Salva nella lista della spesa
Crea una nuova lista della spesa

COME ADDOMESTICARE UN GATTO - PICCOLO E ADULTO? “ARTE” DI ADDOMESTICARE I FELINI

2024-02-22
COME ADDOMESTICARE UN GATTO - PICCOLO E ADULTO? “ARTE” DI ADDOMESTICARE I FELINI

Il gatto è una specie domestica. Inoltre, i suoi rappresentanti sono annoverati tra i cosiddetti animali da compagnia, o semplicemente animali domestici. Per definizione, dovrebbero essere fiduciosi nei confronti delle persone e cercare il contatto con i loro proprietari. A parte i gatti che vivono in libertà, la paura dell'uomo nei gatti dovrebbe essere considerata come qualcosa di innaturale. Purtroppo, per una serie di ragioni, alcuni pelosi hanno paura delle persone, a volte addirittura si lasciano prendere dal panico.

La buona notizia per chi si prende cura di questi selvaggi felini è che con la giusta terapia comportamentale è possibile modificare l'atteggiamento dell'animale nei confronti delle persone. Tuttavia, dobbiamo essere consapevoli che addomesticare un gatto non è sempre un compito facile. A volte richiede molto lavoro, ma lo sforzo vale la pena. Soprattutto la pazienza è la chiave del successo, anche se fattori come l'età del gatto e il motivo della paura dell'uomo giocano un ruolo importante. Come si addomestica un gatto?

Perché un gatto è "selvatico"?

Da dove provengono i " gattini scorbutici", che evitano il contatto con l'uomo e a volte sono persino impauriti e spaventati dalle persone? Le ragioni di questo comportamento sono molteplici e vanno da quelle - come possiamo definirle - primarie a quelle secondarie. La fonte primaria della nostra paura è la totale mancanza di contatto diretto con gli esseri umani durante l'infanzia. Questo è particolarmente vero per i gatti liberi, che sono cresciuti in isolamento dagli esseri umani fin dalla nascita e non sono mai stati presi in braccio o anche solo toccati da loro.

Questi gatti non hanno necessariamente sperimentato l'aggressività umana. Semplicemente, come tutti gli animali selvatici, mostrano il cosiddetto istinto di autoconservazione. Questo istinto li spinge a scappare da creature più grandi e più forti, perché potrebbero essere pericolose. Un'altra fonte di evitamento del contatto umano nei gatti è la socializzazione impropria. Anche se i gatti sono nati vicino agli esseri umani o addirittura in casa, sono stati educati in modo scorretto.

Questo include un contatto insufficiente con una persona che si prende cura del gatto e che trascorre poco tempo con lui. Naturalmente, la paura secondaria dell'uomo nei gatti è anche radicata in esperienze negative con i rappresentanti della nostra specie. I pelosi hanno perso la fiducia negli esseri umani a causa dei danni che hanno subito da loro.

Superare la paura

Addomesticare un gatto significa superare la sua paura di noi, della nostra vicinanza e del nostro tocco. Questo processo può essere molto lungo e richiede molta pazienza e costanza. Dobbiamo anche ricordare che, in alcuni casi estremi, anche un piccolo errore nella terapia può distruggere settimane di lavoro precedente con l'animale.

Come addomesticare un gatto? Per ottenere la fiducia di un quadrupede che fa le fusa, dobbiamo creare nella sua mente associazioni positive con gli esseri umani. A tale scopo possiamo utilizzare diversi mezzi, come bocconcini e giocattoli. La cosa più importante, tuttavia, è trattare l'animale con delicatezza. Esistono alcune regole generali per trattare con un gatto timoroso, di cui parleremo tra poco. Tuttavia, la nostra terapia deve essere adattata al singolo caso per ottenere il massimo effetto. A tal fine, è opportuno tenere conto dell'origine della paura del gatto nei confronti delle persone, se questa è nota, ovviamente.

Familiarizzazione dei gattini

Un fattore molto importante che influenza il processo di addomesticamento di un gatto è la sua età. Guadagnare la fiducia di una piccola palla di pelo è molto più facile che con un gatto adulto. Come tutti i bambini, i gattini sono più fiduciosi degli adulti e si adattano più rapidamente alle nuove condizioni. Più il gatto è giovane, più è facile fargli il solletico.

I gattini provenienti da buoni allevamenti non hanno molti problemi ad abituarsi a un nuovo tutore, poiché hanno già interagito con le persone fin dalla nascita. Anche se un gattino di questo tipo è inizialmente un po' timido nei nostri confronti, è sufficiente coccolarlo, accarezzarlo e giocarci spesso nei primi giorni per conquistare il suo amore. È inoltre importante che anche la madre di questi gattini sia un animale completamente addomesticato.

Questo perché i piccoli pelosi imparano per imitazione, osservando il comportamento dei genitori. Se lei non scappa dalle persone, non lo fanno nemmeno i suoi piccoli. I piccoli imparano anche dagli altri gatti, quindi i gattini che sono in compagnia di pelosi più grandi e gentili si addomesticano più rapidamente. La sfida è maggiore quando si accoglie un gattino da un rifugio o direttamente dalla strada. È molto probabile che abbia avuto esperienze negative con le persone e che una casa umana sia un ambiente completamente estraneo per lui. È necessario concedere a questo gattino un po' più di tempo.

In termini generali, addomesticare un piccolo felino selvaggio è esattamente come addomesticare un gatto adulto. Solo che le singole fasi del processo sono molto più brevi e possiamo - e dobbiamo - iniziare a toccare il bambino molto prima. C'è anche un ruolo maggiore per il gioco, a cui gli animali giovani sono molto inclini.

Come si addomestica un gatto adulto?

Addomesticare un gatto adulto può essere un processo molto lungo e faticoso. Il nostro "selvaggio" deve non solo guadagnare fiducia in noi, ma anche abituarsi alla nuova casa, cosa non facile per lui. Questo perché i gatti si affezionano molto al loro territorio e quando si trasferiscono in un luogo nuovo e sconosciuto perdono il loro senso di sicurezza.

Quando si porta a casa il gatto, è meglio non mettergli a disposizione tutte le stanze in una volta sola. All'inizio è meglio dedicargli una stanza, dove gli sarà garantita la pace e la tranquillità. Mettiamo dei nascondigli, che possono essere anche scatole di cartone, che tutti i pelosi adorano. Allo stesso tempo, dobbiamo evitare che l'animale si nasconda dietro un armadio o in altri luoghi da cui sarebbe difficile tirarlo fuori. Oltre ai nascondigli, la stanza deve ovviamente contenere tutti gli altri accessori necessari per i gatti. Tra questi, la lettiera, il tiragraffi, le ciotole per l'acqua e il cibo e vari giocattoli. Sarebbe bene che almeno alcuni di questi oggetti provenissero dalla precedente abitazione del gatto, in quanto ciò faciliterebbe l'ambientamento del gatto nella nuova casa. Durante le prime settimane di permanenza sotto il nostro tetto, dobbiamo fare in modo che il gatto sia il più tranquillo possibile.

Naturalmente, non dobbiamo tenere l'animale in completo isolamento. Al contrario, è consigliabile stargli vicino in modo che possa osservarci, ma non permettiamo agli estranei di avvicinarsi a lui. Tuttavia, non bisogna forzare il contatto fisico se lui non lo vuole. Dovremmo aspettare che ci permetta di accarezzarlo e poi prenderlo in braccio. Un modo eccellente per incoraggiare il contatto con l'accuditore è quello di dare all'animale dolcetti di vario tipo. Questo è un modo per creare associazioni positive con persone e luoghi. Ricompensate i comportamenti positivi del vostro animale con delle leccornie. Tuttavia, non bisogna esagerare con le leccornie, perché il gatto potrebbe annoiarsi rapidamente.

Quando si è in compagnia del peloso, bisogna parlargli il più spesso possibile con voce dolce, calma e tranquilla. La cosa migliore è abbassarsi al livello del peloso il più spesso possibile. Letteralmente! Accovacciamoci o sediamoci per terra, in modo da sembrare meno minacciosi per il gatto! Una volta che siamo riusciti a conquistare la fiducia del gatto - almeno al punto che non ha paura di avvicinarsi a noi e di farsi toccare - possiamo permettergli di familiarizzare con l'intero appartamento. A tal fine, apriamo la porta della stanza in cui si trova il gatto e lasciamogli esplorare gradualmente il resto della stanza da solo.

Feromoni per gatti, erba gatta e sostanze simili

Addomesticare un gatto libero adulto è possibile, ma molto difficile. Molti comportamentisti ritengono che un gatto così peloso non si comporterà mai come un animale domestico. Il motivo è la mancanza di contatto con gli esseri umani durante l'infanzia. Pertanto, è molto più facile addomesticare un gattino nato in natura. A dire il vero, però, addomesticare i gatti selvatici è accettabile solo in situazioni eccezionali. Per esigenze particolari è meglio non farlo. Questi animali da pelliccia, per il loro bene, dovrebbero rimanere diffidenti nei confronti dell'uomo. I gatti adulti che vivono in libertà non devono essere sottratti al loro ambiente. Anche quelli catturati temporaneamente, ad esempio per cure mediche, dovrebbero essere restituiti alla natura.

pixel