Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

COMPORTAMENTO DEL GATTO: COSA SIGNIFICA? LINGUAGGIO DEL GATTO E LINGUAGGIO DEL CORPO

2023-08-16
COMPORTAMENTO DEL GATTO: COSA SIGNIFICA? LINGUAGGIO DEL GATTO E LINGUAGGIO DEL CORPO

Ogni specie vivente sul pianeta ha sviluppato un proprio sistema di comunicazione. Anche i nostri pelosi lo hanno fatto. Sebbene non possano parlare, sono in grado di comunicare tra loro trasmettendo informazioni attraverso il cosiddetto linguaggio non verbale, altrimenti noto come linguaggio del corpo. Se impariamo il linguaggio dei gatti, possiamo capire meglio il nostro animale. Come si interpreta il comportamento del gatto?

Il complesso linguaggio del corpo del gatto

Il linguaggio dei gatti è un sistema complesso di espressioni facciali, postura e posizionamento del corpo, comportamento e una varietà di suoni. Grazie ad essi, l'animale è in grado di esprimere tutte le sue emozioni e di influenzare il comportamento degli altri membri della sua specie.

I gatti hanno espressioni facciali relativamente poco sviluppate, ad esempio rispetto ai cani. Forse è per questo che molte persone hanno difficoltà a interpretare correttamente l'espressione del volto di un gatto. Cosa ci dicono le espressioni facciali dei gatti? In che modo i nostri animali domestici esprimono le emozioni con lo sguardo, il movimento delle orecchie e così via?

Le orecchie del gatto

Le orecchie (propriamente i padiglioni auricolari) sono la parte più eloquente del linguaggio dei gatti. Dai loro movimenti e dal loro posizionamento possiamo leggere molte delle emozioni che il nostro animale sta vivendo. Un animale rilassato posiziona le orecchie in avanti e leggermente di lato, in modo che anche quando riposa possa sentire bene i suoni circostanti.

Le orecchie rivolte in avanti, nella direzione dello sguardo, indicano vigilanza o interesse per qualcosa. I movimenti rapidi dei padiglioni auricolari indicano che il gatto è nervoso o che ha sentito qualche suono fastidioso e sta cercando di determinarne la fonte. Nella postura minacciosa di un gatto combattivo, le orecchie dei padiglioni auricolari sono rivolte verso la parte posteriore della testa, in modo che il lato posteriore delle orecchie sia visibile dalla parte anteriore. In una postura difensiva, invece, le orecchie sono appoggiate alla testa.

Occhi di gatto

Anche gli occhi di un gatto possono esprimere molte emozioni. Se sono spalancati esprimono paura o grande curiosità, se sono socchiusi segnalano rilassamento, rabbia o... calore in una gatta femmina. L'interpretazione corretta dipende dalle circostanze e dal comportamento del gatto in quel momento. Anche le emozioni forti possono essere espresse da un'ampia dilatazione delle pupille.

Tuttavia, non saltiamo a conclusioni troppo affrettate, perché potrebbe trattarsi di una normale reazione a una bassa intensità del mondo. Lo sguardo intenso su un altro animale o su un essere umano si accompagna a un atteggiamento minaccioso e aggressivo. D'altro canto, può esprimere un forte attaccamento alla persona che lo accudisce. Inoltre, può anche essere un segno di semplice curiosità.

Labbra, denti e lingua del gatto

Sollevare le labbra e mostrare i denti può essere interpretato come una minaccia. A seconda delle circostanze e di altri elementi del discorso del gatto (suoni, espressioni facciali e postura del corpo), può trattarsi di una minaccia accompagnata da rabbia o paura. Naturalmente, l'animale espone i denti anche quando sbadiglia.

È interessante notare che questo comportamento del gatto può essere una semplice reazione alla stanchezza o all'ipossia, ma a volte è anche un sintomo di stress. Il caratteristico schiocco dei denti, che non di rado osserviamo in un gatto che osserva gli uccelli fuori dalla finestra, è un sintomo di eccitazione per la caccia. Il gatto peloso vorrebbe catturare la sua preda, ma può raggiungerla.

Quando il gatto solleva le labbra come se fosse disgustato da qualcosa, in realtà ha percepito il piacevole odore dei feromoni sessuali felini. Leccarsi le labbra, invece, può essere un segno di insicurezza, di intrigo e di agitazione interiore. Naturalmente, questo comportamento del gatto può anche indicare che il nostro animale è sazio e/o vuole lavarsi.

Baffi del gatto

I baffi dei gatti sono in realtà baffi specializzati, che chiamiamo correttamente vibrisse. Le vibrisse aiutano il gatto a orientarsi nello spazio e a prendere coscienza di ciò che lo circonda, per cui, quando concentra la sua attenzione su qualcosa, lo dirige in avanti. Quando il gatto è nervoso o confuso, può muovere i baffi nervosamente.

In caso di rabbia o paura, invece, l'animale peloso di solito preme le vibrisse più o meno contro le guance. Quando è rilassato, le distende liberamente ai lati.

Cosa ci dice il comportamento del gatto?

Osservando attentamente il comportamento di un gatto, possiamo imparare molto su ciò che ha "nell'anima". Ciò include elementi del linguaggio del gatto come la postura del corpo, i movimenti della testa, della coda e il posizionamento o i movimenti delle zampe. Cosa ci dice il linguaggio del corpo del gatto?

La postura del corpo del gatto

Le zampe erette, il corpo arcuato, la coda sollevata e il pelo arruffato sono tipiche posture di difesa accompagnate da soffi di paura e rabbia. In questo modo, il gatto cerca inconsciamente di sembrare più grande e minaccioso di quanto non sia in realtà, per spaventare l'avversario ed evitare la lotta.

Accucciarsi e raggomitolarsi accompagna una forte paura. Anche questo è un comportamento difensivo del gatto, ma in questo caso l'animale cerca di convincere il nemico di non essere una minaccia. Al contrario, un gatto aggressivo e sicuro di sé terrà la schiena dritta. Un gatto rilassato si comporta allo stesso modo, ma non sta in piedi o si muove rigidamente sulle zampe come un animale in posizione minacciosa.

La coda del gatto

Un gatto rilassato di solito porta la coda leggermente abbassata o allineata alla colonna vertebrale. A differenza dei cani, nei gatti la coda alta segnala intenzioni amichevoli. Se non è accompagnata da un inarcamento della schiena, si tratta di una postura minacciosa e improntata alla paura. Lo stesso vale per l'arricciamento della coda.

Nei cani è un segno di sottomissione, nei gatti questo comportamento è accompagnato da un atteggiamento aggressivo e minaccioso. Lo scodinzolio nervoso - contrariamente agli stereotipi - non indica necessariamente che il gatto è di cattivo umore. In realtà, si tratta di una manifestazione esterna di un conflitto interno di emozioni opposte.

Una di queste può essere o meno la rabbia. Potrebbe anche trattarsi di paura e curiosità. Più forte è il conflitto, più velocemente si muove la coda.

Gatto che "agnella" e si strofina

Ogni guardiano di gatti ha familiarità con questo comportamento: i famosi ""agnelli"", ovvero il punzecchiamento e lo sfregamento della testa. Si tratta, ovviamente, di un segnale di affetto felino, di un segno di non aggressione e di un modo per mitigare l'aggressività negli individui più forti. Lo sfregamento ha anche un altro significato. In questo modo l'animale lascia il proprio odore.

Sulle guance del gatto sono infatti presenti ghiandole odorose che secernono feromoni di gatto. Si tratta di sostanze odorose che servono a comunicare all'interno della specie. I gatti non si strofinano solo con la testa, ma anche con tutto il corpo, spesso contro le nostre gambe. È così che i gatti da pelliccia salutano di solito i loro padroni.

Si tratta quindi di un segno di affetto - come nel caso degli "agnelli - serve a scambiarsi gli odori, che hanno un ruolo importante nella vita dei nostri quadrupedi che fanno le fusa.

Leccare il viso, le mani e il pelo, e a volte mordere leggermente

Anche questo comportamento del gatto è un segno di affetto e serve a rafforzare i legami sociali. Anche afferrare delicatamente le mani o le guance con i denti, sebbene si possa fraintendere, riflette l'affetto felino.

Sdraiarsi sulla schiena e annusare la pancia

Questo comportamento è familiare a tutti i felini. Sdraiarsi sulla schiena e mostrare la pancia ha ovviamente un significato positivo: l'animale è rilassato e spesso desideroso di giocare. Si ritiene che questo sia un segno dell'alto livello di fiducia del gatto nei confronti del suo padrone. Tuttavia, non sempre significa che il peloso voglia essere accarezzato sulla pancia.

Ginocchia, cuscini o lenzuola inginocchiate

L'impastamento ritmico del grembo della persona che si occupa della cura o della lettiera è chiamato passo del latte, perché in questo modo i gattini che allattano stimolano le ghiandole lattifere della madre a produrre cibo. Nel caso dei gatti adulti, l'impastamento delle zampe della badante o della lettiera indica che al momento sono tranquilli e felici, proprio come quando erano sdraiati accanto alla madre.

Suoni del gatto

I suoni emessi dai nostri pelosi non fanno parte del cosiddetto linguaggio del corpo dei gatti, ma senza dubbio servono anche alla comunicazione intra ed extra-specifica. E svolgono un ruolo importante in questo senso! Ecco perché è necessario parlare anche di loro.

Miagolio del gatto

Il suono più caratteristico dei gatti - il miagolio - ha molti significati. Può essere un'espressione di solitudine, di dolore, un richiamo da parte di chi si prende cura di lui, una richiesta di contatto fisico o di cibo, e così via. È estremamente interessante che i gatti adulti usino il miagolio. Ancora più interessante è il fatto che la frequenza dei suoni prodotti durante il miagolio corrisponde a quella del pianto di un bambino umano. Ecco perché è così difficile per noi resistere ai miagolii supplichevoli dei nostri animali domestici. Nel contatto interspecie, il miagolio è più spesso usato tra una madre e i suoi figli.

Miagolio del gatto

Le fusa dei gatti non sono solo un'espressione di soddisfazione dei nostri animali domestici. I gatti fanno le fusa in diverse situazioni, anche quando sono malati o stanno morendo. Il noto zoologo e comportamentista britannico Desmond Morris ritiene che le fusa debbano essere interpretate come un bisogno di vicinanza o di aiuto da parte di qualcuno.

Fischi e sbuffi

Questi elementi del linguaggio dei gatti sono una manifestazione di aggressività passiva, una forma di autodifesa. In questo modo, i gatti cercano di spaventare un avversario più forte e di evitare una lotta in cui potrebbero essere sbranati. Desmond Morris, citato in precedenza, considera l'odore del gatto come una forma - il pelo sibilante imita un serpente, che è un predatore molto pericoloso.

Gli odori come parte del linguaggio felino

Il linguaggio felino comprende anche il discorso degli odori. Questo, però, è per lo più completamente inaccessibile per noi. Sì, possiamo sentire l'odore dell'urina del gatto, ma la storia finisce lì. Nel frattempo, per i nostri animali domestici, l'odore porta con sé molte informazioni importanti. Viene utilizzato per attirare un partner, marcare un territorio, rafforzare i legami sociali, ecc.

Il linguaggio dei gatti: difficile e facile allo stesso tempo

Come si può vedere da quanto detto sopra, il linguaggio dei gatti non è affatto semplice. Tuttavia, con un po' di impegno siamo in grado di imparare quest'arte. Soprattutto, dobbiamo ricordarci di non interpretare ogni elemento del linguaggio non verbale del gatto senza tener conto di tutti gli altri. Da un certo punto di vista, il linguaggio non verbale felino assomiglia al linguaggio verbale.

pixel