Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

L'ARTROSI NEL CANE: CAUSE, SINTOMI E TRATTAMENTO. COME AIUTARE IL CANE CON I DOLORI ARTICOLARI?

2022-07-27
L'ARTROSI NEL CANE: CAUSE, SINTOMI E TRATTAMENTO. COME AIUTARE IL CANE CON I DOLORI ARTICOLARI?

Quando il nostro amico a quattro zampe perde la voglia di giocare all'aperto, iniziamo subito a guardarlo con attenzione. Se lo vediamo zoppicare quando va alla ciotola e ogni passo che fa gli provoca dolore, sappiamo che il problema sono le sue zampe malate. In altri casi, i movimenti limitati del cane possono preannunciare problemi alla colonna vertebrale. Il dolore agli arti o alla colonna vertebrale può avere molte cause, una delle quali è una malattia articolare - infiammazione, degenerazione o dislocazione. Come possono essere riconosciuti e, soprattutto, trattati?

Gli spiacevoli disturbi colpiscono i cani in momenti diversi della loro vita e con diversi gradi di gravità. Alcune di esse colpiscono gli animali giovani e sono geneticamente determinate, altre sono indipendenti dall'età e altre ancora colpiscono solitamente gli animali più anziani. A volte il trattamento porta un sollievo rapido e duraturo, ma non è raro che il problema si ripresenti e il trattamento deve essere mantenuto e controllato per un lungo periodo di tempo.

Cosa può accadere negli animali giovani?

I problemi congeniti si manifestano già nel primo anno di vita del cane. Altre malattie sono specifiche per le razze piccole e altre per le razze grandi. Nel caso delle razze di cani di taglia grande, la displasia, sia delle articolazioni del gomito che dell'anca, è un problema non indifferente. La malformazione delle ossa e dei tessuti molli, nel tempo, porta allo sviluppo di alterazioni degenerative nelle articolazioni sollecitate, che di conseguenza rendono ancora più difficile il movimento del cane.

Le razze canine di grandi dimensioni sono anche a rischio di sviluppare la necrosi osteocondrale da separazione, un disturbo di ossificazione della cartilagine articolare che cresce troppo rapidamente. Un disturbo dello sviluppo delle razze canine di piccola taglia è la malattia di Legg-Perthes, che comporta la necrosi della testa del femore.

Tutte queste malattie vengono diagnosticate dopo un esame clinico e un'accurata radiografia degli arti. A volte cambiamenti molto sottili nelle immagini provocano sintomi gravi, per cui il medico anestetizza il cane per l'esame radiografico: questo assicura che non ci siano movimenti anche minimi nell'immagine e quindi aumenta la possibilità di una valutazione corretta dell'immagine.

Le malattie sopra descritte sono dolorose e gravi per il cane, quindi in caso di zoppia persistente degli animali giovani è necessario rivolgersi a un ambulatorio veterinario.

Che cosa può causare dolori articolari in un cane anziano?

L'osteoartrite è piuttosto comune nei cani di questa fascia d'età. Si tratta di una condizione che non dipende dalle dimensioni dell'animale, ma piuttosto dal suo fisico e dal suo peso corporeo. La malattia può essere causata da uno stress eccessivo o da un cattivo funzionamento dell'articolazione. Può anche essere il risultato di uno sforzo eccessivo ripetuto per un lungo periodo di tempo.

Comporta la formazione di nuovo tessuto osseo ai margini delle articolazioni e la separazione della cartilagine. Queste anomalie impediscono il corretto movimento e causano forti dolori. Per diagnosticare la malattia, il medico esegue delle radiografie dell'area dolorosa e valuta le condizioni delle articolazioni del nostro animale.

Problemi indipendenti dall'età

Gli incidenti spiacevoli possono capitare a un cane a qualsiasi età. Qualsiasi lussazione o distorsione provoca un dolore improvviso e persistente intorno all'articolazione. A volte la lesione coinvolge i tessuti molli - rotture di legamenti, stiramenti, contusioni, strappi - questi problemi possono colpire un cane in qualsiasi fase della vita.

Artrite - cause

I dolori articolari causati dall'artrite possono colpire il nostro animale domestico in qualsiasi momento della sua vita. Le cause sono molteplici e si dividono più semplicemente in infiammazioni infettive e non infettive. La malattia infettiva delle articolazioni è causata da microrganismi che sono entrati nell'articolazione attraverso vari tipi di ferite, traumi, insieme a un corpo estraneo o attraverso la via del sangue da altre aree infette del corpo.

L'artrite nei cani può anche essere causata da malattie trasmesse dalle zecche, come la malattia di Lyme o l'anaplasmosi. Le malattie infettive colpiscono più comunemente le grandi articolazioni degli arti, come il ginocchio, il gomito, l'anca o la spalla.

Per quanto riguarda le cause delle malattie articolari non infettive, nella maggior parte dei casi si tratta di problemi immunologici che accompagnano altre malattie come il lupus sistemico, le neoplasie o le infezioni croniche di altre sedi del corpo, come i polmoni, la pelle, ecc. (artrite reattiva). Gli immunocomplessi depositati causano un'infiammazione, in cui i microrganismi vengono cercati invano. Di solito sono coinvolte le articolazioni più piccole, come i polsi, le articolazioni tarsali o le articolazioni delle dita.

Un'altra malattia classificata come malattia articolare non infettiva è l'artrite reumatoide. Contrariamente a quanto si possa pensare, questa patologia non è affatto legata all'età avanzata dei nostri animali domestici: sono spesso colpiti gli animali giovani, soprattutto quelli di piccola taglia. Le articolazioni sono colpite in modo simmetrico e con il tempo si danneggiano in modo permanente.

Sintomi di infiammazione articolare

Anche se le cause dell'artrite nei cani sono molto diverse, i sintomi sono molto simili. Le articolazioni sono dolorose, spesso gonfie e con movimenti limitati. A volte anche i tessuti circostanti si infiammano, peggiorando il dolore. Tutto ciò contribuisce al fatto che la zoppia è chiaramente marcata, gli arti nelle articolazioni appaiono rigidi e il cane preferirebbe non muoversi affatto. Tuttavia, le articolazioni non sono solo arti. L'infiammazione può verificarsi anche nella regione spinale, rendendo difficili i movimenti e i movimenti della testa. In caso di malattie infettive, non sono escluse febbre e ingrossamento dei linfonodi, che ovviamente rendono l'animale triste e con mancanza di appetito.

Oltre alla radiografia, il medico può suggerire di esaminare la sinovia o di eseguire altri esami supplementari. La cosa principale da fare è analizzare il sangue del cane, per verificare la morfologia e se ci sono danni ai reni, ad esempio. In caso di malattie di lunga durata, così come di malattie trasmesse da zecche o immunologiche, è possibile che si verifichino complicazioni di ogni tipo, per cui vale la pena di eseguire esami di controllo.

Per quanto riguarda l'artrite reumatoide, i sintomi si manifestano inizialmente in modo intermittente. Quando la malattia è esacerbata, il cane ha maggiori difficoltà a muoversi subito dopo il riposo. Con il passare del tempo, le articolazioni si danneggiano sempre di più e possono persino subire lussazioni o deformazioni.

Come si curano l'infiammazione e altre cause di dolore articolare?

A causa delle numerose cause delle malattie articolari, esistono diversi modi per trattarle. È meglio seguire le raccomandazioni del veterinario dopo una diagnosi approfondita. Di solito i risultati non sono immediatamente visibili. La terapia è lunga e, in alcuni casi, deve essere portata avanti per tutta la vita del cane. L'obiettivo del trattamento dell'infiammazione è combattere gli agenti infettivi e rimuovere i depositi intra-articolari.

Prima di tutto, l'azione antidolorifica e di sostegno

Per la maggior parte delle malattie è necessario agire in modo antidolorifico e di supporto sulla zona colpita. La rigenerazione è migliorata anche dall'alleggerimento della pressione sulle articolazioni, che si può ottenere limitando i movimenti e possibilmente perdendo peso sull'animale. In molti casi, oltre all'articolazione malata, devono essere trattati anche altri organi. Se si tratta di artrite reattiva, i sintomi regrediscono quando si elimina la malattia primaria.

Quando usare gli antibiotici?

Il veterinario potrebbe prescrivere degli antibiotici, la cui somministrazione dovrebbe durare fino a diverse settimane per raggiungere l'obiettivo desiderato. A volte è indicato un intervento chirurgico per pulire l'articolazione, stabilizzarla, rimuovere corpi estranei o eseguire altre procedure per migliorare l'articolazione e ridurre il disagio del cane.

Farmaci steroidei? Il medico deciderà

Quando la causa del problema è un disturbo immunologico, il medico può prescrivere farmaci steroidei o altri immunosoppressori. In questo caso, è estremamente importante lavorare a stretto contatto con il medico, con regolari controlli clinici e analisi del sangue. È sempre una buona idea sostenere la funzione articolare con un'integrazione di condroprotettori. Si tratta di preparati che migliorano le condizioni della cartilagine articolare e aumentano la viscosità del liquido articolare. Sono disponibili sotto forma di compresse, sciroppi o possono essere aggiunti al cibo per animali.

Questi preparati contengono spesso ingredienti vegetali o animali aggiuntivi, oltre a vitamine e oli, che mirano a ridurre l'indolenzimento e a migliorare la funzionalità delle articolazioni. Alcuni condroprotettori possono essere proposti dal medico anche in forma iniettabile. Inoltre, è bene sapere che vengono continuamente sviluppati nuovi trattamenti per alcune patologie articolari, per cui potrebbe non passare molto tempo prima che ci vengano proposti altri trattamenti.

Ricordatevi di sostenere

È sempre una buona idea sostenere la funzione articolare con un'integrazione di condroprotettori. Si tratta di preparati che migliorano le condizioni della cartilagine articolare e aumentano la viscosità del liquido articolare. Sono disponibili sotto forma di compresse, sciroppi o possono essere aggiunti al cibo per animali. Questi preparati contengono spesso ingredienti vegetali o animali aggiuntivi, oltre a vitamine e oli, che mirano a ridurre l'indolenzimento e a migliorare la funzionalità delle articolazioni. Alcuni condroprotettori possono essere proposti dal medico anche in forma iniettabile.

Inoltre, è bene sapere che vengono continuamente sviluppati nuovi trattamenti per alcune patologie articolari, quindi potrebbe non passare molto tempo prima che ci vengano proposti altri trattamenti.

La dieta cambierà qualcosa?

È certamente utile che la dieta sia adeguatamente bilanciata. Somministrate in quantità adeguate alle esigenze dell'animale (il cane si muove meno, quindi le dosi devono essere ridotte). Nel caso di animali obesi, è assolutamente necessario farli dimagrire. Si può anche optare per un alimento che contenga condroprotettori nella sua composizione: in questo caso non sarà necessaria un'ulteriore integrazione.

Cos'altro si può fare?

Le malattie articolari del cane, di conseguenza, portano a una riduzione della sua attività fisica e, di conseguenza, a una lenta diminuzione della massa muscolare. Se il problema si protrae per un periodo di tempo più lungo, vale la pena di pensare alla fisioterapia, che sosterrà le condizioni fisiche del vostro animale, ma anche aumenterà la mobilità articolare e contribuirà ad alleviare l'infiammazione e il dolore.

Il fisioterapista sceglierà i trattamenti appropriati a seconda che siano coinvolti i tessuti molli o che si tratti di degenerazione o di altri problemi.

pixel