Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

LE MALATTIE DEI PICCIONI A CUI PRESTARE ATTENZIONE

2023-01-03
LE MALATTIE DEI PICCIONI A CUI PRESTARE ATTENZIONE

L'allevamento dei piccioni è una passione che per molti è diventata uno stile di vita. I piccioni vengono solitamente allevati per sport, per scopi ornamentali o per la carne. Indipendentemente dall'obiettivo dell'allevamento, la salute dei volatili è di grande importanza per l'intera operazione di allevamento. Quali malattie dei piccioni si possono incontrare nel vostro allevamento e cosa potete fare per evitarle? Scopritelo!

Malattie dei piccioni: di cosa possono ammalarsi gli uccelli?

Contrariamente all'opinione comune, i piccioni da riproduzione sono uccelli molto delicati, quindi la loro cura deve includere un'attenzione particolare alla loro salute. Le malattie dei piccioni possono avere diverse cause: batteriche, virali, parassitarie o fungine. Prevenzione e, se si manifestano i primi sintomi, una risposta rapida per evitare che le malattie infettive si diffondano a tutto il gregge.

Imparate a conoscere le malattie dei piccioni e il loro trattamento, in modo da sapere come reagire in situazioni specifiche.

Ornitosi

L'ornitosi è una malattia molto pericolosa che si diffonde molto rapidamente. Un tempo incurabile, le moderne possibilità della medicina veterinaria consentono di curare completamente gli uccelli infetti. I sintomi dell'ornitosi comprendono congiuntivite, fotofobia, secrezione dai sacchi congiuntivali, narici appiccicose, naso che cola e diarrea. I piccioni hanno palpebre appiccicose, che si grattano continuamente per il prurito.

Così facendo, possono ferirsi e la pelle intorno agli occhi può subire lesioni. Il catarro rende molto più difficile la respirazione e talvolta la malattia può diffondersi ulteriormente e attaccare i sacchi aerei. L'organismo di un piccione affetto da ornitosi si indebolisce ed è più suscettibile ad altre malattie. Se non trattata, la malattia può portare a problemi cardiaci e al fegato grasso. Gli uccelli malati non vogliono volare e sono letargici.

Le malattie infettive nei piccioni sono molto problematiche perché si diffondono molto rapidamente nella piccionaia. I piccioni si infettano con l'ornitosi con particolare facilità: da un altro individuo infetto, attraverso l'acqua o il mangime contaminati e inalando la polvere in una piccionaia con individui malati. Possono essere infettati anche attraverso il contatto con le feci di un uccello malato.

Salmonellosi

La salmonellosi può manifestarsi nei piccioni in quattro modi diversi: intestinale, d'organo, nervosa e articolare. Nella varietà intestinale, i batteri causano danni alla mucosa intestinale, per cui le sostanze nutritive non possono essere assorbite bene come negli individui sani. Il sintomo più comune e caratteristico è la diarrea. Il colore può variare, il che può anche suggerire l'eziologia. La variante organo della salmonellosi si verifica quando i batteri penetrano, ad esempio, nei reni, nel fegato, nel pancreas e in altri organi interni.

Il piccione colpito diventa rapidamente debole e letargico. Possono manifestarsi anche sintomi a carico degli organi interni. La salmonellosi nervosa è una condizione in cui i batteri colpiscono il sistema nervoso. L'infiammazione è il risultato dell'attacco batterico. La pressione progressiva sulle cellule nervose può portare a problemi di equilibrio, torsione del collo e paralisi. La salmonellosi articolare si verifica quando i batteri penetrano nel sangue e con esso nelle articolazioni. In questi casi può verificarsi un gonfiore delle articolazioni, sintomo di artrite.

Le malattie dei piccioni non hanno lo stesso decorso nei piccioni giovani e adulti. La salmonellosi è molto più pericolosa per i piccioni giovani e si sviluppa molto più rapidamente in loro, quindi può decimare rapidamente l'intera popolazione di piccioni giovani. Negli adulti, la malattia ha un decorso più lento e cronico.

Gli uccelli che hanno contratto la salmonellosi possono diventare portatori della malattia. L'infezione da diverse specie di Salmonella tra i piccioni può avvenire attraverso il contatto con un individuo infetto, attraverso l'acqua e il mangime contaminati o attraverso l'inalazione della polvere di una piccionaia infetta. I batteri possono anche penetrare nell'uovo attraverso il guscio quando è ancora nell'ovidotto.

Coccidiosi

La coccidiosi è una delle malattie parassitarie più comuni nei piccioni. È causata da protozoi del gruppo Eimeria. La maggior parte dei piccioni è portatrice di coccidi, ma questo non è sinonimo di contrarre la malattia. I piccioni possono contrarre la coccidiosi attraverso il contatto con altri individui infetti o soggiornando in un'area con escrementi di uccelli infetti. I parassiti si annidano nell'intestino e danneggiano la mucosa intestinale. Il risultato è una diarrea acuta, spesso sanguinolenta, da cui l'altro nome della coccidiosi: diarrea sanguinolenta.

L'uccello malato è anche letargico e non ha appetito. Anche l'immunità degli uccelli infetti diminuisce, rendendoli più suscettibili ad altre malattie. Per evitare un'epidemia di coccidiosi in piccionaia, è necessario mantenere l'igiene e la pulizia generale del locale. Nel caso in cui vengano rilevate uova di coccidi nelle feci, è necessario iniziare immediatamente il trattamento con una profilassi regolare, che comprende l'esame delle feci e la pulizia della piccionaia.

Il trattamento richiede la somministrazione di antibiotici o coccidiostatici. È meglio farlo sotto controllo e secondo le raccomandazioni del veterinario.

Aspergillosi

L'aspergillosi è una malattia causata da funghi. Il più delle volte gli uccelli vengono infettati da mangimi ammuffiti; anche le cattive condizioni della piccionaia possono essere responsabili della malattia: l'eccessiva umidità favorisce la crescita dei funghi. I sintomi dell'aspergillosi comprendono diarrea, debolezza generale, disturbi nervosi, cachessia e mancanza di respiro. Se il piccione presenta sintomi preoccupanti, portatelo dal veterinario.

Vaiolo del piccione

I piccioni giovani sono più sensibili al vaiolo. È anche più comune nei piccioni da corsa. Il virus responsabile della malattia provoca croste ed escrescenze, soprattutto sulle parti della pelle non piumate. In casi estremi, le escrescenze possono ostruire l'esofago e la trachea. Le lesioni cutanee possono anche iniziare ad aggravarsi.

I piccioni possono essere infettati dal vaiolo attraverso il contatto con uccelli infetti e anche trovandosi in un ambiente contaminato dalla precedente presenza di individui malati. Gli allevamenti di piccioni sono soggetti alla vaccinazione obbligatoria contro il vaiolo dei piccioni. La vaccinazione consente ai volatili di essere immunizzati per tutto l'anno. Una volta contratta, la malattia non conferisce all'uccello l'immunità, quindi c'è sempre la possibilità che si ammali di nuovo. I volatili malati devono essere isolati dai volatili sani il prima possibile e la piccionaia in cui sono stati ospitati deve essere pulita a fondo.

Le malattie dell'occhio nei piccioni molto spesso non si manifestano da sole, ma si accompagnano ad altre patologie che affliggono questi uccelli; la congiuntivite, ad esempio, si manifesta negli uccelli affetti da ornitosi. I sintomi della congiuntivite comprendono: gonfiore e arrossamento della congiuntiva, nonché la comparsa di una secrezione che può incollare le palpebre, che in casi estremi possono aderire molto strettamente.

La congiuntivite può essere causata da un'infezione batterica, che è la causa più comune della malattia. Anche i virus o altri fattori - irritazione da sostanze chimiche, polvere o fumo - possono essere responsabili della sua comparsa nei piccioni. Nel trattamento della congiuntivite è molto importante rivolgersi al veterinario per stabilire la causa della malattia.

A volte si tratta di una condizione a sé stante, ma spesso si accompagna ad altre malattie gravi, per cui stabilirlo è molto importante per la salute del piccione. Questo aiuterà anche a mettere in atto un trattamento appropriato.

Malattie dei piccioni - sintesi

L'allevamento di piccioni può portare molta gioia e benefici materiali abbastanza misurabili. Tutto questo, però, a condizione che gli animali siano sani. La salute di questi uccelli deve essere monitorata molto attentamente, altrimenti lo stormo potrebbe iniziare a essere decimato dalle malattie dei piccioni. I sintomi delle malattie, quanto prima vengono individuati, tanto meglio è per l'intero stormo di piccioni. Per questo motivo, la prevenzione e l'intervento tempestivo sono così importanti.

In tutti i casi, è meglio rivolgersi a un veterinario qualificato, in modo che possa decidere il trattamento nel più breve tempo possibile. Come misura preventiva, bisogna curare l'igiene della piccionaia, la freschezza dell'acqua e del mangime e isolare gli individui malati e quelli sani gli uni dagli altri, in modo che la malattia non possa diffondersi in tutto il branco.

"Le malattie batteriche, virali e parassitarie, così come le carenze nutrizionali, sono le cause più comuni di deterioramento dei piccioni. Possono essere ridotti in modo significativo grazie a una prevenzione diffusa. Altrettanto importante è l'osservazione attenta e l'osservanza della quarantena sia per gli uccelli nuovi che per quelli malati". - ci dice il veterinario. Hanna Pietruszka

pixel