Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

IL SIBILO DEL GATTO: COSA SIGNIFICA?

2023-06-13
IL SIBILO DEL GATTO: COSA SIGNIFICA?

Un gatto che sibila è uno spettacolo perfettamente normale. Sospetto che la maggior parte di voi lo abbia incontrato, anche se forse non tutti sanno perché un gatto sibila. È un segno di aggressività (che probabilmente è la prima cosa che vi viene in mente)? O è qualcosa di completamente diverso? Dovremmo cercare le risposte a queste domande analizzando le situazioni in cui i nostri animali domestici emettono questo suono sgradevole alle nostre orecchie. E imparando a conoscerle, sapremo come comportarci quando il gatto sibila a noi o ad altri animali.

Il gatto che sibila, ovvero qualche parola sul linguaggio dei gatti

Contrariamente a quanto si crede, i gatti hanno una vita sociale piuttosto estesa. Hanno sviluppato un complesso sistema di comunicazione che utilizzano per i contatti interpersonali, sia con i loro compagni che con i rappresentanti di altre specie, compresi gli esseri umani.

Il linguaggio felino è molto più complesso di quanto si possa pensare. È formato principalmente dal linguaggio del corpo, ma anche gli odori svolgono un ruolo importante nella comunicazione con i nostri animali domestici. Il linguaggio felino si compone anche di suoni numerosi e molto vari. Per comunicare tra loro e con noi, miagolano, ringhiano, fanno le fusa, sbuffano e naturalmente... sibilano in toni diversi.

Il sibilo di un gatto non è quindi altro che una parte di un complesso sistema di comunicazione. Se conosciamo il significato di questo suono (e di tutti gli altri), potremo capire meglio il nostro amico che fa le fusa.

Perché un gatto sibila?

I suoni emessi dai gatti sono spesso una manifestazione esteriore delle emozioni che l'animale sta provando. Le fusa possono significare contentezza, il miagolio può essere espressione di solitudine e il ringhio di rabbia. E quali emozioni sono accompagnate dal sibilo? È abbastanza facile scoprirlo se analizziamo le situazioni in cui il gatto sibila.

Avete mai visto un gatto sibilare a un cane? Probabilmente sì, perché si tratta di un comportamento comune ai pelosi che incontrano un rappresentante sconosciuto della specie. In particolare nelle situazioni in cui il gatto viene "spinto contro il muro" da un animale domestico che abbaia, più grande e più forte di lui. Quando ciò accade, il sibilo del gatto può trasformarsi in stridore e sputo.

Come è facile intuire, l'emozione che il nostro gatto prova in queste situazioni è la paura del quadrupede più grande e più forte. Ciò è indicato dalle espressioni facciali e dalla postura del corpo che accompagnano il sibilo. Il gatto abbassa le orecchie, ha gli occhi spalancati, a volte cade a terra o inarca la schiena e i suoi muscoli sono visibilmente tesi. Il comportamento dell'animale ci fa capire quanto sia spaventato.

Il sibilo di un gatto è quindi un sintomo di ansia. L'animale emette questo suono quando prova paura di un cane, di un rivale della sua specie, di un altro animale o di un uomo, o anche di una minaccia non specificata.

L'ansia, tuttavia, può essere accompagnata dalla rabbia. Quando quest'ultima emozione inizia a dominare, il sibilo si trasforma in uno stridio o addirittura in un urlo dal suono specifico, di solito seguito da un attacco al nemico. I gatti spesso attaccano per paura in situazioni in cui non hanno vie di fuga. Purtroppo, questo è ciò che accade quando un gatto peloso è confinato tra le quattro mura di un appartamento.

Per chi ama il proprio animale domestico che fa le fusa è difficile credere che un animale possa avere paura di lui, eppure succede. Quando un gatto sibila al suo padrone, possiamo essere certi che ha paura di lui. Privato della possibilità di fuggire, costretto a un contatto costante con un umano che gli incute paura, il peloso gatto può iniziare ad attaccare il suo padrone.

Un gatto sibila perché vuole apparire minaccioso

Il sibilo di un gatto non è solo un segno di paura. Con questo suono sgradevole, il peloso vuole anche spaventare un nemico presunto o reale. Ecco perché il sibilo è solitamente accompagnato da altri segnali di minaccia, come le orecchie che si drizzano e le zanne che abbaiano.

Tuttavia, vale la pena chiedersi perché il sibilo abbia esattamente questa funzione e non un altro suono. Esiste una teoria molto interessante che lo spiega. Uno dei suoi sostenitori è il noto zoologo britannico Desmond Morris.

Ebbene, il suono in questione è il motivo per cui sembra così minaccioso, perché assomiglia al sibilo dei serpenti! Il gatto sibila perché finge di essere questo rettile e vuole apparire molto più pericoloso di quanto non sia in realtà. Si tratta di un tipo di comportamento protettivo chiamato mimetismo.

Imitare il comportamento di specie animali pericolose, o addirittura assomigliarvi fisicamente, non è insolito nel mondo animale. È così che le specie si difendono dai loro nemici. Sebbene i gatti siano essi stessi predatori, con le loro piccole dimensioni corporee sono vulnerabili agli attacchi di numerosi altri carnivori.

Fingere di essere un serpente è un modo piuttosto efficace per allontanare i nemici. I rappresentanti velenosi di questi rettili sono tra le creature più pericolose della Terra. Per questo motivo, molte specie provano un'innata paura dei serpenti ed evitano il contatto con loro. Anche i gatti ne hanno paura.

Inoltre, Desmond Morris, che ho citato in precedenza, sostiene che i gatti non assomigliano ai serpenti solo per il sibilo. Anche la colorazione primaria della pelliccia dei nostri animali domestici, che avevano i loro antenati selvatici, serve a questo scopo. Il gatto soriano, sdraiato a terra, è progettato per assomigliare a un rettile velenoso da lontano.

Il sibilo del gatto: cosa fare?

Il sibilo del gatto è un comportamento perfettamente naturale, normale e innato. Diventa un problema solo se il gatto sibila verso il proprietario o eventualmente verso altri membri della famiglia. Tuttavia, non dobbiamo in alcun modo cercare di fermare il peloso, gridare o punire il gatto per questo comportamento. Dobbiamo infatti ricordare che il vero problema non è il sibilo, ma l'ansia di cui questo suono è sintomo.

Il nostro compito, quindi, sarà quello di trovare la fonte della paura del gatto e di rimuovere la causa o di convincere il gatto che la sua paura è infondata. In questo modo il peloso smetterà di avere paura e, quando ciò accadrà, non fischierà. Non è sempre facile da attuare, ma è sempre importante provarci, adattando le azioni alla situazione specifica.

Immaginate, ad esempio, che il vostro gatto sibili ad un altro animale in casa vostra. La prima cosa da considerare è se questo animale è appena arrivato sotto il nostro tetto, oppure se vive con il gatto da molto tempo e il conflitto è iniziato solo ora.

È perfettamente normale che un gatto abbia paura di un animale sconosciuto. La più grande minaccia potenziale per un gatto peloso è un altro membro della sua specie o un cane. Tuttavia, anche un pappagallo o un coniglio di grandi dimensioni possono spaventare il nostro gatto perfetto per le fusa, se non ha mai incontrato una creatura del genere prima d'ora, avendo vissuto in isolamento dal mondo fin dalla nascita.

Con la maggior parte dei nuovi membri della famiglia, il gatto impara rapidamente che non sono una minaccia per lui. Dobbiamo solo permettere all'animale che fa le fusa di familiarizzare con il suo nuovo compagno, anche solo attraverso le sbarre della gabbia nel trasportino.

Potrebbe essere necessario un po' più di tempo perché un gatto faccia amicizia con un cane. Soprattutto se l'animale che abbaia è adulto e molto più grande del nostro peloso. È più facile per i gatti fare amicizia con i cuccioli, poiché i piccoli sono per natura fiduciosi e amichevoli verso l'ambiente circostante e gli altri animali.

I problemi maggiori si hanno quando si introduce un nuovo gatto in casa. Questo perché è qui che entra in gioco la rivalità intraspecifica. Ricordiamo che i gatti sono animali territoriali, quindi il nuovo peloso sarà molto probabilmente considerato dal residente come un rivale che vuole appropriarsi del suo territorio.

Naturalmente, può anche accadere che gli animali che vivono finora in armonia tra loro, per qualche motivo entrino in conflitto. Sta a noi trovare la causa del conflitto e risolverlo con una terapia comportamentale adeguata.

La situazione peggiore è quando il gatto sibila al proprietario. Ciò significa che è stata minata la fiducia del gatto nei confronti del proprietario, cosa che non dovrebbe mai accadere. I motivi possono essere molto vari, ma quasi sempre la colpa è dell'uomo con il suo comportamento, anche se non si possono escludere altre fonti di problemi, ad esempio di tipo medico. Non sempre è possibile individuare la causa, ma nella maggior parte dei casi è possibile ripristinare il giusto rapporto tra uomo e gatto.

Un'altra cosa: non è raro che un gatto fischi quando viene portato in casa un neonato. Ora sapete perché: ne ha semplicemente paura, perché non ha mai visto una creatura simile. Lasciate che il gatto faccia le fusa al bambino e tutto andrà bene.

Il sibilo del gatto non è così grave come sembra

 Come potete vedere, il sibilo del gatto non è un problema così grave come può sembrare. In realtà, dovremmo intervenire solo quando questo comportamento segnala un serio problema comportamentale e un rapporto disturbato tra noi e il nostro protetto che fa le fusa o tra lui e il resto della famiglia. Queste situazioni non devono essere sottovalutate, a causa delle loro conseguenze negative. Fortunatamente è abbastanza facile risolvere il problema: se non possiamo farlo da soli, vale la pena chiedere aiuto a un comportamentista per gatti.

pixel