Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

COSA MANGIA LORICARIIDAE ? COME NUTRIRE LE ALGHE? DOMANDE E RISPOSTE

2023-09-16
COSA MANGIA LORICARIIDAE ? COME NUTRIRE LE ALGHE? DOMANDE E RISPOSTE

LORICARIIDAE è solo un termine colloquiale per indicare un Ancistrus: ci sono molte specie, ma il ancistrus comune è il più popolare ed è quello che incontrerete più spesso. Sono apprezzati dagli acquariofili - anche dai principianti - perché sono economici, facilmente reperibili e relativamente facili da tenere. Pertanto, possono essere gestiti anche da una persona che ha appena iniziato a interessarsi di acquariofilia. Nonostante le loro esigenze relativamente basse, hanno comunque bisogno di cure, condizioni e cibo adeguati. Cosa mangiano le alghe? Quanto vivono? Con quale frequenza bisogna nutrirle? Scopritelo!

Su cosa si basa la dieta delle loricariidae?

Il nome comune di questi pesci è molto fuorviante. Contrariamente a quanto si crede, l'alghivoro non si nutre di alghe: secondo gli studi, infatti, le alghe sono sempre più spesso mangiate da piccoli alghivori. Più invecchiano, più rifuggono dalle alghe a favore di altri alimenti. Che tipo di cibo?

Contrariamente alle apparenze, non tutti i pesci alghivori si nutrono esclusivamente di piante. Molto dipende dalla specie specifica: il Ancistrus comune, oltre alle piante in natura, si nutre anche di larve e insetti ed è quindi una creatura onnivora. Tuttavia, la sua dieta dovrebbe essere dominata dalle piante, che sono di grande importanza per i mangiatori di alghe.

Nella dieta quotidiana è consigliabile utilizzare un mangime specializzato per le loricariidae , con l'importante aggiunta di spirulina. L'alga è una creatura speciale, quindi mangerà preferibilmente cibo sotto forma di compresse affondanti o di fiocchi speciali.

Integrate questa dieta con verdure. Ancistrus non disdegna zucca, broccoli, lattuga a pezzi, piselli, zucca, zucchine o cavolfiori.

Poiché si tratta di una creatura onnivora, ogni tanto - una volta ogni settimana o due sarebbe ottimale - dategli anche del cibo animale. Krill, plancton, pesciolini congelati o anche chironomidi vivi vanno bene.

Il loricariidae e il cibo per pesci d'acquario

Anche i Loricariidae non disdegnano il cibo per pesci d'acquario, anche se non è destinato a loro, ma ad altre specie ittiche. Si avvicinano a ciò che gli altri pesci non hanno mangiato: in questo modo si liberano degli avanzi caduti sul fondo.

Tuttavia, è meglio considerare come base per l'alimentazione gli alimenti sviluppati appositamente per loricariidae e i pesci con una dieta simile. Un buon esempio potrebbe essere Tropoical Mini Algae Wafers di Hikari, oppure Rubin Flakes di Tetra, Malawi Granules, Cichild Sticks, Min Pro Crisp e altri prodotti.

Ricordate che con il tempo loricariidae di grandi dimensioni può diventare schizzinosa e pigra: mangerà solo ciò che è facilmente disponibile e che non richiede un grande sforzo da parte sua.

Con quale frequenza devo nutrire il mio loricariidae ?

La nutrizione loricariidae non è problematica. È sufficiente somministrare una compressa o del cibo in scaglie una volta al giorno. Integrate la loro dieta con cibo fresco: potete somministrare verdure ogni giorno, ma regolate le porzioni in base al numero di alghe presenti nell'acquario.

Ogni pochi giorni somministrare alimenti di origine animale. In questo caso dipende dalla specie: alcune pesci hanno bisogno di proteine animali solo una volta alla settimana o meno, mentre altre ne hanno bisogno più spesso, ad esempio ogni due giorni. Se non siete sicuri delle esigenze alimentari del vostro loricariidae , consultate un veterinario, preferibilmente uno specializzato in pesci d'acquario, o un acquariofilo più esperto.

Quanto vivono gli loricariidae ?

La durata di vita di un pesce dipende molto dalla specie specifica di questo pesce. Il Pterygoplichthys gibbiceps o ha dimensioni fino a cinquanta centimetri e vive circa vent'anni. Le artemie più piccole vivono in media dieci-dodici anni. In base alle dimensioni è possibile determinare la specie specifica di corazziere e da questa si può stabilire l'aspettativa di vita della specie.

Tutto ciò a condizione che nell'acquario siano presenti le giuste condizioni di vita che consentano loro di svilupparsi correttamente e che la loro dieta sia ben bilanciata e fornisca loro tutto ciò di cui gli Ancistrus delle armature hanno bisogno per vivere. La durata della vita è variabile anche a livello individuale: molto dipende anche dalla genetica e dalla resistenza del singolo individuo, quindi due Ancistrus solitari della stessa specie possono avere durate diverse.

Riproduzione delle loricariidae

Con quale frequenza si riproducono gli loricariidae ? È molto difficile rispondere con precisione a questa domanda: alcune specie, nelle condizioni che prevalgono in acquario, non si riproducono affatto o si tratta di un processo estremamente complesso e complicato. Tutto questo perché l'acquario non è il loro habitat naturale.

Tuttavia, gli Ancistrus comuni si moltiplicano abbastanza facilmente. Succede che l'intero processo avvenga senza che l'allevatore ne sia a conoscenza e senza particolari sforzi. La cosa migliore da fare, tuttavia, è mettere loro in un acquario separato: un maschio e due o tre femmine. In questo modo avranno le condizioni più confortevoli per riprodursi e la femmina potrà deporre le uova tranquillamente in un luogo adatto. In natura, si riproducono solitamente in inverno, quindi è possibile abbassare leggermente la temperatura dell'acqua nell'acquario per avviare questo processo.

Alimentazione di loricariidae - riassunto

Cosa mangiano le loricariidae ? Contrariamente alle apparenze, non si tratta di alghe. Si tratta per lo più di ciò che mangiano le loricariidae giovani; con l'avanzare dell'età, diventano sempre più pigre e schizzinose, quindi iniziano a trovare le alghe un alimento problematico. Il nome corretto dell'alga è verme dell'esercito, che si presenta sotto forma di molte specie. Potreste imbattervi nel ancistrus blu, nel ancistrus lamaprata o nel ancistrus comune: quest'ultimo è il più comune in acquario.

A seconda della specie, possono vivere fino a vent'anni. È generalmente accettato che più grande è, più a lungo vive. Tuttavia, tutto dipende dalle condizioni genetiche e dalle condizioni ambientali che si creano per loro nell'acquario. Fortunatamente non sono pesci particolarmente problematici, quindi anche un principiante è in grado di prendersene cura.

Loricariidae è un nome colloquiale e piuttosto fuorviante: preferiscono altre piante piuttosto che le alghe, soprattutto in età adulta. È possibile somministrare loro lattuga, cetrioli, zucca, cavolfiori, broccoli, peperoni e molte altre verdure nell'acquario.

Sebbene l'alimentazione a base vegetale sia molto importante per i ancistrusi, la maggior parte dei ancistrus - compreso il più popolare ancistrus comune - sono onnivori, quindi anche l'alimentazione a base animale è importante per loro e vale la pena nutrirli di tanto in tanto.

pixel