Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

GECO LEOPARDINO - MALATTIE, SINTOMI E TRATTAMENTI

2023-01-25
GECO LEOPARDINO - MALATTIE, SINTOMI E TRATTAMENTI

L'allevamento di terrari è un hobby che attira sempre più persone, sebbene sia ancora considerato un'attività piuttosto esotica. Tra i rettili tenuti nei terrari, il geco leopardo è molto popolare. Le malattie che possono affliggerlo sono molte e varie, spesso causate da un'alimentazione scorretta o dalle condizioni del terrario. A cosa può essere esposto il vostro geco leopardino? Quali sono le malattie che possono colpirlo? Come possono essere trattati? Scoprite cosa si nasconde nei gechi leopardati!

Il geco leopardino: le malattie che possono colpirlo

Il geco leopardino eublepharis macularius è una creatura esotica e piuttosto delicata. Creare un terrario ideale per questo animale non è un compito facile. Bisogna fare attenzione a creare le condizioni di vita perfette, il più possibile simili a quelle che l'animale può sperare di trovare in natura.

Questo non garantisce che il geco leopardino sia ancora in salute, ma di certo ne aumenta notevolmente le possibilità. Oltre a un terrario accuratamente curato, è necessario reagire molto rapidamente quando si notano sintomi preoccupanti. In questo modo si aumentano le possibilità di guarigione dell'animale. A cosa si può andare incontro se un geco vive in casa? Le malattie più comuni, anche se non le uniche, sono riportate di seguito.

Problemi di muta

Un geco leopardino in buona salute non ha problemi a liberarsi della muta, che viene via intera e non provoca conseguenze negative. Se vedete che l'epidermide non si sta staccando del tutto, non ignoratelo. Può accadere che rimanga della pelle vecchia che l'animale non riesce a eliminare correttamente, ad esempio sulla testa, sulle zampe o sulla coda. Non si tratta solo di un problema estetico! Tale epidermide può causare ferite sgradevoli e difficili da rimarginare e può persino portare alla necrosi di parti della coda o della punta delle dita.

È molto importante aiutare il geco a rimuovere l'epidermide cheratinizzata. Se non sapete come fare, portate il vostro animale domestico da un veterinario, poiché è abbastanza facile ferire la lucertola nel processo, soprattutto per una persona non esperta. La rimozione della pelle è una procedura che deve essere eseguita con delicatezza e precisione.

Si tratta di immergere le aree problematiche in acqua tiepida o di inumidire con glicerina. Poi si può procedere alla rimozione vera e propria della pelle, che può essere effettuata, ad esempio, con un tampone per la pulizia delle orecchie. Non sembra complicato e, in effetti, si può imparare a farlo, ma per evitare alla vostra lucertola lesioni e dolori, è meglio affidarsi a uno specialista.

Per evitare questa spiacevole condizione, le vitamine per il geco saranno essenziali, soprattutto la vitamina A ed E. Sarà inoltre utile aumentare il livello di umidità che prevale nel terrario, soprattutto, appunto, nel periodo in cui l'animale si avvicina alla muta. L'umidità aiuterà a eliminare la pelle. Anche le ustioni e le ferite possono causare problemi con la muta: quelle meno gravi possono interrompere una particolare muta, quelle più gravi possono interrompere ogni muta successiva.

Ileo

Ileo è un altro termine per indicare un'ostruzione del tratto digestivo, anche se se coinvolge la parte terminale del tratto digestivo, non si tratta di Ileo ma di classica stitichezza. Può essere causata da cambiamenti patologici anomali nel tratto digestivo, dall'attacco di parassiti, dall'ostruzione da parte di corpi estranei, ma il motivo più comune dell'ostruzione è considerato dagli allevatori l'ingestione di lettiere da parte del geco leopardo, come ghiaia o sabbia, che può verificarsi soprattutto a causa di una carenza di calcio. La tana può verificarsi anche se i gechi leopardati si muovono troppo poco o non si muovono, se viene somministrato il cibo sbagliato o se la temperatura del terrario è troppo alta.

Un geco leopardino affetto da un'ostruzione presenta un addome disteso, perde l'appetito, è letargico e non defeca. In alcuni casi, la cloaca può addirittura cadere.

È meglio affidare il trattamento di una cloaca a un professionista e portare l'animale dal veterinario. Nei casi più lievi, e solo se si dispone di conoscenze ed esperienza sufficienti, si può provare ad aiutare da soli. Se i gechi leopardati sono stitici, i bagni di acqua calda possono essere d'aiuto, anche se, in caso contrario, non mancherà una visita dal veterinario e, come misura profilattica per evitare che la situazione si ripeta, un cambiamento nella dieta e un maggiore esercizio fisico.

Diarrea e vomito

Sia la diarrea che il vomito non sono, nel caso delle lucertole, una condizione a sé stante, ma un sintomo di un altro disturbo che affligge l'animale. Possono essere causate da parassiti che si nutrono del corpo, da una temperatura troppo bassa nel terrario, da un'alimentazione scorretta, da un avvelenamento, compreso quello da farmaci, oppure possono essere causate da batteri. Il vomito può anche essere causato da stress, stomatite o tumori.

Se la diarrea o il vomito sono cronici o si ripetono frequentemente, sarà necessario consultare un veterinario ed effettuare esami diagnostici specializzati per determinare con precisione la causa della loro comparsa, nonché attuare un trattamento adeguato.

Perdita di coda

Il rigetto della coda è altrimenti noto come autotomia e la maggior parte delle lucertole è in grado di farlo, compreso il geco leopardo. Le malattie non causano l'autotomia: è un meccanismo perfettamente naturale che le lucertole utilizzano per difendersi. Tuttavia, quando una cosa del genere accade alla vostra lucertola, dovete fornirle le migliori condizioni possibili e, se questo stato di cose vi preoccupa o notate qualche anomalia, consultate il veterinario.

In condizioni di allevamento, la perdita della coda si verifica più spesso durante i combattimenti che coinvolgono i gechi leopardo con una grande differenza di altezza, e anche quando l'animale viene afferrato con troppa forza per la coda. Le riserve di grasso sono immagazzinate nella coda; il suo rigetto ne comporta la perdita, quindi queste lucertole possono crescere più lentamente durante il recupero.

Subito dopo l'eliminazione della coda, è bene separare la lucertola dagli altri membri della specie e prestare particolare attenzione a mantenere pulito l'ambiente circostante. Vale anche la pena di disinfettare la ferita. Se vi siete imbattuti per la prima volta in un incidente di questo tipo, non fatevi prendere dal panico: sono cose che succedono. Tuttavia, vale la pena di chiedere l'aiuto e l'esperienza di un medico veterinario per calmare i vostri timori.

Mancanza di appetito

Le ragioni per cui il vostro geco leopardino può smettere di mangiare sono molteplici: alcune sono naturali, altre sono causate da un fattore patologico. L'inappetenza può essere causata anche dallo stress.

Questo disturbo si verifica molto spesso nei gechi femmina che sono al termine della gravidanza e che deporranno le uova da un giorno all'altro. Quando sono ancora nel corpo dell'animale, colpiscono l'apparato digerente comprimendolo.

Un geco leopardino può anche perdere l'appetito perché è semplicemente malato: è stato colpito da una malattia virale o batterica, l'animale è vittima di parassiti, è annerito o sta soffrendo per qualche altro motivo. Pertanto, è bene portare la lucertola dal veterinario per determinarne la causa e decidere il trattamento da seguire.

Inoltre, lo stress non manca di influire sull'appetito del geco. Pertanto, aiutatelo a evitare situazioni di stress, assicuratevi che il terrario si trovi in un luogo tranquillo e che il geco non venga disturbato da nessuno. Inoltre, le condizioni inadeguate del terrario possono indurre l'animale a rifiutarsi di mangiare: ad esempio, il terrario può essere troppo freddo o troppo caldo, un motivo comune di inappetenza.

Se il geco leopardino rifiuta il cibo da molto tempo, è necessario alimentarlo forzatamente. Questo non sostituirà ovviamente una visita dal veterinario, ma aiuterà a evitare di morire di fame fino all'introduzione di un trattamento appropriato.

Avitaminosi

L'avitaminosi è una condizione molto pericolosa per il geco, perché se viene privato di vitamine importanti come la A, la B1, la C e la D, non è in grado di funzionare correttamente. Ecco perché le vitamine per il geco leopardino e la loro corretta integrazione sono così importanti per mantenere la sua dieta completa e sana.

Si possono somministrare integratori vitaminici cospargendoli sul cibo vivo, come i grilli, poco prima di servirli. Tuttavia, questo ha i suoi svantaggi: il grillo deciderà immediatamente di scrollarsi di dosso tutto ciò che gli è caduto addosso, quindi il geco leopardino potrebbe non assimilare la dose corretta. Pertanto, è bene nutrire preventivamente gli insetti che si intende dare al geco con verdura e frutta, in modo che la lucertola assimili anche il contenuto dello stomaco delle sue vittime. .

L'avitaminosi è una condizione pericolosa, quindi se non siete sicuri di quali siano le carenze del vostro geco e notate sintomi che vi preoccupano (l'animale è letargico, ha problemi di muta o di movimento), portatelo dal veterinario.

Malattie del geco leopardino - riassunto

L'allevamento di gechi leopardati richiede molte conoscenze: sulla corretta alimentazione, sulle condizioni del terrario e sulla salute. Un geco leopardino malato, eublepharis macularius, deve essere portato dal veterinario non appena si notano sintomi preoccupanti.

Le malattie di un geco possono essere causate da molti fattori: batteri, virus, parassiti, alimentazione scorretta o condizioni ambientali sfavorevoli, oltre a condizioni corporee particolari come la gravidanza. Cercate di fornire al vostro geco le migliori cure possibili e condizioni il più possibile simili a quelle naturali. E non dimenticate l'integrazione di vitamine e minerali per mantenerli in salute.

pixel