Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

COSA FARE QUANDO IL GATTO NON VUOLE BERE?

2024-02-03
COSA FARE QUANDO IL GATTO NON VUOLE BERE?

Una corretta idratazione del corpo dei gatti è importante per la loro salute. Pertanto, dovremmo controllare la quantità di liquidi che i nostri amici pelosi assumono. Purtroppo, molti gatti sembrano bere poco o niente: un problema piuttosto comune per i loro proprietari. Contrariamente alle apparenze, però, non è sempre un motivo di preoccupazione per il vostro animale. Perché il vostro gatto non beve acqua? O beve poco? Quando dobbiamo preoccuparci e come possiamo incoraggiare il nostro gatto a bere acqua? Quali sono le quantità di acqua da somministrare al gatto?

Che ruolo ha l'acqua nel corpo del gatto e perché è così importante per la sua salute?

L'acqua costituisce il 70-80% della massa corporea magra dei nostri animali domestici. Si trova in ogni cellula, nel sangue e nei fluidi intertessutali. Senza acqua non c'è vita! Grazie ad essa, i processi metabolici hanno luogo nel corpo dei gatti e di altri animali. Permette la digestione e l'assorbimento del cibo, la distribuzione di ossigeno, anidride carbonica e altri composti in tutto il corpo. E così via...

La disidratazione in un gatto può quindi avere gravi conseguenze per la sua salute, come malattie del tratto urinario o danni ai reni e ad altri organi. Una perdita di acqua del 20% può portare alla morte entro 24 ore.

Perché il gatto beve poco?

L'assunzione di acqua è quindi importante per gli organismi viventi quanto il cibo. Allora perché molti gatti bevono poco? O addirittura sembrano rifuggire del tutto dalla ciotola dell'acqua? La soluzione a questo enigma va ricercata innanzitutto nell'origine dei nostri animali domestici.

Il gatto domestico discende dal gatto selvatico africano, noto anche come gatto nubiano. La patria di questa specie è costituita dalle zone calde e secche dell'Africa e della penisola arabica. La natura ha quindi dotato i gatti nubiani di numerosi meccanismi per conservare l'acqua nel loro corpo. I gatti selvatici africani sono anche adattati ad attingere acqua dal corpo degli animali di cui si nutrono e a produrla attraverso processi metabolici.

I gatti domestici hanno ereditato dai loro antenati selvatici tutti gli adattamenti e i comportamenti associati all'assunzione di acqua. Ecco perché spesso il nostro gatto non vuole bere, soprattutto se viene alimentato con cibi ad alta umidità.

Perché il gatto non vuole bere dalla ciotola?

A prescindere da quanto detto sopra, ci possono essere altri motivi per cui un gatto non vuole bere. In particolare, non vuole prendere l'acqua dalla ciotola dell'acqua, perché questa è la cosa più evidente per noi. Il che non significa che non voglia bere affatto....

Acqua potabile di scarsa qualità per il gatto

I gatti sono animali molto schizzinosi, che evitano soprattutto il cibo raffermo. Ci sono molti indizi che indicano che sono capaci di essere schizzinosi quando scelgono l'acqua da bere. Non hanno nemmeno bisogno di assaggiarla: grazie al loro sensibile senso dell'olfatto, sono in grado di rilevare rapidamente che c'è qualcosa che non va.

La scarsa qualità dell'acqua potabile può essere dovuta a contaminanti chimici presenti nell'acqua. Ad alcuni gatti non piace l'odore del cloro, che viene utilizzato per disinfettare l'acqua potabile. Altri gatti, invece, non vogliono bere acqua rimasta troppo a lungo in una ciotola. Questi animali preferiscono fortemente l'acqua molto fresca e fredda, motivo per cui molti di loro sono più propensi a bere direttamente dal rubinetto.

La ciotola sbagliata per l'acqua del gatto

Ci sono molti indizi che indicano che, in alcuni casi, il gatto non vuole bere l'acqua dalla ciotola a causa del materiale di cui è fatta. Può essere un po' sorprendente, ma la materia prima utilizzata per la fabbricazione delle stoviglie per gatti influisce sul sapore dell'acqua che serviamo al vostro animale.

Anche la forma e le dimensioni del recipiente in cui serviamo cibo e acqua al peloso fanno la loro parte. La riluttanza del gatto a usare la ciotola può essere il risultato di una scelta non corretta in termini di queste caratteristiche.

Rivalità tra gatti

Quando più gatti vivono insieme sotto lo stesso tetto, anche la rivalità tra loro può essere la causa dei problemi discussi. Uno dei pelosi è talmente intimidito dal suo compagno o dai suoi compagni che ha paura di avvicinarsi alle ciotole e di bere l'acqua. In una situazione del genere, il gatto non solo non vuole bere, ma non mangia nemmeno.

Cosa fare quando un gatto beve poco?

Un gatto di taglia media ha bisogno di circa un bicchiere d'acqua al giorno. Tuttavia, questo non significa che debba bere per forza questa quantità. Come già sappiamo, i nostri pelosi fanno le fusa anche grazie al cibo che mangiano, come quello umido, e ai processi metabolici che avvengono nel loro corpo. Quindi, se il gatto è restio a bere acqua dalla ciotola, la cosa più semplice da fare è aumentare la percentuale di cibo umido per gatti nel menu del nostro animale, o introdurlo nella sua dieta se finora ha mangiato solo cibo secco.

Il cibo medio per gatti contiene in media il 70-80% di acqua. Anche la carne e gli altri alimenti naturali di origine animale hanno un contenuto di umidità simile. Questo è sufficiente a coprire ampiamente il fabbisogno idrico giornaliero del nostro animale. Un'altra soluzione ai problemi di assunzione di acqua da parte del nostro animale è quella di versare brodi di carne sul cibo secco (questi possono essere aggiunti anche al cibo umido per gatti).

Questi brodi sono facili da preparare da soli, ma è anche possibile acquistare condimenti speciali per il cibo per gatti in un negozio di animali. Spesso i gatti non vogliono bere l'acqua della ciotola, ma leccano volentieri la salsa o la gelatina del cibo umido.

Ricordate inoltre che la dieta del gatto deve essere ricca di proteine.

Come posso incoraggiare il mio gatto a bere acqua?

Oltre a un eventuale cambio di dieta, è opportuno incoraggiare il gatto a bere acqua. Come fare?

Cambiare la ciotola dell'acqua del gatto

Quando il nostro gatto è riluttante a bere, proviamo a cambiare la ciotola in cui gli diamo l'acqua: forse questo lo incoraggerà ad assumere liquidi? Le ciotole per gatti in metallo e ceramica sembrano funzionare meglio come recipienti per l'acqua, perché la mantengono più fresca più a lungo. Naturalmente, alcuni pelosi possono preferire le ciotole di plastica: è necessario tenere conto delle preferenze individuali del vostro amico.

La risposta alla domanda su come incoraggiare il gatto a bere l'acqua può anche essere quella di spostare la ciotola dell'acqua del gatto in un'altra posizione e dare l'acqua al gatto lì. Un'altra soluzione è quella di fornire al vostro micio diversi recipienti per bere.

Cambiare più spesso l'acqua nella ciotola

La soluzione al problema qui discusso consiste nel cambiare molto spesso l'acqua nella ciotola. Possiamo anche provare a dare al gatto acqua filtrata o bollita e raffreddata.

Mettere una fontana per gatti al posto della ciotola

Se il nostro gatto non beve acqua, possiamo offrirgli una fontana speciale per gatti. Si tratta di un tipo di abbeveratoio per gatti in cui l'acqua è in costante movimento. Una fontana è spesso la risposta ideale alla domanda su come incoraggiare un gatto a bere acqua. I felini amano molto questo tipo di beverino perché l'acqua in esso contenuta rimane fresca più a lungo. Infatti, essendo in movimento, viene costantemente ossigenata e quindi il gatto la beve più facilmente.

Risolvere i problemi comportamentali del gatto

Quando il motivo per cui un gatto non vuole bere dalla ciotola è dovuto a problemi comportamentali, l'unico modo è risolverli. Se, ad esempio, il comportamento dell'animale è dovuto alla competizione tra i gatti, vale la pena cercare di conciliarli, iniziando ad aumentare il numero di ciotole in modo che ognuno abbia la sua.

Come capire perché il nostro gatto non vuole bere l'acqua?

Un modo per scoprire perché il nostro gatto beve poco o non guarda affatto la ciotola è osservare il suo comportamento. Tra le altre cose, prestate attenzione se il gatto utilizza altre fonti d'acqua in casa, ad esempio la toilette, il rubinetto che gocciola, ecc. I gatti che vivono all'aperto possono soddisfare la loro sete all'aperto.

Dobbiamo anche considerare la dieta del nostro peloso. Se è basata su alimenti ricchi e ultra-idratati, forse copre anche, almeno in gran parte, il fabbisogno idrico del gatto? È inoltre necessario considerare il rapporto del gatto con gli altri membri della famiglia. E questo vale sia per i gatti a quattro zampe che per quelli a due zampe. Cercate eventuali segni di stress in un animale domestico che fa le fusa.

Come si fa a sapere se il gatto è disidratato?

I segnali che indicano che il gatto è sotto-idratato sono la bocca secca, la saliva appiccicosa, la diminuzione dell'elasticità della pelle, le palpebre infossate e i disturbi cardiaci. Tuttavia, è difficile riconoscere da soli la disidratazione in un gatto, soprattutto se è relativamente lieve. Pertanto, è meglio consultare il veterinario.

Il gatto beve poco: cerchiamo la causa, ma niente panico!

Se il nostro gatto non vuole bere, dobbiamo verificare la causa e risolvere il problema, poiché la disidratazione può avere gravi conseguenze per la salute. Nella maggior parte dei casi, quando un gatto peloso assume piccole quantità di liquidi, non dobbiamo temere per il nostro animale. Sta semplicemente usando il cibo come fonte d'acqua... o invece di bere da una ciotola, beve dal rubinetto o dalla toilette. Abbiamo motivo di preoccuparci quando il gatto mostra segni di disidratazione. Per determinarlo, è meglio andare con l'animale dal veterinario.

pixel