Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

LE MALATTIE PIÙ GRAVI DEI GUPPY: COME DIFENDERSI?

2022-09-14
LE MALATTIE PIÙ GRAVI DEI GUPPY: COME DIFENDERSI?

I guppy sono molto popolari tra gli acquariofili di tutto il mondo. Sono pesci piccoli e disponibili in molte varietà diverse, il che li rende molto colorati. Colorati e poco esigenti, sono molto apprezzati anche dagli acquariofili principianti. Ciò è tanto più vero in quanto sono abbastanza semplici da mantenere e resistenti agli errori dei dilettanti. Tuttavia, le malattie dei guppy sono un argomento che vale la pena approfondire: una malattia può verificarsi in qualsiasi acquario. Da cosa si ammalano i guppy e come ci si comporta?

I guppy: per conoscerli meglio

I guppy, noti anche come pesci dall'occhio di pavone, sono pesci di piccole dimensioni: i maschi raggiungono una lunghezza di 3-5 centimetri, mentre le femmine sono leggermente più rotonde e più grandi. I maschi sono più colorati e hanno pinne caudali allungate che li rendono molto appariscenti. Le femmine sono più poco appariscenti. In un ambiente domestico i guppy possono vivere fino a cinque anni, in natura ne vivono circa due.

In natura, vive nell'Africa nord-orientale, nell'Amazzonia settentrionale e in alcune zone del Sud America. Si riproducono rapidamente e non sono quindi una specie in via di estinzione. Sono molto resistenti e possono adattarsi rapidamente a condizioni ambientali mutevoli.

Malattie dei guppy: cosa si può incontrare?

Le malattie dei guppy possono verificarsi in qualsiasi acquario: a volte sono causate da condizioni dell'acqua non idonee, ma possono anche essere di origine fungina, batterica, virale o parassitaria.

I guppy sono soggetti a molte malattie che colpiscono i pesci d'acquario. Gli acquariofili concordano tuttavia sul fatto che è possibile identificare alcuni disturbi a cui i guppy sono particolarmente suscettibili.

Saprolegnia

Si può verificare in ogni pesce, ma i guppy ne sono più inclini, in quanto colpiscono più spesso i pesci con le pinne lunghe.

Una malattia causata da funghi piuttosto comuni nei corpi idrici. In circostanze normali, sono completamente innocui per i pesci. Diventa un problema quando le condizioni dell'acqua si deteriorano, ad esempio quando l'acqua è troppo fredda. La presenza è anche influenzata dalla riduzione delle difese immunitarie del pesce o dalle ferite subite.

Si manifesta con un'escrescenza bianca o bianco-brunastra molto caratteristica, più scura alle estremità e simile a un feltro, sotto la quale è possibile vedere la pelle danneggiata.

Se si nota lo sviluppo , è meglio spostarli immediatamente in un'altra vasca. Il trattamento prevede l'espulsione delle lesioni con un disinfettante adatto, compito che è meglio affidare a un veterinario esperto. È bene aggiungere all'acquario del verde malachite e aumentare la temperatura dell'acqua, se questa è troppo bassa. Il veterinario vi darà delle raccomandazioni per creare una soluzione. A volte è necessario ripetere l'intera procedura.

È inoltre necessario rintracciare ed eliminare la causa della malattia nell'acquario: assicurarsi che la temperatura dell'acqua sia corretta, ripulire il fondo della vasca da eventuali residui di cibo, migliorare l'ossigenazione dell'acqua e introdurre una dieta equilibrata per i pesci.

Malattia del cotone nei guppy

La malattia del cotone, nota anche come plessibatteriosi, è una malattia batterica che può colpire i guppy. È abbastanza facile confonderlo con il mughetto, almeno visivamente. Nelle fasi iniziali, tuttavia, si sviluppa internamente, anche se i cambiamenti possono già iniziare a comparire sulla pelle - un ingrigimento o una lenta perdita di colore. Il segno più comune che un pesce si sta ammalando è un cambiamento nel suo comportamento.

I guppy colpiti dalla malattia del cottonmouth cambiano gradualmente il loro comportamento. Diventano più apatici, scappano, si nascondono dagli altri pesci e molto spesso si strofinano contro gli oggetti, con i quali compiono un atto di automutilazione.

La pelle appare sfrangiata, poiché si verifica la necrosi di parti dell'epidermide. Con l'automutilazione, il guppy perde le squame, consentendo ai batteri di essere più attivi. Compaiono anche dei grappoli caratteristici, che rendono la malattia facilmente confondibile con il mughetto. Si manifestano dapprima in prossimità della bocca e iniziano a coprire sempre più la superficie corporea del pesce.

Il trattamento consiste nel separare i pesci malati da quelli sani e nel bagnarli a lungo con soluzioni appositamente preparate - il veterinario vi darà le raccomandazioni più precise. I bagni devono durare almeno una settimana, a volte di più, altrimenti è possibile una ricaduta. Somministrare cibo ricco di vitamine farà bene ai pesci malati. La cosa più importante, tuttavia, è pulire l'acquario dai detriti organici e cambiare lentamente l'acqua con acqua pulita. Prima circa il 40%, poi di più.

L'intero acquario deve essere accuratamente disinfettato per evitare che la malattia si ripresenti in una fase successiva.

Ichtioftiriosi

L'ictioftiriasi è nota anche come vaiolo dei pesci. Il cestode Ichthyophthirius multifiliis è responsabile di questa malattia. È anche abbastanza comune e si trova in ogni acquario. I pesci non si ammalano a meno che le loro condizioni di vita non si deteriorano e la loro immunità diminuisca.

Purtroppo la malattia è molto contagiosa, quindi è molto importante agire il più rapidamente possibile e separare gli individui malati da quelli sani. Fortunatamente, però, è molto facile da individuare e si può contrastare rapidamente.

La malattia si manifesta con piccole macchie bianche che ricordano un po' la polenta, che compaiono inizialmente sulle pinne e iniziano a ricoprire l'intero corpo del pesce. Durante la malattia, anche prima della comparsa delle macchie, i pesci sono letargici, indeboliti e possono anche arricciare le pinne e sfregare contro gli oggetti nell'acquario.

La malattia si cura facendo bagni prolungati con rimedi speciali, che è meglio decidere con il veterinario, e aumentando la temperatura dell'acquario. È meglio aumentarla il più possibile: in pratica, ciò significa una temperatura al limite superiore di quella che i guppy possono tollerare. L'operazione deve essere eseguita gradualmente, in modo che i pesci abbiano il tempo di adattarsi alle nuove condizioni.

L'intero processo può durare fino a diverse settimane. Molto dipende anche dalla gravità della malattia. La profilassi consiste principalmente nel garantire che i parametri dell'acqua siano corretti, in modo che i guppy abbiano le migliori opportunità di crescita.

Anche un'alimentazione corretta è molto importante: una dieta ben bilanciata e ricca di vitamine fornirà al pesce un alto livello di resistenza. Inoltre, non introdurre mai nell'acquario guppy che non siano stati messi in quarantena. I nuovi pesci introdotti senza quarantena possono soffrire di malattie che abbassano la resistenza dell'intero acquario.

Necrosi delle pinne

La necrosi delle pinne è un altro disturbo che colpisce in particolare i guppy: la malattia delle pinne è molto comune nei pesci con pinne lunghe e sviluppate. Si tratta di una malattia batterica.

La necrosi dei pesci viene spesso contratta da pesci provenienti da acquari trascurati, sporchi e puliti troppo di rado. L'eccessiva crescita dei batteri responsabili della malattia può essere causata anche da una temperatura troppo bassa o da un pH dell'acqua non corretto, oltre che da un'alimentazione scorretta - soprattutto troppo cibo, che si decompone e contamina ulteriormente l'acquario. Anche i pesci stressati e che vivono in un acquario troppo fertilizzato possono soffrire di necrosi delle pinne.

La malattia non è contagiosa e colpisce gli esemplari più deboli. È caratterizzata da pinne sfrangiate, che possono perdere la loro colorazione. Con il tempo compaiono anche ferite e iniziano i processi di marcescenza. Il pesce colpito può perdere completamente l'appetito.

Il trattamento si basa principalmente sul miglioramento delle condizioni ambientali, bagnando i pesci con varie soluzioni non antibiotiche. Se non funziona, si introducono gli antibiotici. I pesci malati devono essere isolati da quelli sani. Non perché i sani non si infettino - la malattia non è contagiosa - ma perché i malati possano guarire serenamente nelle migliori condizioni.

Nella prevenzione, è molto importante mantenere una pulizia assoluta dell'acquario e una dieta adeguata per rafforzare il sistema immunitario dei guppy.

Le malattie dei guppy: una sintesi

Ogni acquariofilo dovrebbe conoscere le malattie più comuni dei pesci d'acquario. I guppy sono suscettibili alla maggior parte di quelle più comuni: nonostante la loro immunità piuttosto elevata, possono ammalarsi quando sono indeboliti, tenuti in cattive condizioni, alimentati in modo improprio, compresa la sovralimentazione.

Gli agenti patogeni possono essere batteri, funghi, parassiti o virus. I guppy possono ammalarsi a causa delle cattive condizioni dell'acquario e della riduzione delle difese immunitarie. Le malattie dei guppy femmina non differiscono da quelle dei maschi - solo i maschi, in quanto dotati di una pinna più sviluppata, possono essere leggermente più a rischio di mughetto e necrosi delle pinne, che colpiscono molto spesso i pesci con pinne lunghe.

Se si notano segni di malattia, è importante separare i pesci malati da quelli sani per limitare la diffusione della malattia. L'ulteriore gestione dipende in larga misura dalla malattia individuata e dai consigli del veterinario. È consigliabile consultare, non solo se si è un acquariofilo inesperto.

"Le malattie dei pesci d'acquario sono pericolose e il loro trattamento è piuttosto problematico. Per questo motivo, la prevenzione svolge un ruolo molto importante in acquariofilia. È consigliabile mantenere l'acqua pulita e controllare i parametri dell'acqua come la temperatura, l'ossigenazione o il pH. È inoltre necessario prendersi cura del benessere dei pesci, tra l'altro adattando il numero di pesci alle dimensioni dell'acquario, fornendo loro nascondigli e un substrato adatto. Le giuste condizioni di manutenzione contribuiranno al successo della riproduzione". - veterinario. Hanna Pietruszka

pixel