Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

LAMBLIA NEL CANE - COME SI MANIFESTA? TRATTAMENTO E PREVENZIONE

2023-02-24
LAMBLIA NEL CANE - COME SI MANIFESTA? TRATTAMENTO E PREVENZIONE

Un motivo frequente di visita all'ambulatorio veterinario è un problema di parassiti. Si distingue tra parassiti esterni (ectoparassiti), cioè parassiti che si trovano, tra l'altro, nel mantello del cane. Si tratta, ad esempio, di pulci, zecche, pidocchi, scabbia e vermi solitari. Il secondo tipo è costituito dai parassiti interni (endoparassiti), cioè quelli che più spesso vivono nel tratto digestivo del nostro animale. I parassiti interni possono includere tenie, vermi tondi (verme rotondo del cane), protozoi (coccidi, lamblia). Nell'articolo di oggi tratterò di un fastidioso parassita interno che è piuttosto difficile da individuare in un esame fecale generale e che non viene ucciso dalla sverminazione preventiva standard. Si tratta della lamblia canina, che purtroppo è piuttosto comune nell'ambiente e il vostro cane può essere infettato molto facilmente, sia indirettamente, bevendo acqua da una pozzanghera, sia direttamente, entrando in contatto con un cane portatore di questo parassita.

Che cos'è la lamblia?

La Lamblia, o giardia, è un parassita protozoo del gruppo dei vermi che può portare allo sviluppo di una malattia nota come giardiasi. Il sintomo principale è la diarrea. L'ospite del parassita può essere l'uomo o gli animali, compresi cani e gatti. È stata segnalata anche l'infezione di scimmie, ruminanti, maiali e roditori.

Come avviene l'infezione?

L'infezione avviene principalmente per via orale, attraverso l'introduzione in bocca di cisti protozoarie invasive. Le principali fonti di infezione sono l'acqua contaminata, il suolo o le verdure crude e non lavate. Inoltre, l'infestazione da parassiti può essere trasmessa dal contatto diretto tra animali.

Lamblia nel cane - sviluppo

Una volta che le cisti sono entrate nello stomaco, l'acido cloridrico fa emergere i cosiddetti eccitozoiti che poi, dopo la divisione cellulare, danno origine ai trofozoiti, che sono lo stadio del parassita che abita il duodeno e la parte iniziale del digiuno. I trofozoiti si attaccano alle cellule epiteliali dell'intestino tenue, si dividono e colonizzano un'area crescente della mucosa intestinale. Periodicamente, alcuni di essi formano cisti, che vengono espulse con le feci nell'ambiente esterno. Queste cisti possono sopravvivere all'esterno senza il loro ospite da alcuni giorni a qualche settimana e rappresentano quindi un'importante fonte di infezione per il vostro animale domestico.

Sebbene non siano così resistenti ai fattori ambientali come, ad esempio, le oocisti dei coccidi, una volta che si è verificata la contaminazione ambientale, sono molto facilmente trasmesse - meccanicamente - sulle scarpe, sul pelo degli animali e, nel caso dei bambini che giocano nelle sabbiere, attraverso le mani sporche. L'infezione può avvenire anche attraverso l'autotrasmissione, ovvero il trasferimento delle cisti in bocca, ad esempio negli animali durante la toelettatura del pelo.

Quanto è comune l'infezione?

In Europa, l'incidenza della giardiasi nei cani e nei gatti è del 3-7%. La giardiasi è molto più elevata negli animali giovani, al di sotto di un anno di età, rendendo la lamblia canina il parassita interno più comune in questa fascia di età. L'infezione è inoltre più comune nelle grandi concentrazioni di animali, ad esempio nei rifugi, negli alberghi per cani e nei canili.

Lamblia nel cane - sintomi della malattia del vostro piccolo

Sospettate che il vostro cane abbia sviluppato la lamblia? Nel cane i sintomi possono non manifestarsi affatto, poiché si tratta di un parassita molto insidioso. Occasionalmente, può comparire una diarrea cronica, carica di muco. La diarrea può essere transitoria, cioè subito dopo possono comparire feci normali, il che di solito addormenta la vigilanza del proprietario. Dopo qualche tempo, ricompare la diarrea, che può anche scomparire spontaneamente. Nelle feci può comparire anche del sangue.

Possono comparire vomito, inappetenza, dolori addominali, flatulenza, perdita di peso e svogliatezza, soprattutto nei soggetti immunocompromessi e nei cuccioli con infezioni concomitanti da altri agenti patogeni. In caso di infestazioni parassitarie gravi, si può arrivare anche all'anemia.

Come mi preparo per un test della lamblla nel mio cane?

Se si sospetta un'infestazione parassitaria nel cane, è sufficiente raccogliere alcune feci in un contenitore e consegnarle al veterinario. Quando si tratta di lamblia, la questione è un po' più complicata. Le cisti di lamblia vengono espulse in modo molto irregolare e in quantità variabile, per cui sono necessari almeno 3 campioni di feci raccolti in un periodo di 5-7 giorni perché il risultato sia affidabile.

Come individuare la lamblia?

I test più comunemente utilizzati per la diagnosi di giardiasi nel cane sono l'esame microscopico, la PCR, l'Elisa e il test immunocromatografico. L'esame al microscopio è uno dei test diagnostici più economici e, purtroppo, può spesso dare risultati falsi negativi. È molto facile che con questo metodo non si riesca a individuare il parassita. Un secondo metodo che può essere utilizzato per rilevare la presenza di lamblia in loco presso lo studio veterinario è il test immunocromatografico. Il risultato può essere letto dopo soli 10 minuti. Il test PCR fecale è uno dei metodi diagnostici più sensibili utilizzati nella diagnostica di laboratorio veterinaria.

Il metodo della PCR consente di dimostrare la presenza diretta della lamblia, in particolare del suo DNA. È anche il metodo più costoso. Il test ELISA fecale ricerca gli antigeni del parassita nel materiale da analizzare. I test immunocromatografici rapidi sono i più utilizzati negli ambulatori veterinari. A volte, se il risultato è negativo e il veterinario ha dei dubbi, può inviare i campioni di feci a un laboratorio per confermare la presenza del parassita con un test più sensibile (Elisa o PCR).

Lamblia nel cane - trattamento

Se confermiamo la presenza del parassita nelle feci del nostro cane, dobbiamo attuare il trattamento appropriato. Esistono diversi schemi di trattamento per la giardiasi. Una possibilità è quella di utilizzare il fenbendazolo ogni giorno per 5 giorni. Poi si fa una settimana di pausa e si ripete il ciclo. A volte sono sufficienti pochi giorni di trattamento, ma in alcuni casi è necessario effettuare più cicli di questo tipo per eliminare il parassita.

Un altro metodo consiste nel somministrare compresse contenenti una combinazione di febantel/pirantel/raziquantel nella dose standard di sverminazione, una volta al giorno per tre giorni. Anche l'uso del metronidazolo due volte al giorno per cinque giorni può essere efficace. Una volta completato il trattamento, è molto importante controllare nuovamente le feci. Se il risultato è negativo, il trattamento può essere interrotto. Se la lamblia è ancora presente nelle analisi, è necessario ripetere il ciclo ancora una volta o cambiare il farmaco. Questo sarà già deciso dal veterinario.

La prevenzione

Gli elementi essenziali per la prevenzione della trasmissione dei parassiti tra animali sono il lavaggio e l'asciugatura dei locali, l'uso di utensili puliti in cui vengono somministrati cibo e acqua, i bagni per rimuovere i residui di feci e cisti aderenti e il corretto smaltimento delle feci. Se abbiamo già un cane in casa e desideriamo ampliare il nostro allevamento introducendo un nuovo cane o gatto, è meglio testare le feci del nuovo arrivato per verificare la presenza di parassiti, compresa la lamblia.

Zoonosi

Non dimentichiamo che possiamo contrarre la lamblia dal nostro animale domestico. Se abbiamo un cane a cui è stata diagnosticata la lamblia, non facciamoci prendere dal panico immediato e pensiamo che possa trasmetterci questo spiacevole parassita. Il cane deve essere sottoposto a un trattamento appropriato, scelto dal veterinario.

Per proteggere voi stessi e la vostra famiglia e per evitare che il parassita si infesti nuovamente nel vostro cane, dovete lavarvi regolarmente le mani, soprattutto dopo il contatto con il vostro animale. È buona norma lavare regolarmente la lettiera del cane e pulire le aree in cui il cane è stato. Potete fare scorta di salviette umidificate per bambini e pulire regolarmente il sedere del cane dopo le passeggiate e, naturalmente, lavarvi le mani subito dopo.

Ricordate di controllare regolarmente la salute del cane. Se notate sintomi preoccupanti nel vostro animale, portatelo dal veterinario in modo da poter attuare un trattamento adeguato il prima possibile. Se il cane ha diarrea ricorrente che si presenta senza un motivo significativo, vale la pena di effettuare un test delle feci per la ricerca della lamblia. Ricordate che una sverminazione standard, eseguita ogni 4-6 mesi, efficace contro i vermi tondi o le tenie, non funziona contro la lamblia.

pixel