Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE NEL GATTO - SINTOMI E TRATTAMENTO DELL'IBD NEL GATTO

2023-06-17
MALATTIA INFIAMMATORIA INTESTINALE NEL GATTO - SINTOMI E TRATTAMENTO DELL'IBD NEL GATTO

Le malattie infiammatorie intestinali (IBD) sono un gruppo di malattie infiammatorie croniche del tratto gastrointestinale, principalmente dell'intestino crasso o tenue. Le IBD sono caratterizzate da disturbi ricorrenti e cronici del tratto gastrointestinale, come malassorbimento intestinale o anomalie della motilità intestinale. Questa condizione può verificarsi sia nei cani che nei gatti. Purtroppo, le IBD sono un problema di salute sempre più comune. Come possiamo dividere la malattia infiammatoria intestinale? Come possiamo diagnosticarla e trattarla correttamente? Nel seguente articolo cercherò di rispondere a tutte queste domande.

Qual è la causa delle IBD?

Ad oggi, l'eziologia delle malattie infiammatorie intestinali non è ben compresa. Si ritiene che lo sviluppo di una malattia infiammatoria intestinale nei gatti, come negli esseri umani e nei cani, sia il risultato di un'interazione tra fattori ambientali e il sistema immunitario associato alla mucosa del tratto gastrointestinale in individui suscettibili. È molto probabile che anche i fattori genetici giochino un ruolo. Nei gatti affetti sono stati descritti vari tipi di anomalie nella composizione e nel numero della microflora intestinale.

Divisione delle IBD

La divisione della malattia infiammatoria intestinale (IBD) dipende dal tipo di cellule infiammatorie che predominano nella lamina propria della mucosa intestinale. In questo caso possiamo distinguere tra enterite linfocitica (LPE), enterite e colite linfocitica, colite linfocitica plasmocitica (LPC) e gastrite eosinofila, intestino tenue e colite (EGE).

Quali sono i sintomi delle IBD?

Infiammazione eosinofila

I sintomi dell'enterite eosinofila nel gatto possono includere vomito intermittente, diarrea, inappetenza e perdita di peso. Circa il 50% dei gatti con gastroenterite eosinofila sviluppa feci sanguinolente o catramose. All'esame clinico si possono percepire anse intestinali ispessite. La causa di questo tipo di infiammazione può essere rappresentata da parassiti, da un background immunologico - allergia alimentare, reazioni anomale ai farmaci.

Infiammazione linfocitico-plasmocitaria

Una risposta immunitaria a stimoli ambientali è il fattore che più probabilmente dà inizio all'infiammazione gastrointestinale. L'elemento iniziatore può essere costituito dai batteri intestinali. I sintomi della gastroenterite linfocitica-plasmocitaria possono includere vomito cronico intermittente, il secondo sintomo più comune è la diarrea cronica del piccolo intestino, seguita da anoressia (talvolta alternata a sintomi di aumento dell'appetito), perdita di peso, vomito sanguinolento occasionale, feci sanguinolente e catramose.

Le cause di questo tipo di infiammazione possono essere agenti infettivi come Giardia, Salmonella, Campylobacter e microrganismi che compongono la normale flora batterica; fattori alimentari (proteine della carne, additivi alimentari, coloranti artificiali, conservanti, proteine del latte e glutine).

Come viene diagnosticata la malattia infiammatoria intestinale?

La diagnosi di IBD non è purtroppo molto semplice. Nell'anamnesi si può apprendere dall'accompagnatore che l'animale soffre da tempo di diarrea e vomito. Caratteristica della malattia infiammatoria intestinale è la comparsa periodica dei sintomi, seguita da una loro attenuazione. La malattia compare di solito nei gatti di età superiore ai 7 anni, ma ciò non significa che non possa comparire anche nei gatti più giovani.

Poiché i sintomi, come vomito e diarrea, non sono molto specifici, sarebbe consigliabile effettuare esami del sangue di base, verificare la presenza di pancreatite, controllare i livelli di ormoni tiroidei, vitamina B12 e acido folico. Anche un esame delle feci per la ricerca di parassiti è una buona idea. Se si vuole escludere la presenza di un corpo estraneo nello stomaco o nell'intestino (in caso di corpo estraneo i sintomi sono molto simili), è necessario eseguire radiografie con contrasto. È utile anche un'ecografia approfondita della cavità addominale. Una dieta di eliminazione aiuta a escludere un'allergia alimentare o una reazione anomala agli alimenti.

Nella diagnosi viene utilizzato anche un esame endoscopico, che permette di confermare o escludere la presenza di un'enteropatia, determinando la presenza o l'assenza di alterazioni macroscopiche come congestione, tenerezza, presenza di erosioni, corrugamento significativo della superficie della mucosa gastrointestinale.

Tutte queste indagini possono solo suggerire che si tratta di IBD. L'unico modo sicuro per confermare la diagnosi è la biopsia intestinale e l'esame istopatologico.

Infiammazione intestinale nel gatto - trattamento

Se il gatto è disidratato e non può assumere nulla per via orale a causa del vomito, si somministra qualsiasi tipo di liquido multi-elettrolitico bilanciato; negli altri casi, il liquido viene scelto in base alle co-morbilità. I cambiamenti nella dieta sono una parte fondamentale del trattamento. I pazienti con lesioni intestinali estese possono dover essere sottoposti a nutrizione parenterale totale fino al raggiungimento della remissione.

Le diete monoingrediente - contenenti un ingrediente non allergenico - possono essere utilizzate nei pazienti che non vomitano ma hanno una gastroenterite da moderata a grave. È utile quando si sospetta un'allergia alimentare. Le diete facilmente digeribili con un numero ridotto di fonti di nutrienti sono estremamente importanti per ottenere la remissione. Possono poi essere utilizzate come diete di mantenimento una volta che il paziente si è stabilizzato.

Se il vostro animale domestico soffre di una malattia infiammatoria intestinale, in un gatto, il trattamento può comportare l'assunzione di antibiotici e farmaci che inibiscono l'infiammazione intestinale, appartenenti al gruppo degli steroidi. Una volta stabilizzato il paziente, la dose viene ridotta alla dose minima efficace.

Come aiutare il gatto a casa?

Controllo del peso

Dobbiamo pesare regolarmente il nostro gatto e controllare che non abbia perso peso. Questo è importante anche per scegliere la giusta dose di farmaco. Osservate se ha appetito, se vomita, se ha la diarrea. Purtroppo, anche gli animali stabilizzati possono avere alti e bassi e questo non dipende da un trattamento inadeguato o dall'incompetenza del medico.

Somministrazione di farmaci

Dobbiamo ricordarci di somministrare regolarmente i farmaci e di seguire le istruzioni del veterinario. Spesso, in caso di malattia infiammatoria intestinale, il gatto deve essere sempre sottoposto a una terapia farmacologica che lo renda più tranquillo. Non modificate mai di vostra iniziativa il dosaggio dei farmaci o interrompeteli bruscamente senza consultare il veterinario. Soprattutto quando si tratta di farmaci steroidei, non bisogna mai sospenderli improvvisamente, ma all'inizio bisogna sempre ridurre la dose lentamente.

Dieta adeguata

Una dieta adeguata nelle malattie infiammatorie intestinali è fondamentale. A volte è necessario armeggiare molto per trovare il cibo giusto. Tuttavia, è molto importante perché i gatti con IBD hanno problemi di assorbimento dei nutrienti molto più gravi rispetto agli animali sani.

Malattie infiammatorie intestinali nel gatto: ecco cosa c'è da sapere

È importante ricordare che le malattie infiammatorie intestinali nel gatto sono un gruppo di malattie con un'eziopatogenesi poco conosciuta. Per formulare una diagnosi corretta, è necessario escludere altre malattie con sintomi simili, il che richiede esami del sangue e delle feci e diagnostica per immagini. Una diagnosi definitiva può essere fatta solo sulla base dell'esame istopatologico.

Sebbene le conoscenze sulle IBD nei gatti siano ancora molto limitate, sono stati sviluppati protocolli terapeutici per controllare con successo la malattia nella grande maggioranza dei gatti affetti. Poiché la terapia della malattia richiede la somministrazione regolare di farmaci a lungo termine, e in molti casi anche per tutta la vita, e la stretta osservanza delle raccomandazioni dietetiche, una buona collaborazione con il veterinario è un elemento chiave per ottenere risultati terapeutici soddisfacenti.

Anche se la terapia di solito non porta a una guarigione completa, la prognosi per la capacità di fornire al gatto affetto una buona qualità di vita è di solito positiva.

pixel