Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

COME CALMARE IL GATTO? MODI DI FARE DEL COMPORTAMENTISTA PER GATTI

2023-01-25
COME CALMARE IL GATTO? MODI DI FARE DEL COMPORTAMENTISTA PER GATTI

Emozioni come la paura o la rabbia sono perfettamente normali. Permettono alle nostre carcasse perfette di funzionare nel mondo e di evitare i pericoli; le motivano a scappare o a combattere. Tuttavia, possono anche causare problemi. Particolarmente problematici e persino pericolosi sono i casi di stress cronico nei gatti e quelli accompagnati da aggressività. Vale quindi la pena di sapere come calmare il gatto quando è necessario.

Quando il gatto corre come un matto....

Come si fa a calmare un gatto? A dire il vero, questo non è sempre necessario, ad esempio quando un comportamento apparentemente nervoso non lo è. Probabilmente sapete che i gatti a volte corrono come matti per l'appartamento. Tuttavia, di solito non dura troppo a lungo e gli animali si calmano in tempi relativamente brevi.

Questo perché in questi casi non si tratta di paura o aggressività, ma della necessità di scaricare l'energia in eccesso. Gli animali non hanno la possibilità di svolgere un'intensa attività fisica quando sono confinati tra quattro mura. Questo non è il caso dei gatti all'aperto, che cacciano, scappano dai nemici o competono tra loro.

Gatto iperattivo

Dobbiamo anche sapere che l'attività fisica quotidiana dei nostri gatti dipende anche dal loro temperamento, ed è per questo che alcuni pelosi sono molto più attivi di altri. Si tratta di una caratteristica sia individuale - alcuni individui sono eccessivamente nervosi e reagiscono con troppa violenza agli stimoli esterni - sia specifica della razza - ad esempio i gatti blu di Russia sono per natura molto più attivi fisicamente dei gatti persiani. Purtroppo, un gatto iperattivo può causare ulteriori problemi a chi se ne prende cura.

Cause del comportamento nervoso nei gatti

Come si fa a calmare un gatto? Una delle chiavi del successo è sapere qual è l'origine del suo comportamento nervoso. È quindi più facile trovare una buona soluzione al problema. In termini più generali, in questo caso lo stress è alla base dei problemi del vostro animale domestico. Tuttavia, la risposta precedente non è sufficiente. Le cause dello stress, e quindi del comportamento nervoso, possono essere molteplici.

È difficile elencarli tutti, quindi ci limitiamo a citare i più comuni. Questi sono:

  • nel caso dei gattini, l'allontanamento troppo precoce dalla madre,
  • rumore,
  • luci brillanti,
  • rivalità tra gatti che vivono insieme,
  • un gatto aggressivo nelle vicinanze,
  • l'arrivo di un cane nelle vicinanze,
  • l'arrivo di un nuovo membro della famiglia, sia umano che animale,
  • comportamento nervoso degli assistenti,
  • perdita temporanea o permanente di un assistente a cui il gatto è particolarmente legato,
  • grandi cambiamenti nell'ambiente,
  • visite di estranei.

Come calmare un gatto piccolo?

Quando scrivo di gattini nel contesto di questo articolo, mi riferisco a soggetti che dovrebbero essere ancora con la madre, dalla quale dipendono completamente.

Quando perdono la madre prematuramente, si sentono smarriti e spaventati, cosa che esprimono, tra l'altro, con un comportamento nervoso, nascondendosi negli angoli e emettendo miagolii luttuosi. Dobbiamo fornire a questo orfano non solo cibo e un tetto sopra la testa, ma anche un senso di sicurezza. Come possiamo farlo? Come si fa a calmare un gatto piccolo?

Tenere compagnia

I gattini più piccoli non devono essere lasciati soli per troppo tempo. E più sono giovani, più richiedono attenzione.

Toccatelo spesso

Come si fa a calmare un gatto piccolo? La cosa più importante è il contatto fisico, cioè toccarsi, accarezzarsi e prendersi in braccio di frequente. In questo modo i bambini si sentono al sicuro. Inoltre, gli scienziati hanno dimostrato che il tocco di chi si prende cura dei gattini ha un effetto benefico sul loro sviluppo fisico.

Parlare con lui

È bene parlare spesso con il gatto. Basta evitare il tono acuto con cui spesso parliamo ai bambini.

Gioca con lui

Giocare tranquillizza anche il piccolo gatto. Tra l'altro, perché lo distrae dagli stimoli stressanti. Il gioco favorisce anche lo sviluppo mentale dei “bambini” e aiuta a rafforzare i legami emotivi tra loro e gli esseri umani.

Distrarlo dallo stimolo stressante

Distrarre il gattino dalla fonte di stress è di solito un modo molto efficace per farlo, in quanto il piccolo dimentica la paura. Questo si può ottenere incoraggiandolo a giocare, parlandogli, accarezzandolo, dandogli delle leccornie.

Comportarsi con calma

Ricordate che i gattini imparano per imitazione. Il nostro nervosismo è un segnale per loro che sta accadendo qualcosa di sbagliato. Se siamo nervosi, non riusciremo quindi a calmare il gattino.

C'è un'altra cosa da dire: accorrete in aiuto del gattino solo se necessario. Non confortatelo ogni volta che si spaventa. Adattare anche la forma di consolazione alla situazione in corso. In questo modo insegniamo a un piccolo animale di cosa deve avere paura e di cosa non deve avere paura.

Come si fa a calmare un gatto spaventato in caso di stress di breve durata?

Nella maggior parte dei casi, lo stimolo stressante non dura a lungo e quando scompare l'animale si calma da solo. Di solito, quindi, il nostro intervento è necessario solo se il gatto si agita a lungo dopo la scomparsa della fonte di stress o nei casi in cui i sintomi di stress sono molto forti. Come si fa a calmare un gatto spaventato?

Parlare con lui

Il modo più semplice per calmare un gatto arrabbiato è parlargli con voce dolce e delicata. Cercate di farlo sembrare naturale.

Accarezzatelo

Anche accarezzare il gatto può essere la risposta per calmare un gatto spaventato. Tuttavia, dobbiamo fare attenzione, perché un animale molto nervoso potrebbe attaccarci. Pertanto, questo metodo funziona meglio con i pelosi che sono estremamente legati emotivamente ai loro detentori.

Cercate di reindirizzare la sua attenzione

Possiamo anche cercare di concentrare l'attenzione del gatto su qualcosa di diverso dallo stimolo stressante. Potrebbe trattarsi del suo giocattolo preferito o di un dolcetto di qualche tipo.

Comportarsi con calma

E soprattutto: per calmare il gatto, dovremmo comportarci noi stessi in modo calmo, in qualsiasi circostanza. Questo perché il nostro nervosismo si trasmette al gatto.

Come si fa a calmare un gatto spaventato in caso di stress cronico?

Il vero problema sorge in caso di stress cronico. Si verifica quando l'animale è continuamente esposto a uno stimolo negativo, ad esempio quando è costretto a vivere sotto lo stesso tetto di un cane temuto. Come si fa a calmare un gatto spaventato in caso di stress cronico?

Eliminare la fonte di stress

Il modo più semplice per calmare un gatto spaventato è eliminare la fonte di stress. Questo non sempre funziona immediatamente. A volte è necessario un po' di tempo o una terapia comportamentale aggiuntiva. Tuttavia, di solito ottiene l'effetto desiderato.

Rivalutare lo stimolo negativo

Purtroppo non è sempre possibile eliminare uno stimolo stressante. In una situazione del genere, possiamo cercare di renderla positiva o almeno neutra. Non è facile: un bocconcino, un giocattolo o anche delle parole affettuose possono aiutare. A volte il gatto si abitua semplicemente ai frequenti stimoli stressanti, se non sono accompagnati da sensazioni spiacevoli.

Organizzare la casa di modo che sia adeguata

Una parte importante della terapia comportamentale per lo stress cronico nel gatto è la corretta sistemazione dello spazio in cui vive. Sarebbe bene che fosse il più vario possibile. Soprattutto, è necessario che ci sia una varietà di nascondigli in cui l'animale si senta al sicuro. Dovrebbero esserci molte zone alte da cui l'animale possa osservare l'ambiente circostante. Dovrebbero essere presenti anche attrezzature per arrampicarsi, saltare e giocare.

Incoraggiare il gioco

In che altro modo si può calmare un gatto spaventato? Incoraggiandolo a muoversi. Qualsiasi forma di attività, in particolare il gioco con un assistente, distrarrà l'animale dallo stimolo stressante.

Utilizzare i feromoni per gatti

Sul mercato degli animali domestici si trovano anche equivalenti artificiali dei feromoni naturali per gatti. Sono le sostanze che i nostri animali domestici utilizzano per l'importanza della revir. Per l'olfatto umano sono impercettibili, ma il loro odore ha un effetto calmante sui gatti. Non aggraveranno il problema, ma potranno essere d'aiuto. Pertanto, questi composti meritano di essere utilizzati come ausili per la terapia comportamentale nei casi di stress cronico nei gatti.

Somministrare preparati calmanti

In casi estremi di forte stress cronico, possiamo anche ricorrere ai sedativi. Ricordatevi di consultare il veterinario prima di somministrarli al vostro gatto. Anche se si tratta di rimedi erboristici blandi.

Come si fa a calmare un gatto?

Come si fa a calmare un gatto? Da quanto detto si evince che questo compito è a volte molto facile, ma a volte è anche molto difficile e richiede una terapia comportamentale più lunga. Innanzitutto, è necessario considerare le cause del comportamento ansioso e nervoso del nostro animale domestico.

Queste possono essere molto varie e complesse. È inoltre necessario prendere in considerazione le caratteristiche psicologiche e il temperamento del singolo animale. L'ideale sarebbe quindi evitare le situazioni di stress, cosa che purtroppo non è del tutto possibile.

pixel