sensibile agli antibiotici

La diarrea sensibile agli antibiotici è una sindrome che si manifesta nei giovani cani di razza grande con diarrea cronica o ricorrente proveniente dall'intestino tenue o con segni simili alla colite. Il decorso della malattia può includere voracità e mangiare le proprie feci, anche se alcuni cani possono perdere l'appetito.

Malattia infiammatoria intestinale (IBD)

L'IBD è una condizione infiammatoria idiopatica del tratto gastrointestinale, che causa segni clinici aspecifici insieme a infiltrazione infiammatoria e cambiamenti morfologici nella parete intestinale. L'innesco della cascata di reazioni che porta all'infiammazione della mucosa è probabilmente rappresentato da interazioni anomale tra il sistema immunitario innato dell'ospite e la microflora intestinale. Le manifestazioni cliniche che accompagnano le IBD sono aspecifiche. I più comuni sono diarrea cronica o ricorrente, vomito, perdita di peso e anoressia.

Malattia infiammatoria intestinale nel cane: come trattarla? Primo soccorso dalla cassetta di pronto soccorso domestica

Consiglio sempre farmaci veterinari, registrati e specifici per gli animali domestici. È una buona idea avere a casa un kit di pronto soccorso per cani, in modo che, se dovesse succedere qualcosa, possiate reagire rapidamente e dare già qualcosa al vostro cane, prima di andare in ambulatorio. Potete chiedere al veterinario di preparare alcune dosi di farmaci antidiarroici, sotto forma di pasta speciale, polvere o compresse. Tuttavia, se il cane ha la diarrea e non avete nulla di canino a portata di mano, potete dargli qualche farmaco dal vostro armadietto dei medicinali.

a) smecta - che è un farmaco antidiarroico sicuro spesso usato nei bambini. Possiamo mescolare una bustina con acqua e somministrarla al cane con un cucchiaio in bocca. Diamo 1 bustina per circa 15 kg. Se il cane pesa circa 30 chili, si possono somministrare due bustine.

b) carbone medicinale - possiamo usare il carbone, ma le dosi risultano molto elevate. È necessario somministrare 1 g, o 1000 mg, per ogni chilogrammo di peso corporeo. Un cane di circa 10 chili dovrebbe assumere circa 30 compresse (300 mg ciascuna) per avere effetto. Il carbone medicinale è consigliato per i cani con sospetto avvelenamento o infezioni batteriche, poiché lega fortemente le tossine.

c) Stoperan - il principio attivo del farmaco è la loperamide. Viene somministrato alla dose di 0,04-0,08 mg/kg, una volta. Tuttavia, è controindicato nei cuccioli, nell'ostruzione intestinale e nell'enterite batterica acuta. In alcune razze di cani è stata riscontrata da tempo una maggiore sensibilità a determinati farmaci veterinari. Ciò è dovuto a mutazioni nel gene MDR1, responsabile del corretto assorbimento dei farmaci. L'MDR1 è una proteina di trasporto che si trova nelle cellule che rivestono le pareti dei vasi sanguigni. Il suo ruolo è quello di trattenere i farmaci e i composti tossici nei vasi sanguigni del cervello.

Quando questa proteina è mutata (danneggiata) perde la sua funzione e non agisce più come barriera emato-encefalica. Tutte le sostanze inappropriate entrano nel tessuto cerebrale senza ostacoli e questo può portare a gravi sintomi neurotossici. Le razze sensibili comprendono principalmente il Pastore Australiano, il Border Collie, lo Scottish Longhair, il Pastore Inglese, il Pastore Tedesco, altri cani da pastore, il Whippet a pelo lungo, l'Old English Sheepdog, lo Shetland Sheepdog, il Silken Windhound e tutti i loro mix. La loperamide rientra nell'elenco dei farmaci che possono provocare tali sintomi, pertanto non deve essere utilizzata nelle razze di cui sopra.

d) nifuroxazide - questo farmaco non viene assorbito dal tratto gastrointestinale, quindi agisce nella zona strettamente infetta dell'intestino. Non influisce negativamente sulla flora batterica specifica. La nifuroxazide di solito ha effetto solo dopo alcuni giorni; tuttavia, se la diarrea passa rapidamente, il farmaco non deve essere interrotto e deve continuare a essere somministrato per circa 5-7 giorni. La dose per un cane è di circa 100-250 mg per cane di 15 kg. È preferibile suddividere questa dose in due somministrazioni.

e) no-spa - ha un effetto rilassante sulla muscolatura liscia, quindi oltre ad alleviare la sensazione di tensione nella cavità addominale, "calma" un po' l'intestino sovraccarico di lavoro. Nospa può essere somministrato 2-3 volte al giorno a una dose di circa 2-4 mg/kg. Ricordate, però, che queste compresse sono molto amare, quindi vale la pena di avvolgerle in qualcosa di gustoso in modo che il cane non percepisca questo sapore sgradevole. In questo caso non è consigliabile schiacciare le compresse, diluirle con acqua e somministrarle per via orale. La maggior parte dei cani, percependo il sapore amaro del medicinale, inizierà a salivare e la maggior parte del medicinale sfuggirà.

f) Probiotico - Una diarrea intensa porta molto rapidamente a un'alterazione del tratto digestivo, eliminando i batteri buoni da esso, quindi è molto importante implementare la flora corretta. Possiamo usare un probiotico umano, ma ora sul mercato ci sono probiotici veterinari molto migliori, in cui la flora batterica è isolata dal tratto digestivo del cane, quindi sicuramente più adatti a loro. Se la diarrea non cessa dopo un giorno o se si aggiungono altri sintomi, vale la pena di andare dal veterinario con il cane.

In che altro modo posso aiutare il mio cane?

Se notate una diarrea nel vostro cane, e non è un cucciolo, potete fare uno sciopero della fame di 24 ore. Stimolato dalla diarrea, l'intestino lavora comunque in modo eccessivo, quindi non vale la pena di aggiungergli un ulteriore compito di digestione e assorbimento. Inoltre, la fame aiuterà i villi intestinali irritati a rigenerarsi. Tuttavia, ricordate di fornire sempre acqua fresca da bere.

Infiammazione intestinale nel cane - prognosi

La scelta del trattamento appropriato dipende dal tipo di malattia. Anche la prognosi può variare notevolmente. Se la causa dell'infiammazione intestinale sono i parassiti - la prognosi è generalmente buona, è solo necessario sverminare accuratamente il nostro animale. Lo stesso vale per le malattie infiammatorie intestinali causate da una dieta inadeguata. Una volta scelto il giusto cibo per cani, tutto dovrebbe tornare alla normalità.

In caso di diarrea antibiotico-responsiva, la prognosi è generalmente buona, anche se possono verificarsi recidive dopo la sospensione dei farmaci antibatterici o può essere necessario un trattamento a lungo termine o ripetuto. Altre malattie intestinali hanno una prognosi più sfavorevole e il trattamento può richiedere fino alla fine della vita.

pixel