Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

GATTO BRITANNICO - CARATTERE E VARIETÀ. SAPETE QUANTI COLORI HA UN GATTO BRITANNICO?

2023-03-01
GATTO BRITANNICO - CARATTERE E VARIETÀ. SAPETE QUANTI COLORI HA UN GATTO BRITANNICO?

I gatti britannico sono animali che catturano immediatamente l'attenzione. Occhi grandi e spalancati, testa larga, pelliccia morbida, corta e molto folta e felpata: sono queste le caratteristiche che li fanno associare a un orsacchiotto. Apprezzano il dolce far niente in casa e non sono tra i più attivi. Il che non significa che non siano pronti a giocare! In condizioni favorevoli, sono più che felici di giocare con voi. Ecco i dettagli: scoprite cosa significa essere un gatto britannico!

Il clima invernale, il tempo grigio e la neve fangosa non sempre invogliano a uscire di casa e a fare lunghe e attive passeggiate. Il gatto inglese lo capisce perfettamente. Invece di uscire di casa, preferisce rimanere all'interno e godersi il calore della casa. È un compagno meraviglioso per le lunghe serate invernali.

La sua folta e morbida pelliccia invita ad accarezzarla, a immergervi la mano e a godersi questo momento il più a lungo possibile. Un gatto britannico può sembrare un orsacchiotto. Tuttavia, è pur sempre un gatto. È un gatto piuttosto caratteriale e indipendente che accetta di essere accarezzato, ma ogni carezza deve essere dosata con attenzione. Solo così porterà molto calore in casa vostra e renderà più piacevole la stagione invernale.

Il gatto britannico: una storia lunga e sorprendente

La storia di questi gatti è più lunga e sorprendente di quanto si possa pensare. Risale allo stesso Impero Romano. I loro antenati giunsero a Roma dall'Egitto, un luogo in cui i gatti erano tenuti in venerazione divina.

Furono portati con sé dai legionari, che scoprirono subito i vantaggi di portare i gatti nelle spedizioni militari. I gatti difendevano le scorte di cibo militare dalle infestazioni dei roditori e impedivano ai soldati di soffrire la fame. Questo, a quei tempi, era un problema molto serio che poteva determinare il destino di qualsiasi campagna bellica.

I gatti britannici a pelo corto viaggiavano con i legionari e, come loro, si diffusero in tutto il mondo. Raggiunsero anche le isole britanniche, nell'attuale Gran Bretagna.

Il gatto britannico: lo straordinario sviluppo della razza

Da questo momento inizia la storia del gatto a pelo corto britannico. A quel tempo, tuttavia, non si trattava ancora di un tipico gatto britannico. Il gatto britannico dovette aspettare ancora un po' prima di presentarsi nel suo pieno splendore. Solo nella famosa epoca vittoriana si decise di sviluppare la razza. Ciò fu fatto per creare una concorrenza ai popolarissimi gatti orientali, che avevano conquistato il cuore della popolazione britannica.

Il periodo della Prima guerra mondiale portò dei veri e propri cambiamenti per la razza. Fu allora che si verificò il primo incrocio tra il gatto inglese a pelo corto e il maestoso persiano. Il risultato di questo incrocio fu la creazione del gatto britannico a pelo lungo.

Non è chiaro come la razza avrebbe continuato a svilupparsi se non ci fosse stata la Seconda guerra mondiale. La crudele guerra portò grandi distruzioni e portò scompiglio in ogni angolo del mondo. Il gatto British Shorthair fu praticamente sterminato e si parlò di scomparsa della razza. Solo pochi esemplari riuscirono a sopravvivere a questo duro periodo. Avrebbe potuto essere la fine della storia del gatto britannico, ma fortunatamente non è stato possibile.

Come è cambiato il gatto britannico?

Gli allevatori e gli amanti dei gatti sono stati costretti a ricreare la razza praticamente da zero. Ecco perché il moderno gatto a pelo corto britannico è diverso dal suo antenato di qualche decennio fa. I rappresentanti superstiti del gatto British Shorthair sono stati incrociati con molte razze diverse. L'obiettivo era uno solo: ricreare una popolazione numerosa e popolare prima dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Il più delle volte sono stati incrociati con Persiani e Blu di Russia.

Grazie a questi incroci interspecifici, il gatto British Shorthair divenne più snello e delicato. Per ripristinare il modello prebellico della razza, furono introdotti i geni del Persiano blu. Questo si rivelò un vero successo! Il gatto britannico a pelo corto riacquistò la sua silhouette caratteristica di un tempo.

In Polonia, il gatto British Shorthair è una razza relativamente nuova. Sebbene abbia conquistato il cuore dei Polacchi e non sia più considerato un gatto esotico o raro, non è sempre stato così. Il primo gatto britannico (o, per essere più precisi, una femmina) è arrivato in Polonia dall'Ucraina. Questo avvenne solo nel 1994. Il gatto portato allora aveva un nome dignitoso: Arabella Big Ben.

Gatto britannico - aspetto - 150 sfumature feline

Il gattino British shorthair è un animale molto bello. I tentativi di ricreare la razza non sono rimasti indifferenti al loro aspetto. Oggi sono disponibili in ben 150 colori e sfumature tra le più varie! Gatto inglese - lilla, bianco, fumé, blu, cioccolato, brindle, bicolore, monocromatico - è impossibile elencare tutti i modelli, i colori, le loro sfumature e le miscele consentite.

Gatto inglese - bianco, nero, blu... Non importa. Non è il colore e non è la tonalità a costituire il gatto British Shorthair. Ciò che conta sono le altre caratteristiche del suo aspetto. Il corpo di questo gatto è massiccio e muscoloso. I gatti maschi sono notevolmente più pesanti delle femmine. Un busto corto, un torace ampio e zampe corte ma molto forti, una coda arrotondata in alto e molto spessa alla radice: questi sono i tratti caratteristici di questa razza.

La testa è rotonda e massiccia come tutto il corpo, con guance fortemente definite. Gli occhi sono grandi e ben distanziati. Pelo morbido, molto fitto e corto. Il colore degli occhi dipende dal colore della pelliccia. Il più delle volte sono dorati, ambrati, blu, arancioni, turchesi o verdi.

Gatto britannico: i segreti della toelettatura

La toelettatura del gatto British Shorthair non è delle più impegnative. Il pelo è molto fitto e tende a essere autopulente. Il British Shorthair, da questo punto di vista, si gestisce molto spesso da solo. Tra gli allevatori, le opinioni sulla pettinatura di questi gatti sono molto discordanti. Alcuni ritengono che i gatti British Shorthair debbano essere pettinati almeno una volta alla settimana.

Altri, invece, ritengono che questi gatti non debbano essere pettinati, per non rimuovere e danneggiare il sottopelo, che si nasconde sotto lo strato superiore della pelliccia del gatto. Ed è proprio questo che è responsabile della caratteristica tessitura della pelliccia dei gatti inglesi.

Dovrete decidere da soli a quale gruppo appartenere. Tuttavia, qualunque sia la vostra opinione sulla toelettatura, dovete ricordarvi di controllare regolarmente lo stato delle orecchie, degli occhi e della dentizione del vostro gatto. Anche la cura degli artigli è molto importante. Tagliateli regolarmente. A meno che il vostro esemplare di gatto, insolitamente per questa razza, non ami arrampicarsi e utilizzi attivamente un tiragraffi. Allora lasciate che se la cavi da solo.

Il gatto British Shorthair, come ogni rappresentante della specie felina, è un carnivoro. Dategli del buon cibo secco e umido a base di carne. Se necessario, potete integrare le vitamine o i nutrienti necessari, ma è meglio non decidere di farlo da soli. Rivolgetevi piuttosto a un allevatore o a un veterinario esperto.

Gatto britannico: carattere, temperamento, stile di vita

Vi state chiedendo com'è un gatto British Shorthair? Il carattere di questi animali si forma nel corso della loro vita. Un piccolo gattino sarà spesso, come qualsiasi bambino, iperattivo e molto mobile. Curioso e desideroso di giocare, vorrà sempre guardare dappertutto e controllare tutto da solo.

Con il tempo, tuttavia, diventerà sempre più calmo e tranquillo. Il British Shorthair è un gatto molto intelligente. Può vantare un carattere molto forte. Tuttavia, non è uno di quelli irascibili. Una volta superata la fase infantile, sarà un gatto molto calmo ed equilibrato.

È completamente privo di aggressività, quindi sarà ideale come compagno per i bambini un po' più grandi. Tuttavia, non è il tipico tipo da accarezzare. Non ama essere portato in braccio e non cercherà certo la vostra compagnia in modo invadente. Non ama imporsi. Sceglierà invece volentieri un membro della famiglia che sarà per lui il più importante. È quello che circonderà di affetto speciale e gli dedicherà le maggiori attenzioni.

È anche capace di prendersi cura di sé. Come un tipico gatto, può avere dei periodi in cui vuole stare da solo e può anche evitare la vostra compagnia. Una volta superata questa fase, ricomincerà ad avvicinarsi e a chiedere di essere accarezzato. Tuttavia, non sarà invadente. Dopotutto, si tratta di un gatto inglese. Un carattere e un aspetto pieni di forza e maestosità: ecco per cosa è famoso. Non chiederà troppo attenzione. Non è degno della sua dignità.

Il gatto britannico: è adatto a voi?

Ci sono molte cose da dire sul British Shorthair. Tuttavia, non possono essere definiti problematici. Indipendenti, intelligenti e relativamente inattivi, sono in grado di organizzare perfettamente il loro tempo da soli. Possono anche essere ottimi compagni dell'uomo. Non hanno bisogno di molte cure, sono pazienti e non sono aggressivi.

Si trovano perfettamente anche in appartamenti molto piccoli, poiché non hanno bisogno di troppo spazio per vivere. Tutto ciò rende il gatto British Shorthair ideale per le persone anziane, per le famiglie con bambini un po' più grandi e per le persone che hanno appartamenti piccoli.

Tuttavia, non si dovrebbe optare per un gatto British se si cerca un tipico gatto da compagnia da coccolare e portare in braccio. Inoltre, se state cercando un animale molto attivo che si adatti al vostro stile di vita, ripensate alla vostra decisione. Un gatto British Shorthair potrebbe non essere in grado di tenere il vostro passo.

In ogni altro caso, ben venga! Sono gatti molto sani che daranno molta gioia a voi e alla vostra famiglia.

Gatti British - belli e di carattere

Ai gatti British Shorthair non si può negare bellezza e carattere. Una storia lunga e molto turbolenta li ha quasi fatti estinguere. Si è rischiato di trattare il gatto inglese non come un potenziale animale domestico, ma come una curiosità dell'epoca prebellica.

Grazie alla determinazione e alla dedizione degli amanti dei gatti, i gatti britannici sono sopravvissuti e oggi stanno bene. La storia ha avuto il suo peso su di loro. Sono gatti forti ma gentili. Il più grande di tutti i gatti a pelo corto! Sebbene siano maggiormente associati al colore blu, sono disponibili in così tanti colori che possono far venire le vertigini. Se si volessero elencare tutti i colori, le sfumature e le loro configurazioni ammesse dagli allevatori, ci vorrebbero alcune ore.

I gatti britannici hanno fatto molta strada. Dai tempi dell'Impero Romano, fino ai giorni nostri. Per questo è ancora più importante apprezzarli e rispettarli per quello che sono e per quello che sono diventati nel tempo.

pixel