Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

INFIAMMAZIONE DELLA TERZA PALPEBRA NEL CANE: COME AIUTARE IL VOSTRO ANIMALE?

2022-12-22
INFIAMMAZIONE DELLA TERZA PALPEBRA NEL CANE: COME AIUTARE IL VOSTRO ANIMALE?

Il fatto che il bulbo oculare sia circondato da due palpebre è naturale per noi. Nel cane, tuttavia, questo non è tutto: gli occhi sono protetti da una terza palpebra. In salute, possiamo vederne solo una piccola parte, ma quando un cane è malato, la terza palpebra è decisamente più visibile e causa di preoccupazione per chi se ne prende cura. Cosa si può fare quando un cane soffre di infiammazione della terza palpebra?

Che cos'è la terza palpebra?

La terza palpebra è altrimenti nota come sfarfallio. È una piccola struttura che ha compiti importanti da svolgere. Si può trovare vicino alla palpebra inferiore, ma la parte più grande occupa l'angolo interno dell'occhio. Lo sfarfallio, come qualsiasi palpebra, può muoversi attraverso il bulbo oculare. Questo movimento non solo protegge la cornea, ma aiuta anche a distribuire il film lacrimale, estremamente importante per una corretta lubrificazione della parte esterna del bulbo oculare.

Una delle strutture dell'amigdala - la ghiandola della terza palpebra - ha un'altra funzione molto importante: produce la frazione acquosa del film lacrimale e anche le immunoglobuline, che fanno parte delle lacrime. Questo è fondamentale per inumidire correttamente le palpebre, eliminare i corpi estranei (ad esempio il polline) che entrano nel sacco congiuntivale e nutrire, levigare e proteggere la cornea.

Come si presenta l'infiammazione della terza palpebra in un cane?

I sintomi più comuni che accompagnano l'infiammazione della terza palpebra sono l'arrossamento o la congestione, il gonfiore o la formazione di piccole papule caratteristiche. Questi sintomi causano una maggiore sporgenza della terza palpebra. Di norma, anche la congiuntiva delle palpebre superiori e inferiori è infiammata. Le palpebre stesse sono chiuse e sporche di secrezione purulenta o sierosa. Tutto ciò provoca nel cane fastidio, prurito e persino dolore, per cui si strofina le zampe sul muso o cerca di strofinarsi contro tappeti, mobili o pareti.

Infiammazione della terza palpebra nel cane - cause

Nel caso dell'infiammazione della terza palpebra nei cani, le cause possono essere molto varie. Per questo motivo è necessaria un'attenta diagnosi differenziale.

1. Infiammazione batterica, virale o parassitaria:

Nei casi di infiammazione a sfondo batterico, i sintomi sono solitamente associati anche ad altri organi. Allo stesso tempo, si possono osservare, ad esempio, scolo nasale, tosse o febbre. Anche le infiammazioni della pelle, dei canali auricolari o del parodonto possono contribuire allo sviluppo della congiuntivite. Se, inoltre, il cane soffre di un disturbo endocrino (ad esempio, ipotiroidismo), i sintomi possono essere notevolmente aggravati.

Il virus del cimurro è il principale responsabile della congiuntivite virale (compresa l'infiammazione della terza palpebra) nel cane. Naturalmente, le disfunzioni nella zona degli occhi non sono l'unico sintomo di questa malattia, ma non possono essere ignorate. La congiuntiva è visibilmente arrossata, mentre la cornea diventa più opaca e la secrezione sierosa fuoriesce dai sacchi congiuntivali. Sintomi simili si riscontrano nella tracheobronchite virale.

2. Irritazione congiuntivale:

Un'altra causa di congiuntivite può essere l'irritazione della congiuntiva da parte di vari tipi di polvere, allergeni o polveri. Allo stesso modo, anche la scarsa umidità, il vento e l'acqua inquinata possono agire come irritanti.

Quando l'allergene agisce per un periodo di tempo più lungo, si formano piccole papule sulla terza palpebra sul lato interno, irritando ulteriormente la delicata superficie corneale. Con il tempo, le papule possono formarsi anche su altre parti della congiuntiva. Tale condizione è l'infiammazione papulare della terza palpebra nel cane ed è sempre necessario trovare la causa della sua comparsa.

Anche un corpo estraneo che ha premuto sotto le palpebre può causare un'infiammazione. Nella stagione estiva i fili d'erba, che possono mimetizzarsi nella congiuntiva o appena sotto la terza palpebra e irritare fortemente i tessuti circostanti, rappresentano un pericolo non indifferente.

L'irritazione non deve sempre derivare da fattori esterni. A volte la colpa è dell'organismo stesso: palpebre malformate (ad esempio che si arricciano verso il bulbo oculare), ciglia (dirette verso la cornea o una fila aggiuntiva di ciglia che cresce verso il bulbo oculare) sono problemi congeniti che si manifestano già da cuccioli.

Nel caso delle razze a pelle corta, la forma del naso e delle pieghe nasali rappresenta un problema. I peli del naso e delle pieghe nasali molto spesso irritano la cornea e la congiuntiva, aumentando la produzione di lacrime e provocando un'infiammazione con fuoriuscita di muco o purulento dai sacchi congiuntivali.

Le razze brachicefale possono anche avere un problema di rigurgito palpebrale: in queste situazioni la cornea si secca perché le palpebre non riescono a inumidirla correttamente. I problemi di idratazione corneale si verificano anche quando la composizione del film lacrimale è anormale e insufficiente a mantenere l'idratazione costante a un livello adeguato.

3. Malattie a sfondo immunologico:

A volte il sistema immunitario del cane non funziona correttamente e, per ragioni sconosciute, inizia a produrre una risposta contro la cornea o la membrana della coroide. In questi casi, ad esempio, può manifestarsi la cosiddetta psoriasi, una sindrome di cheratocongiuntivite cronica immuno-mediata. In questa malattia, le alterazioni corneali e la secrezione mucosa sono molto caratteristiche. La terza palpebra del cane, invece, si ispessisce costantemente e perde il suo colore rosa sul lato esterno. La malattia può manifestarsi a diverse età nel cane e può recidivare.

Lo stesso vale per l'infiammazione granulomatosa nodulare dell'epitelio, della cornea e della congiuntiva. In questo caso, il sintomo è rappresentato da noduli singoli o multipli, che possono essere localizzati, tra l'altro, nell'area dello sfarfallio. I noduli sono rossi o addirittura marroni. Spesso sono presenti anche opacità e gonfiore della cornea e, nei casi complicati, la classica congiuntivite.

Un altro tipo di infiammazione cronica è la congiuntivite drenante. Si formano quindi delle membrane e la congiuntiva (compresa quella della terza palpebra) si ispessisce gravemente e si indurisce. La malattia può colpire solo gli occhi, anche se una variante più grave si verifica quando sono coinvolte anche altre membrane mucose.

Quali trattamenti vengono utilizzati?

Il trattamento dipende sempre dalla causa della patologia e dallo stato di salute generale del cane. In tutti i casi, la cosa più importante è trattare la malattia primaria. Vengono quindi somministrate diverse misure per, ad esempio, normalizzare l'equilibrio ormonale, eliminare la dermatite o limitare lo sviluppo di allergie. A volte può essere necessario un intervento chirurgico, durante il quale il veterinario corregge la forma delle palpebre o del naso o rimuove le ciglia in eccesso.

Quando il veterinario procede al trattamento della congiuntivite, di solito sceglie le gocce topiche. È importante non usare queste gocce da sole, perché prima di usarle è necessario effettuare, tra l'altro, un esame per valutare la qualità e la quantità della secrezione lacrimale, nonché le condizioni della cornea. A volte è necessario eseguire anche colture o altri esami diagnostici.

La terapia per le malattie immunologiche è purtroppo finalizzata solo a fermare o rallentare temporaneamente la malattia. Nel caso della psoriasi, trattando il cane, il nostro obiettivo è quello di preservare la sua vista. Le gocce somministrate devono essere utilizzate sistematicamente. Sono necessarie consultazioni regolari con il veterinario per scegliere il giusto regime di trattamento e correggerlo in modo continuativo. Talvolta, inoltre, il veterinario prescrive farmaci appropriati sotto forma di iniezioni sottocongiuntivali. Il rispetto rigoroso delle raccomandazioni è essenziale affinché il cane viva in modo confortevole e la sua vista sia funzionale.

Nel caso della vasculite drenante, la situazione è simile. Anche in questo caso, le gocce sono utilizzate come primo e più importante trattamento. Tuttavia, non sono esclusi nemmeno i preparati ad azione generale. A volte questo è l'unico modo per vedere i risultati e migliorare le condizioni del cane.

Esistono rimedi casalinghi per lo sfarfallio?

Quando è interessata la terza palpebra del cane, i rimedi casalinghi possono non essere sufficienti. Nella maggior parte dei casi, è necessario scegliere le gocce giuste - antibiotiche, antinfiammatorie o semplicemente idratanti - ed è responsabilità del curante applicarle regolarmente e con una certa frequenza.

Tuttavia, non è meno importante curare l'igiene della zona palpebrale. Eventuali secrezioni e scarichi devono essere rimossi regolarmente per evitare che si depositino nell'angolo interno dell'occhio o sulle palpebre.

Tale cura può essere eseguita con un batuffolo di cotone inumidito con soluzione fisiologica o, ad esempio, con essenza di tè nero.

Terza palpebra nel cane - riassunto

Lo sfarfallio è una struttura piccola, ma la sua infiammazione può essere molto fastidiosa per un cane a quattro zampe. Un trattamento adeguato deve essere preceduto da un'accurata diagnosi, poiché solo una terapia farmacologica ben scelta ridurrà il disagio e consentirà all'animale di riprendersi rapidamente. In alcuni casi, può essere necessario un intervento chirurgico per alleviare la stanchezza degli occhi del nostro animale. Il trattamento è spesso una sfida per il personale di assistenza, poiché di solito è necessaria la somministrazione abbastanza frequente di colliri. Spesso, però, questa è l'unica strada percorribile, perché i nostri sforzi si tradurranno in un miglioramento della qualità della vista del nostro cane.

pixel